TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I continenti della Terra sono stati creati dall’impatto di meteoriti giganti

Circa quattro miliardi di anni fa, quando la Terra aveva solo mezzo miliardo di anni, massicce rocce spaziali andarono alla deriva nella parte più profonda del nostro sistema solare.

Alcuni di loro sono finiti nell’orbita terrestre e si sono schiantati come meteoriti sulla sottile superficie del giovane pianeta, dove si erano appena formate le prime placche continentali stabili.

Nei luoghi dell’impatto sono sorte le fondamenta di molti dei continenti che abbiamo oggi.

Nuove prove per la vecchia teoria

La formazione dei continenti della Terra è sempre stata un mistero per i geologi, soprattutto perché la Terra è l’unico pianeta conosciuto con i continenti e la teoria secondo cui i meteoriti hanno formato i continenti esiste da decenni.

Ora questo può essere definitivamente dimostrato da un gruppo di ricercatori della School of Earth and Planetary Sciences della Curtin University, che hanno pubblicato i loro risultati. nella rivista di natura.

Una massiccia pioggia di meteoriti ha formato cristalli

I primi continenti stabili della Terra sono chiamati kraton e si ritiene che si siano formati durante il pesante bombardamento di meteoriti.

Il Pilbara Craton in Australia è uno dei bastoni meglio conservati e i cristalli di zircone della zona contengono prove dell’influenza di questo periodo.

“Esaminando piccoli cristalli dello zircone minerale nelle rocce del cratere Pilbara nell’Australia occidentale, che sono i resti meglio conservati dell’antica crosta terrestre sulla Terra, abbiamo trovato prove di questi giganteschi meteoriti”, afferma il professor Tim Johnson, uno dei ricercatori dietro lo studio. In un comunicato stampa.

In totale, i ricercatori hanno prelevato 26 campioni di roccia, che contenevano tutti frammenti di zircone. Sono stati datati tra 3,6 e 2,9 miliardi di anni, coerentemente con l’età dei grandi meteoriti.

Il gruppo di ricerca ha esaminato gli isotopi (diverse versioni dello stesso elemento) dell’ossigeno nei cristalli. In particolare, hanno esaminato il rapporto tra ossigeno-18 e ossigeno-16, che contiene da otto a dieci neutroni.

Questi rapporti sono usati nella geologia antica per determinare la temperatura al momento della formazione delle rocce da cui provengono gli isotopi. Sulla base di ciò, i ricercatori sono stati in grado di dividere la formazione del cratone Pilbara in tre fasi.

Kraton è stato creato in tre fasi

Il primo passo è la formazione di un gran numero di zirconi poco più di 3,6 miliardi di anni fa durante lo scioglimento parziale della crosta terrestre, probabilmente a causa del riscaldamento dovuto al massiccio bombardamento di meteoriti.

Il diametro di questi meteoriti può variare da decine a centinaia di chilometri e il loro impatto ha portato alla cristallizzazione dello zircone, che ha portato alla formazione di un kraton.

Modelli simili possono essere osservati in altri cratoni della Terra.

La seconda fase è stata il periodo in cui il nucleo crostale è stato rilavorato e solidificato, seguito dalla terza fase in cui si sono formati i graniti.

La formazione e l’installazione della miscela di granito ha creato i continenti del nostro tempo.

“La nostra ricerca fornisce la prima prova evidente che i processi che alla fine hanno plasmato i continenti sono iniziati con impatti di meteoriti giganti che ricordano quelli dietro l’estinzione dei dinosauri, ma si sono verificati miliardi di anni fa”, spiega Tim Johnson.

Ora i ricercatori esamineranno altri 35 cratoni della Terra conosciuti per confrontarli con i risultati del cratone Pilbara.

READ  Nuovo concept su Samsung Galaxy Z Fold4