TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Homeboy” – una gemma dimenticata – VLT

Sfortunatamente, lo strabiliante “Homeboy” di Michael Ceresin non è stato menzionato quando sono stati nominati i migliori film di boxe. Nonostante sia un acclamato premio Nobel e uno dei migliori personaggi di Mickey Rourke, è caduto nel dimenticatoio nella storia del cinema.

Eric Gersinius ha scoperto un vero gioiello che sarà in mostra stasera all’Esame di Insegnanti Culturali all’Electra.

Mickey Rourke 1988. Foto: AP

Durante la registrazione del suo 26° album in studio “O Mercy” (1989), il poeta rock e futuro premio Nobel Bob Dylan si prese una pausa tanto necessaria dallo studio e andò al cinema. Nel primo e unico film del neozelandese Michael Ceresin ‘Homeboy’ (1988) ha visto recitare il meraviglioso Mickey Rourke ed è stato completamente preso. Dylan ha scritto di Rourke nelle sue memorie dal 2004:

“Poteva solo spezzargli il cuore con gli occhi. Il film era un punto culminante in ogni scena in cui recitava. Nessuno poteva misurarlo. Era semplicemente, non c’era bisogno di annunciare la sua presenza”.

Attraverso la sua espressione stranamente affascinante, Roork è diventato uno degli attori più amati degli anni ’80. Film come il film sperimentale giovanile di Francis Ford Coppola “Rumble Fish” (1983) e il controverso dramma erotico di Adrian Lynn “9 ½ Week” (1986) hanno ricevuto lo status di cult e sono stati incoronati icone del sesso.

Pubblicità

Pubblicità

Roork era anche un pugile, iniziando a gareggiare nei pesi mosca e welter all’età di dodici anni. Era una promessa, ma dopo aver subito diverse gravi commozioni cerebrali da adolescente, Rourke ha messo i suoi guanti sullo scaffale per un po’ e invece ha investito con successo in una carriera di attore.

READ  Peter Forsberg è diventato il mattone - ora NLG farà il passo successivo

Era più adatto per il bellissimo e tristemente dimenticato primo film di Ceresin “Homeboy”. È stato proiettato nelle sale poco prima di essere distribuito in videocassetta, per poi scomparire nella nebbia della storia del cinema.

Mickey Rourke ha interpretato il pugile Johnny Walker in “Homeboy” (1988). Foto: intrattenimento non-stop

Mickey Rourke ha interpretato il pugile Johnny Walker in “Homeboy” (1988). Foto: intrattenimento non-stop

Il pugile Johnny Walker (Rourke) scende dall’autobus sotto la pioggia e l’oscurità di Asbury Park. Era in ritardo di diversi giorni e stava già andando alla sua prima partita nella stessa città del divertimento serale. Johnny è sbalordito dal suo vestito da cowboy e dall’ampio dialetto del sud. Non è molto giovane ora, solo qualche forte colpo alla testa della morte, ma non lo sa. A Johnny vengono ricordati i danni cerebrali quando occasionalmente perde la vista e l’udito, in un ambiente in cui spesso appare solo e lento nel pensiero e nel parlare.

Pubblicità

Christopher Vulcan ha interpretato il ruolo dell’inserzionista Wesley Benderkos in “Homeboy”. Foto: Cinema International

Pubblicità

Nel New Jersey, Johnny è curato dal promotore corrotto Wesley Benderkas (sempre interpretato dall’altrettanto incredibile Christopher Vulcan), e da un indovino con cattive radici nel sud che afferma di fidarsi del pugile e di essere suo amico. Wesley è impegnato in loschi affari ed è costantemente strangolato dalla folla locale, si aggira con costosi bastoni e dojo italiani e sogna di guadagnare un sacco di soldi che possono portarlo dai tavoli della roulette e dalle giostre di Aspery Park a una morte sicura.

Il pugile Johnny Walker (Mickey Rourke) e il promotore Wesley Benderkos (Christopher Vulcan) “Homby” (1988). Foto: Cinema International

Johnny incontra Ruby (interpretata da Debra Fuerk, all’epoca la moglie di Rurk), una giovane donna che cerca di guadagnarsi da vivere affittando il pony del padre morto in una cittadina di mare nel distretto costiero dei festival. Come lei, anche lei è incerta sul futuro e trovano conforto e speranza l’uno nell’altra.

READ  Mourinho conferma - Roma in lite con il tifoso: "Reazione a qualche parolaccia"

Mickey Rourke ha interpretato la sua allora moglie Debra Fear in “Homeboy” (1988). Foto: intrattenimento non-stop

Mickey Rourke ha interpretato il pugile Johnny Walker in “Homeboy” (1988). Foto: intrattenimento non-stop

Pubblicità

È stato presto rivelato che Wesley aveva piani diversi e più insidiosi di Johnny per la boxe.

Mickey Rourke ha interpretato il pugile Johnny Walker in “Homeboy” (1988). Foto: Cinema International

“Homby” è un ritratto elegante della società di classe americana, del tradimento, della catastrofica perdita di identità e dei sogni distorti. Johnny si distrugge ed è costantemente ingannato da ciò che lo circonda, portando a una tragedia sul ring, e la distinzione tra autocoscienza e sospetto esplode in una delle scene più forti del film: “Certo che posso. Un buon pugile?”. È soddisfatta solo dal silenzio e dallo sguardo scorrevole. Johnny non ha avuto la possibilità fin dall’inizio.

Pubblicità

Mickey Rourke ha interpretato il pugile Johnny Walker in “Homeboy” (1988). Foto: intrattenimento non-stop

Mickey Rourke ha interpretato il pugile Johnny Walker in “Homeboy” (1988). Foto: intrattenimento non-stop

Un elemento chiave del film è il blues appassionato e tranquillo del maestro chitarrista Eric Clapton. La colonna sonora ha avuto più successo del film. L’album con musica da film ha venduto l’oro negli Stati Uniti ed è diventato particolarmente popolare in Canada, Italia, Spagna, Gran Bretagna e Giappone. È stato ripubblicato nel 2009 a causa dell’enorme richiesta in tutto il mondo.

Pubblicità

Dopo “Homeboy”, Ceres ha lavorato esclusivamente come fotografo per registi come Alfonso Crohn, Matt Reeves e Andy Serkins, e il suo film è caratterizzato dalla bellezza visiva, ma dietro la macchina da presa c’era Gale Tottersall. Film “Gli impegni” (1991).

READ  Quando il fuoriclasse italiano svedese è sceso dall'autobus dopo il record - e ha scioccato tutti i gialloblù: "Onore"

Mick Rourke torna sul ring nel 1991. Foto: Bill Cook / AB

Dopo diversi film falliti alla fine degli anni ’80, Rourke è tornato sul ring negli anni ’90, ma ha subito le lesioni più gravi in ​​competizione e si è sottoposto a un intervento di chirurgia plastica che lo ha reso quasi irriconoscibile. Ha anche recitato in alcuni ruoli secondari, ma è tornato alla ribalta con i suoi ruoli da protagonista nell’acclamato film di Robert Rodriguez e Frank Miller “Sin City” (2005) e in particolare nell’acclamato “The Wrestler” di Darren Aronofsky (2008). Premio Oscar per il miglior attore in un ruolo da protagonista in un ruolo da protagonista per Randy Robinson

Pubblicità

Mickey Rourke si è spaccato la faccia sul ring. Foto: Joel Ryan / AB

Questa sera alle 18, “Homeboy” sarà in mostra al Cultural Teacher Exam all’Electra. Non perdere la gemma dimenticata!

Eric Gersinius, ex redattore culturale di VLT.

Foto: Kenneth Hut

Vero

La scelta dell’insegnante culturale

In una collaborazione popolare tra lo staff editoriale culturale di VLT e Cinema Electra di qualità di Västerås, l’editor culturale di VLT Eric Gersinius seleziona i suoi preferiti dalla storia del cinema.