TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Henrik Rydström e Johan Larsson in combattimento durante MFF-Elfsborg

Pubblicato il 28-05-2024 21.20

Malmö. Johan Larsson ha ricevuto un cartellino giallo dopo una rissa con Henrik Rydstrom.

Non capisce perché.

“Avrei capito se lo avessi chiamato 'Piccolo Nano' o 'Teschio', ma non l'ho fatto”, dice Larson.

Il Malmö FF ha sconfitto l'Elfsborg 2–1 e più volte ci sono state emozioni accese durante il “replay finale”.

Tra l'altro, a un quarto d'ora dalla fine della partita, quando il giocatore del MFF Taha Ali è crollato dopo un duello con il capitano dell'Elfsborg Johan Larsson vicino alla panchina.

L'allenatore del MFF Henrik Rydström ha iniziato a litigare con Larsson e tra loro è dovuto intervenire il quarto uomo Kaspar Sjöberg.

-Di solito ci danno un pugno in bocca. Ma amo Johan Larsson e la passione che ha”, ha detto Rydstrom dopo la partita.

Johan Larsson ha un'accesa discussione con Henrik Rydström.

È stato ammonito e sospeso

Larson si è arrabbiato perché pensava che fosse Taha Ali a filmare.

– Secondo me il tiro è stato netto su Taha Ali e un cartellino giallo, un calcio di punizione per noi. Larsson dice che Rydstrom la pensava diversamente, proprio come nel 2010 quando sul campo parlavamo di cose poco importanti.

Ha ricevuto un cartellino giallo dopo la rissa e quindi ha saltato il derby della West Coast contro l'IFK Göteborg sabato.

– Per qualche motivo ho ricevuto un cartellino giallo e non lui. Non c'erano parole dure. Io non ho fatto niente! È stato strano ricevere il cartellino giallo.

Larson non pensava che il combattimento fosse un grosso problema.

– Voglio sottolineare che non c'era niente tra me e Rydstrom. Lo avrei capito se lo avessi chiamato “Piccolo Nano” o “Teschio”, ma non l'ho fatto. Non ho detto niente di stupido. Ci siamo dati un po' di schiaffi e poi lui ha detto che era divertente perché non pensava di potermi provocare ancora.

Rydstrom è sconvolto

Nel primo tempo MFF ha ricevuto qualche cartellino giallo per fatti accaduti fuori gara. Sia Eric Botem che Sergio Peña sono stati messi in guardia dal protestare contro la sentenza.

Henrik Rydstrom si definisce “molto deluso” per i cartellini gialli.

– Riceviamo avvertimenti quando compiamo un piccolo gesto, quando siamo noi a possedere il 70-80 per cento del gioco. Non darò mai la colpa agli avversari, se ne devono occupare gli arbitri. Rydstrom dice che è stato molto strano oggi.

Prima dell’inizio della stagione, gli arbitri hanno ricevuto nuove linee guida per limitare gesti e comportamenti inappropriati dopo aver preso una decisione.

-Diventa molto noioso quando ti concentri sulla reazione e non sulle ragioni della reazione. Distribuisci quindi doppi avvertimenti! “Ma domani, quando leggerò quello che hai detto, mi pentirò di sembrare un fottuto troll”, dice Rydstrom.

Johan Larsson dice che Rydström viene ascoltato e visto spesso.

– È sempre stato così. Ha delle opinioni. Non direi che sia necessario nel calcio svedese, ma è sempre nei titoli dei giornali e ci sono opinioni su di lui perché ha delle opinioni. È bello avere un po' di entusiasmo, dice Larson.

READ  "Sicuramente l'intero paese ci sta seguendo" - Sport - svenska.yle.fi