TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Strejkande medlemmar som hittar andra jobb eller hoppar av strejken av andra skäl är ett av de största hoten mot Teslastrejken. Foto: Jakob Joelson/TT (genrebild – personen i fotot har ingenting med personen i texten att göra).

Gustav, 22 anni, si è ritirato dallo sciopero di Tesla: “Non ne potevo più”

Dopo sette mesi di sciopero, molti lavoratori Tesla si sono sentiti stanchi e sono partiti per altri lavori. Per Gustave Delawyer, 22 anni, ci sono voluti solo due mesi prima che iniziasse ad arrampicare sulle pareti.

“Le giornate diventavano sempre più lunghe e alla fine semplicemente non funzionava più”, dice.

Trovare membri che scioperano per altri lavori o si ritirano dallo sciopero per altri motivi è una delle maggiori minacce allo sciopero di Tesla. Questo è ciò che ha detto un mese fa l'ormai defunto segretario della Convenzione IF Metall, Veli-Pekka Säikkälä:

– Sarà difficile continuare lo sciopero se non c'è nessuno che sciopera.

IF Metal sul numero di persone in fuga dallo sciopero: “Membri dell'Haft”

Quanti tecnici dell'assistenza hanno abbandonato lo sciopero da quando è iniziato nell'ottobre dello scorso anno, IF Metall non vuole rivelarlo. Ma Veli-Pekka Säikkälä ha ammesso che ce n’erano molti.

“Abbiamo avuto membri che hanno lasciato Tesla e hanno trovato altri lavori”, ha detto.

Dagens Arbete ha parlato con uno di loro, Gustave Delawyer, 22 anni. Dopo due mesi di sciopero si sentiva stanco.

– Sentivo che non potevo più sopportare di stare seduto a casa. Avevo bisogno di qualcosa da fare, quindi ho accettato il colloquio e il lavoro. Dice che non era previsto, aggiungendo:

– Non ero preparato al fatto che lo sciopero durasse così tanto tempo.

A Uppsala c'è uno dei laboratori Tesla dove IF Metall ha scioperato.
A Uppsala c'è uno dei laboratori Tesla dove IF Metall ha scioperato. Foto: Mikael Farnbaugh (archivio)

Gustav Delauyer lavorava nell'officina di Tesla a Uppsala da poco più di un anno quando IF Metall annunciò un conflitto. Dice di aver aderito allo sciopero per motivi di solidarietà.

– Quando si è trattato di colpire, per me è stato un gioco da ragazzi. Anche se non avevo una buona comprensione di tutti i pezzi, volevo comunque supportare i colleghi che avevano una buona comprensione, quelli che non pensavano che fosse giusto in Tesla. Pensavo che fosse abbastanza ovvio scioperare, anche se io stesso non ne avevo un'idea molto chiara.

READ  LKAB ora vuole vedere una strategia chiara in SSAB

Gustave Delawyer lavora oggi come elettricista per camion presso un'azienda con contratto collettivo. Ma non era del tutto chiaro se accettare il nuovo lavoro.

-Ho esitato molto con me stesso sull'opportunità di accettare il nuovo lavoro. È brutto camminare in questo momento in mezzo a tutto, quando sei già lì. Ma dovrei pensare che dovrei sentirmi bene. È davvero triste non poter restare più a lungo e sostenere i ragazzi.

Lavoratori Tesla in sciopero: valuta forte nel mercato del lavoro

Gustave Delauyer è ancora in contatto con molti dei suoi vecchi colleghi. Uno degli aggressori è il padre di Gustave, Jason Delawyer, di cui Dagens Arbete ha già scritto in precedenza. Dice che Gustave sta con gli attaccanti.

– Sto ancora incrocio le dita e spero che ottengano un contratto collettivo. Mi sentivo un po' come se li avessi abbandonati.

I lavoratori in sciopero di Tesla sono molto richiesti nel mercato del lavoro. Secondo l'organizzazione dei trasporti industriali företagen, attualmente esiste una grave carenza di tecnici e meccanici. A molti degli scioperanti contattati dal Dagens Arbete è stato offerto lavoro dall'inizio del conflitto.

– Ovviamente è interessante per le persone che hai lavorato in Tesla. È una società nuova e di discreto successo. Posso immaginare che verrai ricercato da altre società di auto elettriche. Ho parlato con altri che hanno lasciato Tesla prima dello sciopero e non hanno avuto difficoltà immediate a trovare altri lavori, afferma Gustave Delawyer.

MForse Steam pensa che sia una buona idea restare a casa con un risarcimento del 130% del tuo stipendio. Ma sei stanco?

– Sì, all'inizio ha funzionato. Ma poi, quando ho capito che probabilmente la cosa sarebbe andata avanti per un po’, le giornate sono diventate sempre più lunghe. Alla fine, mi sentivo come se stessi scalando i muri e cercando di trovare cose di cui occuparmi. Alla fine non ha più funzionato.

READ  Questa è la ragione dell'instabilità dei governi italiani

Se Tesla firmasse un contratto collettivo oggi. Puoi per esempio?Vuoi tornare indietro?

– No, probabilmente non tornerò mai più a Tesla. Non il modo in cui trattano i propri dipendenti e il modo in cui si comportano i manager.

– Mi sono reso conto sempre di più che era bene uscire e scioperare per raggiungere un contratto collettivo. È per proteggerci e darci vantaggi migliori. Alla Tesla si diceva che se non ti prendevi cura di te stesso, potevano tagliarti lo stipendio quanto volevano. Non c'era sicurezza. Vuoi comunque essere al sicuro sul posto di lavoro e non devi preoccuparti di subire tagli di stipendio o di ridurre le tue ore.

C'èSoprattutto quelli che pensano che tu sia un traditore che ha abbandonato lo sciopero. Cosa ne pensi?

– Non ho sentito niente del genere da altri. Ma forse avrei avuto meno considerazione di me stessa se qualcun altro avesse fatto lo stesso. Ma devi anche… non conoscono la mia storia e perché ho scelto di fare quello che ho fatto. Alla fine, non ti senti a tuo agio restando a casa per molto tempo. Almeno non io, dice Gustave Delauyer.

Adam Dever