TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Grandi quantità d’acqua intorno alle stelle

Chalmers ha partecipato a un’ampia indagine sull’acqua nello spazio. Attraverso il telescopio Herschel, si vede un gran numero intorno alle stelle appena nate. “È più che sufficiente per riempire gli oceani”, afferma il ricercatore Per Bjerkeli.

Sotto la supervisione dell’Università di Leida nei Paesi Bassi, 50 astronomi hanno raccolto le conoscenze esistenti sull’acqua nello spazio interstellare.

In precedenza era difficile da rilevare, ma sulla base delle osservazioni fatte con il telescopio spaziale Herschel, sono state ottenute alcune nuove informazioni sull’origine dell’acqua nei sistemi planetari.

I ricercatori di Chalmers hanno partecipato al progetto.

Abbiamo esaminato tutto, dai piccoli sistemi ai sistemi antichi, e dalla massa bassa alla massa elevata, per tracciare il percorso dell’acqua dalle nuvole che crollano ai dischi dei pianeti. Lo studio, ora pubblicato sul Journal of Astronomy and Astrophysics, è una raccolta di tutto ciò che abbiamo fatto dal 2009, afferma a Ny Teknik il ricercatore di Chalmers Per Bjerkeli del Dipartimento di scienze spaziali, geologia e ambiente.

Leggi di più: Materia oscura ed energia oscura: quanto poco sappiamo davvero?

L’acqua si forma principalmente sotto forma di ghiaccio, che si accumula sulle particelle nelle nuvole fredde e deboli di polvere e polvere. Quando parti di nuvole interstellari collassano in stelle, diventa chiaro che le molecole d’acqua possono attaccarsi alle loro particelle senza sciogliersi o rompersi. Faranno parte del disco rotante che si forma intorno alla stella e dei materiali che formerebbero la base per i pianeti del sistema.

È molto difficile misurare quanti litri d’acqua ci sono in ogni regione della formazione planetaria, ma puoi fare ipotesi qualificate sulla base dei dati che hai. Questo è più che sufficiente per riempire gli oceani, dice.

READ  Gli utenti collegano l'RX 6900 XT a Steam Deck

Un pezzo importante del puzzle

Questo nonostante sia stato osservato che più acqua ha lasciato i sistemi di quanta ne fosse rimasta nei dischi, cosa che ha sorpreso i ricercatori. Quando i sistemi sono giovani, dice Bear, inviano enormi deflussi: sono come aeroplani e possono raggiungere velocità di 400-500 chilometri al secondo. Il sottoprogetto era specificamente quello di studiare questi deflussi. Chalmers ha anche contribuito con alcune parti dello strumento HIFI al telescopio Herschel, un pezzo importante del puzzle per le nuove scoperte.

Gli altri due ricevitori hanno scattato foto mentre HIFI è solo uno spettrofotometro. Poiché hai questa risoluzione spettrale, puoi anche ottenere informazioni sulla velocità. Se qualcosa si muove da noi o verso di noi, quella frequenza viene spinta un po ‘e ha reso possibile misurare la velocità dell’acqua e distinguere ciò che cade da ciò che viene spruzzato “, dice.

Leggi di più: Un gigante invisibile che fa a pezzi un ammasso di stelle

Secondo Birr, è difficile definire cosa potrebbero significare nuove scoperte per la possibilità di vita su esopianeti. La scoperta di un’abbondante quantità di acqua nei dischi attorno alle giovani stelle non ha forato l’idea che la Terra sia L’acqua potrebbe essere il risultato dei bombardamenti delle comete. Il progetto ha esaminato comete ricche d’acqua.

Se prendiamo un bicchiere d’acqua da bere, allora una molecola su diecimila è chiamata acqua pesante, ma quando guardi le comete, questo rapporto non era lo stesso. Pertanto, si pensa che l’acqua potrebbe non venire da lì, perché non c’è motivo di cambiare questa relazione. Ma in alcuni tipi di comete, sembra che in realtà sia più o meno la stessa proporzione, quindi la teoria che l’acqua provenisse da un bombardamento di comete ha guadagnato di nuovo un po ‘di vita. Ma non è ancora chiaro, ci sono altri gruppi di ricerca che credono che l’acqua sia finita direttamente sulla Terra quando il pianeta si è formato, dice Bear Bjerkley.

READ  Cosa dicono le recensioni sul Ryzen 7 5800X3D?

Monitor Herschel no

L’Osservatorio Herschel dell’Agenzia spaziale europea è stato lanciato nel maggio 2009 ed è stato spento nel 2013 quando il gas elio liquido è evaporato.

Herschel aveva il più grande specchio di 3,5 metri di diametro mai lanciato nello spazio.

Il telescopio ha osservato l’origine e l’evoluzione di stelle e galassie attraverso la luce da lunghe lunghezze d’onda dell’infrarosso a lunghezze d’onda appena inferiori al millimetro, rendendo possibile lo studio di regioni dell’universo che altrimenti sarebbero invisibili.