TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Storslagen säsongsavslutning med Gävle Symfoniorkester

Gran finale di stagione con la Gävle Symphony Orchestra

Venerdì 19 maggio
Concerto di Gavli, Gevaliasaline 19.00

Orchestra Sinfonica Gävle
Il leader della band Jaime Martin
Antoine Tamstet, viola

Berlioz Aroldo in Italia
Bartòk Concerto per orchestra

Venerdì l’Orchestra Sinfonica di Gävle suonerà il suo ultimo concerto in abbonamento dell’anno concertistico 2016/17. Il direttore d’orchestra Jaime Martin ha colto l’occasione e ha invitato uno dei violinisti solisti più richiesti al mondo, Antoine Tamstedt, a suonare il virtuoso di Berlioz “Harold in Italy”, originariamente scritto per Niccolò Paganini. Inoltre, la Gävle Symphony Orchestra suona il “Concerto per orchestra” di Béla Bartok, la sua ultima e più amata opera.

Antonio Tamstet
Il violinista francese Antoine Thamstedt è nato nel 1979. Dopo aver studiato a Parigi, ha proseguito con Jesse Levine all’Università di Yale negli Stati Uniti e poi con la violinista tedesca Tapia Zimmermann. Antoine Tamstedt è molto popolare in tutto il mondo come viola solista e si è esibito con un gran numero delle maggiori orchestre sinfoniche del mondo, come quelle di Vienna, Londra, Lipsia, Berlino, Parigi e New York. Antoine Thamstedt suona una viola Stradivari del 1672, in prestito dalla Fondazione Habisreutinger.

Scherzi divertenti, seri e festosi. Il Concerto per orchestra di Béla Bartók ha tutto a che fare con la vita stessa. Ecco i brani folk swing che ha raccolto durante i suoi viaggi nella sua nativa Ungheria. Ecco anche le ricorrenti dissonanze spettrali ispirate alla notte nella musica di Bartók e i ritmi complessi che fanno ballare quasi l’intera orchestra sul palco. Béla Bartók è stato uno dei veri grandi innovatori della musica del XX secolo. Come pochi altri, ha aperto le orecchie al mondo esterno e si è lasciato abbagliare e influenzare, per poi creare qualcosa di interamente suo e unico. Il concerto per orchestra divenne la sua ultima opera importante e allo stesso tempo una delle sue più amate. Ciò non sorprende affatto, poiché è un tesoro musicale per coloro che si prendono il tempo per ascoltarlo.

READ  Mazzarri ha descritto i giocatori del Cagliari come 'vermi'

Mentre Béla Bartók si ispirò alla musica che ascoltava in campagna, Hector Berlioz fu influenzato dai grandi poeti britannici Shakespeare e soprattutto da Lord Byron, il cui romanzo poetico Childe Harold diede origine alla Sinfonia italiana di Harold con viola sola. Originariamente la compose per Paganini, che aveva appena acquistato una viola realizzata da uno Stradivari e voleva suonare qualcosa. Prima di finirlo, Paganini rifiutò l’opera, ma quando la seppe molto più tardi, si inginocchiò davanti a Berlioz e dichiarò di aver superato Beethoven e gli offrì 20.000 franchi. Ora abbiamo l’opportunità di ascoltare ciò che Paganini inizialmente ignorò, poi si pentì profondamente.