TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Gli spettatori devono pagare per il Pig Party di Viaplay” • Rubrica di Marcus Lefby

Caos, crisi, fuoco capitalista, ribaltamento.

Esistono molti modi per descrivere Viaplay al momento, ma mi chiedo se il migliore e il più appropriato non sia;

Festa del maiale.

Sì, da dove cominciamo?

Domenica scorsa ho visto la partita di Supercoppa tra Liverpool e Manchester United, una partita di calcio pessima e terminata 0-0.

A volte era così brutto che me ne andavo nel secondo tempo e invece arrotolavo 150 polpette, sentendomi ridicolo.

Quando anche il gioco Viaplay più esclusivo e costoso non spende molti soldi in bigodini, forse l’azienda è al di là del risparmio?

Successivamente in studio, Neva, Bogan, Glenn e Jennifer si sono seduti e hanno pensato a tutti i passaggi mancati.

Per fortuna era un po’ disperato e rassegnato, e ne è uscito, il che forse non è così sorprendente visti i resoconti dell’ultimo semestre sul suo datore di lavoro.

Viaplay aumenta, tra le altre cose, i prezzi per guardare la Premier League inglese.

Prezzi alti avidi e disperati

Tutti i nuovi clienti che sono un po’ affamati di guardare partite di Premier League inferiori alla media in futuro, o che restano svegli alle 3:30 in una notte tra martedì e mercoledì per guardare i San Jose Sharks, dovranno pagare kr699 al mese invece di kr549 . Diamo ai consumatori la fortunata possibilità di pagare più a lungo, prima che l’aumento colpisca anche noi.

699 SEK, un aumento di prezzo avido e disperato del 27%.

Non è stato aggiunto nulla, non sono stati rilasciati progetti di serie già pronte, non sono stati acquistati nuovi diritti sportivi (grazie a Dio), e l’aumento dei prezzi è legato solo al fatto che l’azienda è ormai così profondamente immersa che non ce ne sono quasi più alternative.

READ  "Query sulla directory... esiste anche?"

Viaplay voleva espandersi, Boss, e ha provato a crescere in molti paesi, ma i costosi investimenti sono falliti.

C’è stata una pandemia, una recessione, la corona svedese ha perso il suo valore, e ora la società dei media è in grande miseria finanziaria e la speranza è che paghi di più.

Gli spettatori pagheranno il prezzo delle speculazioni selvagge dei massimi dirigenti sui diritti sportivi in ​​cerca di grandi vincite.

Nonostante l’azienda sia ora in ginocchio e faccia tutto ciò che è in suo potere per “evitare la bancarotta”, ad esempio, il CEO licenziato Anders Jensen può incassare un bonus di 32 milioni di dollari.

Riappare il muso più brutto del capitalismo.

Boh!

Gli azionisti avrebbero perso tutti i loro soldi, i dipendenti avrebbero perso il lavoro e gli unici vincitori sarebbero stati coloro che si sarebbero assicurati che le cose andassero al diavolo.

Che tragico cabaret televisivo via cavo.

Un’idea ridicolmente pessima

Un tempo Kinnevik e Stenbäck erano coinvolti nell’MTG nell’azienda, le cui origini risalgono ai satelliti Astra e TV3 lanciati a Capodanno del 1987, ma oggi sembra non esserci più alcun cuore nell’azienda. , qui le pance avide e i lavoratori agricoli danesi affamati di denaro potevano correre liberi.

Si sono sostituiti a vicenda e ora l’azienda è sull’orlo del collasso.

Una lezione utile, ma costa ed è davvero difficile provare simpatia, forse anche perché l’aumento dei prezzi fa fuggire la gente e tutto viene sconvolto?

Il crollo non avrebbe potuto essere una totale sorpresa per nessuno, dato che è come se una persona normale di talento una volta avesse dato un’occhiata al programma di un fine settimana sulla TV sportiva e avesse pensato pensieri come “Chi vedrà – e pagherà – tutto questo?”

READ  Jacob Morndal assumerà il ruolo di CEO ad interim di Castellum

Come nuovo cliente, pagare 699 SEK al mese per un nuovo abbonamento Viaplay sembra un’idea assurdamente pessima, perché al momento non è chiaro se l’azienda sarà attiva fino alla primavera.

Se sì, quali diritti Viaplay ha potuto vendere e cosa rimane?

Il pompiere Sam e la toilette durante una settimana bianca a Bad Mitterndorf.

– Sembra fantastico, ne prendo uno, possiamo legarlo?

Buona fortuna a tutti

L’intero settore è in grave subbuglio e non è solo Viaplay a soffrire di diritti di acquisto insufficienti e tariffe eccessive per gli sport televisivi.

L’accordo di trasmissione televisiva del calcio svedese con Discovery scade nel 2025, e al momento non vi è alcuna indicazione che la SEF, la lega di calcio d’élite svedese, riuscirà a scrivere un accordo che si avvicini anche solo ai 540 milioni di corone attualmente assegnati ai club svedesi.

Si dice che la SEF abbia cominciato a studiare la possibilità di distribuire le partite sulla propria piattaforma, cosa che la pallamano svedese ha iniziato a fare, tra l’altro, in autunno.

L’ultima voce che ho sentito riguardava Telia, che secondo quanto riferito non è interessata all’accordo con la SHL che costa tra gli 800 milioni e il miliardo di dollari a stagione, e anche in quel caso il costo di produzione non è incluso.

Telia vuole rinegoziare l’accordo attualmente scritto fino al 2030.

Non c’è dubbio che ci troviamo di fronte a un futuro interessante e, in linea con i resoconti trimestrali sempre più oscuri delle società televisive, la pressione sta sicuramente aumentando per molti club svedesi che ora dipendono completamente da un flusso costante di ingenti soldi per contratti televisivi.

READ  Volvo Amazon venduta per una cifra ridicola

Buona fortuna a tutti.