TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli esami del sangue migliorano la lotta contro il cancro alla prostata

Tre anni fa, il National Board of Health and Care ha detto no allo screening pubblico per il cancro alla prostata, che ha scatenato la febbre gialla nella Prostate Cancer Society, tra le altre cose.

Per questo motivo, il Consiglio nazionale della sanità e della cura indica il rischio di sovradiagnosi, ovvero, in connessione con l’esame, si riscontrano tumori a crescita lenta e / o tumori benigni, che non rappresenteranno mai un rischio per il paziente.

Il rischio è chiaro che i malati di cancro vengano creati inutilmente, dice Martin Eklund, docente e ricercatore senior al Karolinska Institutet, a TT.

Ecco perché nessun altro paese, ad eccezione della Lituania, ha offerto un simile esame.

La procedura classica per rilevare il cancro alla prostata prevede che l’uomo lasci un campione di sangue. Se il campione mostra livelli elevati di antigene prostatico specifico (PSA), vengono prelevati campioni di tessuto (biopsie) dalla ghiandola prostatica.

Tuttavia, queste biopsie vengono eseguite secondo un programma standard. Così, gli aghi rischiano di perdere tumori, o in alternativa di trovare tumori che non rappresentano mai un rischio per il paziente.

Preoccupato

Gli viene diagnosticato un cancro non trattato, ma deve fornire nuovi campioni di tessuto a intervalli regolari. Consuma risorse e può essere molto ansioso. Martin Eklund dice che molti stanno abbandonando.

Quindi c’è il desiderio che gli esami dovrebbero rivelare solo tumori clinicamente significativi, cioè quelli che sono importanti per le possibilità del paziente di sopravvivere alla malattia.

A luglio, Martin Eklund è stato in grado di dimostrare che questa sovradiagnosi può essere ridotta con l’aiuto di una risonanza magnetica (MRI). La scoperta, pubblicata sul New England Journal of Medicine, ha suscitato molto interesse.

READ  Gene muscolare legato al diabete di tipo 2 |

Ottieni un’immagine e il radiologo può vedere potenziali tumori, afferma Martin Eklund.

Tuttavia, un problema è che le telecamere per risonanza magnetica non crescono sul legno. Sono costosi e spesso devono essere condivisi con una serie di altri test che vengono eseguiti negli ospedali.

Ma ora i ricercatori stessi possono dimostrare che se le scansioni MRI sono combinate con un nuovo esame del sangue, Stockholm 3, la sovradiagnosi e la necessità di scansioni MRI possono essere ridotte.

A differenza della misurazione del solo PSA, il test Stockholm3 tiene conto anche di una serie di altri marcatori proteici, marcatori genetici e dati clinici, che vengono analizzati utilizzando un algoritmo. Ricerche precedenti hanno dimostrato che questo test riduce il rischio di sovradiagnosi, rispetto a un test PSA “normale”.

smistato

Nell’attuale studio, che ora viene presentato su Lancet Oncology, i ricercatori mostrano che se i due metodi vengono combinati, la diagnosi eccessiva può essere ridotta fino al 69 percento, mentre il numero di biopsie viene dimezzato.

– Questo è nello stesso momento in cui abbiamo trovato diversi tumori clinicamente significativi, afferma Martin Eklund.

In questo modo, afferma, è ora aperta la strada a uno screening più completo e strutturato per il cancro alla prostata, simile a quanto accade per il cancro al seno con l’aiuto della mammografia.

Personalmente, penso che sia ora giustificato indagare nuovamente su questo argomento alla luce di questi studi. Naturalmente, è il Consiglio nazionale per la salute e l’assistenza che prenderà posizione in merito, ma sono convinto che ciò significhi che ora può essere implementato in modo strutturato, afferma Martin Eklund.

Insieme ad altri due ricercatori e coautori degli studi attuali, Henrik Grunberg e Tobias Nordstrom, Martin Ecklund possiede azioni di A3P Biomedical AB, che possiede i diritti del test Stockholm 3. Tuttavia, tutte le ricerche ora riportate sono state condotte presso Karolinska Institutet.

READ  Invito autunnale di Smittskydd: "Non andare al lavoro se sei scortese" - VGRfokus

Fatti: Cancro

I tipi più comuni di cancro in Svezia sono il cancro alla prostata, il cancro al seno, il cancro del colon-retto, il cancro della pelle e il cancro ai polmoni.

Sia i geni che i fattori dello stile di vita possono causare la malattia. Tuttavia, la stragrande maggioranza, circa i due terzi, è sull’orlo della coincidenza. Semplicemente sfortuna.

Il cancro è una malattia genetica diversa da quella che tutti i tipi di cancro sono ereditari. Per alcuni tipi di cancro, come il cancro alla prostata e il cancro al seno, la genetica può essere più importante di altri.

Il cibo malsano, il fumo, il sole e l’alcol possono contribuire al cancro. Sostanze radioattive o raggi X possono causare il cancro in dosi elevate.

Fonte: The Cancer Foundation