TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli archeologi sono riusciti ad amputare una gamba di 31.000 anni

Gli archeologi hanno scoperto la prima prova al mondo di amputazione chirurgica riuscita in un cimitero del Borneo.

Gli archeologi, provenienti da università australiane e istituzioni indonesiane, hanno trovato lo scheletro di un giovane adulto del Borneo la cui gamba sinistra era stata amputata 31.000 anni fa quando era bambino.

Questo è 24.000 anni prima del più antico esempio conosciuto finora.

Lo affermano i ricercatori in un comunicato, oggi, giovedì.

Molte tecniche di datazione confermano che la sepoltura avvenne 31.000 anni fa. Hanno notato che questo rende il cimitero il più antico cimitero conosciuto nel sud-est asiatico.

Significativamente più avanzato

Secondo i ricercatori, le analisi dello scheletro hanno confermato che la parte inferiore della gamba sinistra era stata amputata chirurgicamente.

I ricercatori affermano che il modo in cui il tessuto osseo è cambiato nel tempo è coerente con le amputazioni riuscite che non sono state infettate.

Secondo gli archeologi, l’osso guarito conferma che il paziente è sopravvissuto all’operazione.

Allo stesso tempo, osserva, “il chirurgo oi chirurghi potrebbero aver compreso la necessità di gestirlo e curarlo”.

Secondo i ricercatori, la scoperta indica anche il fatto che la conoscenza medica umana era “notevolmente più avanzata nel lontano passato della nostra specie di quanto si pensasse in precedenza”.

Lo scheletro è stato trovato nella grotta di Liang Tebo, nella parte orientale del Borneo, che in seguito fu collegata all’Eurasia.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Nature.

Ad oggi, la più antica prova conosciuta di un’amputazione riuscita è un agricoltore neolitico in Francia. Le spoglie del contadino sono state datate tra 4900 e 4700 anni prima della nascita di Cristo.

Il suo avambraccio sinistro è stato operato e la ferita è stata parzialmente rimarginata.

READ  Cuore umano creato con l'aiuto del "cuore fantasma"