TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giorgio Agampen dice che la corona ha portato al fascismo

COMMENTO. Una forma di governo è la politica dittatoriale di violazione delle emergenze. Il principio che governa la vita umana a livello cellulare. Un’idea per ridurre la vita alla sua esistenza come vero obiettivo di ogni potere.

Coinvolto nel famoso filosofo italiano Giorgio Agampen Tieni presente che si tratta di letture oscure. Nascondi qui i motivi vaghi dietro tutto, dai diritti umani alle conquiste della scienza moderna.

Il punto finale logico per la struttura della società umana nel suo complesso? Auschwitz.

No, non è divertente.

Alla luce dell’epidemia dello scorso anno, le idee di Agampen per eliminare la vita civile e politica con un sostegno puramente biologico sono diventate ancora più bizzarre. Come lettore, non sei il solo a pensarci. Ma qui sei in buona compagnia con il filosofo. Negli ordini di coprifuoco, esclusione sociale, maschere e statistiche di morte, Agampen sembra aver identificato una sorta di momento rivelatore per le astrazioni che è diventato uno degli assoluti protagonisti correttivi della filosofia politica negli ultimi 20 anni.

Questa è una lettura pericolosa.

Dallo scoppio dell’epidemia, è stato coinvolto in ripetute esplosioni in diversi media europei contro le misure adottate per controllare la diffusione dell’epidemia. Gli attacchi ora sono in italiano e tedesco “A che punto siamo? Epidemia per principio ”. Questa è una lettura pericolosa.

Dei 20 articoli di giornale, interviste e articoli inediti, Agampen è proprio tra i campanelli d’allarme. Ci sono formule dettagliate che hanno reso i suoi libri precedenti poco leggibili. Al contrario, si incontrano le formule sfacciate del “terrorismo della salute”, della “religione della salute” e della “fine della democrazia borghese”.

READ  Quindi, un grande violino galleggia per Venezia

Il 79enne italiano non è nuovo all’accesa polemica. Ma questa è un’altra faccenda.

L’Italia sta ancora una volta affrontando un’era fascista ei media sono diventati il ​​portavoce del regime. Sì, Agampen scrive direttamente, ricordando a tutti quando questo è Hitler Nel 1933 ha introdotto la legge sulla procura e ha posto la Germania in uno stato di emergenza permanente. Poi alza il dito d’allarme per la scienza. Non dimentichiamo che anche sotto il nazionalsocialismo il frenetico piano sanitario del regime era guidato da eminenti ricercatori.


NSDAP-Praise I Norimberga, 1933.

Foto: Wikimedia Commons

È così che va. Come un eco dei manifestanti Corona che si erano radunati per grandi manifestazioni in Germania, Paesi Bassi e ora anche in Svezia.

No, è vero, i negazionisti della corona dicono un termine dispregiativo, “confronto irresponsabile tra epidemia e massacro”, ruggisce Agampen. Nemmeno i teorici della cospirazione dovrebbero dirlo. Dopotutto, ci sono state molte cospirazioni di successo nel corso degli anni. E Bill Gates In effetti, il più grande donatore dell’OMS.

Ridere? Preoccupato? Non lo so.

A proposito, ora ti stai inchinando alla “dittatura telematica” e tutti i professori che insegnano a distanza non sono migliori degli accademici che nel 1931 giurarono lealmente fedeltà al regime fascista. Tu che rifiuti: un giorno i tuoi nomi si distingueranno l’uno dall’altro.

Cos’è un filosofo che vede tutte le sue contrazioni trasformarsi improvvisamente in carne e ossa? Quando tutte le strutture dell’inafferrabile vengono esposte simultaneamente con una cattiva chiarezza? (Ma non ancora.)

Agampen non voleva parlare. Ho scritto e sentito.

Ridere? Preoccupato? Non lo so.

Come erede Phocos Commenti sulla crescente distorsione della politica in materia di salute e stile di vita, la filosofia di Agampen, disegnata nella sua famosa serie “Homo Soccer”, sono molto interessanti, non solo come critica al divieto di fumo svedese nei caffè all’aperto, ma anche come mai -fine di interferire effettivamente con la propria libertà. Se uno vede dentro di sé un pensiero paradossale che altrimenti è l’epidemia di insonnia.

READ  La vita non cambia sempre come previsto, ma può essere anche migliore - Noran

A volte, anche nel libro sull’epidemia di Agampen, si possono improvvisamente sentire i contesti sfuggenti che modellano il nostro tempo e si può avere una strana sensazione di come il cuneo di un nuovo tipo di impotenza, ansia o indifferenza venga spinto nel nostro pensiero. Poi lo distrugge rapidamente con riferimenti bruschi che bruciano i suoi libri.


Scritto da Arvid Jurjax

Arvid Zurjax è un giornalista che vive a Berlino



leggi di più: Dimostra che l’arte contemporanea è il capo
leggi di più: Shadow: ho paura di Charlotte Gallo

“Inviare!”

https://embed.radioplay.io?id=83264&country_iso=se

Podcast sulla settimana della stampa e dei media del direttore culturale di Expressin Karin Olson e del redattore capo Magnus Allselind. Con un ospite meraviglioso ogni venerdì.