TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gaza teme una nuova ondata di infezione da COVID-19

Rushdiya Shuwaikh giace semichiusa con gli occhi sul letto d’ospedale. Il naso e la bocca sono collegati a una maschera di ossigeno. Alza la mano sinistra senza sforzo verso il petto.

– La madre soffre, dice Ibn Awni preoccupato.

Rushdieh, 74 anni, madre di sei figli, è una delle circa 50 persone a Gaza che attualmente hanno un’infezione da coronavirus che richiede cure ospedaliere. È stata ricoverata nel nuovo, moderno ospedale dell’amicizia turco-palestinese alla periferia di Gaza City.

Awni Shweikh, un uomo alto sulla quarantina, dice che sua madre ha avuto improvvisamente la tosse e la febbre alta. Quando anche lei ha sofferto di una grave mancanza di respiro, la famiglia ha chiamato un’ambulanza. Ora è in un letto d’ospedale da quasi un mese.

– Il dottore ha detto che ha bisogno di ossigeno. Il virus arriva ai polmoni. Ora il figlio dice che prego Dio di darle forza.

Gaza e l’Autorità Palestinese dipendono dall’aiuto esterno per ottenere il vaccino.

Foto: Paul Hansen

La situazione della fame a Gaza contraddittorio. Gaza è una striscia di terra sul Mediterraneo, stretta tra Israele ed Egitto. Entrambi i paesi sorvegliano da vicino il loro confine con Gaza.

2,2 milioni di persone a Gaza vivono vicine l’una all’altra. Mancano acqua ed elettricità. L’assistenza sanitaria è stata ostacolata dagli attacchi aerei israeliani, ostacolati dalle restrizioni israeliane all’esportazione di merci, introdotte nel 2007 quando il movimento islamista Hamas ha preso il potere a Gaza.

Sarah El-Deeb, direttore medico della clinica Sabha Al-Harazin a Gaza, afferma che gli operatori sanitari a Gaza hanno un lavoro scadente.  Molti hanno preso il virus sul lavoro, le attrezzature necessarie sono andate perse e la tensione dopo gli attacchi aerei di maggio è ancora fresca nella memoria.

Sarah El-Deeb, direttore medico della clinica Sabha Al-Harazin a Gaza, afferma che gli operatori sanitari a Gaza hanno un lavoro scadente. Molti hanno preso il virus sul lavoro, le attrezzature necessarie sono andate perse e la tensione dopo gli attacchi aerei di maggio è ancora fresca nella memoria.

Foto: Paul Hansen

Ma a differenza delle grandi potenze Come gli Stati Uniti e la Cina, Gaza è stata finora risparmiata dall’epidemia di virus.

La prima caduta della corona è stata segnalata alla fine di marzo dello scorso anno. L’infezione è aumentata durante la fine dell’estateA dicembre 2020 c’è stato un forte aumento. La seconda ondata è arrivata nell’aprile di quest’anno. Finora non abbiamo avuto casi della nuova variante delta. Ma è solo questione di tempo.

Questo è ciò che ha detto Magdy Daher, vice capo della pianificazione delle cure primarie presso il Ministero della Salute e uno di Anders Tegnell a Gaza.

Abbiamo avuto relativamente pochi decessi e parecchie malattie che hanno richiesto cure ospedaliere. Ciò è probabilmente dovuto principalmente al fatto che abbiamo una popolazione demografica molto piccola. (La durata media della vita a Gaza – 20 anni – è la metà di quella che è in Svezia.)

Allo stesso tempo, le persone generalmente non riescono a mantenere le distanze e a indossare i paradenti. Anche il tasso di vaccinazione è basso. Finora, secondo Magdi Daher, il 9,5 per cento degli abitanti di Gaza ha ricevuto almeno una dose.

Magdi Daher, l'equivalente di Gaza di Anders Tegnell Al-Suwaidi, dice:

“È solo questione di tempo prima che si verifichi un caso di contagio di tipo delta qui a Gaza”, afferma Magdy Daher, l’equivalente di Gaza dello svedese Anders Tegnell.

Foto: Paul Hansen

– Dobbiamo diventare più bravi a prevenire l’infezione, E vaccinare più persone rapidamente per alleviare l’inevitabile terza ondata di infezioni. Daher dice, penso che il numero di casi aumenterà alla fine di agosto, quando riapriranno le università.

All’inizio della pandemia, la disponibilità di vaccini era una preoccupazione. Israele, il vicino settentrionale di Gaza, è stato accusato di aver ritardato il trasferimento dei vaccini ricevuti dall’Autorità Palestinese da paesi tra cui Emirati Arabi Uniti e Russia.

Oggi, l’Autorità sanitaria di Gaza ha una scorta di 226.000 dosi, che consiste principalmente nel vaccino russo Sputnik ma anche nei vaccini AstraZeneca e Pfizer.

Perché sono stati vaccinati così pochi abitanti di Gaza? La mancanza di preparazione per la vaccinazione è chiaramente evidente quando visitiamo l’ospedale Sabha Al-Harazin a Gaza City, che è una delle cinque strutture sanitarie in cui tutti i residenti di Gaza di età superiore ai 16 anni possono ricevere le loro vaccinazioni.

Abdel Samir riceve una dose russa di Sputnik Lite dall'infermiera Abdel Shaheen.

Abdel Samir riceve una dose russa di Sputnik Lite dall’infermiera Abdel Shaheen.

Foto: Paul Hansen

Non è necessaria la prenotazione anticipata. Tuttavia, sono pochi nella sala d’attesa. Seguiamo Abd Samir, un uomo sulla cinquantina, che riceverà un’iniezione. Ha avuto a malapena il tempo di sedersi su una sedia e sbottonarsi la camicia prima che l’infermiera Abed Shaheen gli offrisse uno stick intelligente di Sputnik Lite, il nuovo vaccino russo monodose.

– Molti dicono che il vaccino russo non aiuta. Altri parlano di gravi effetti collaterali. Ma penso che dovremmo fare il possibile per ridurre l’infezione e accettare il vaccino in offerta. Abed Samir dice che conosco molti che hanno contratto la malattia.

Ritorno all’ospedale dell’amicizia turco-palestinese. Rushdia Sheikh è stata aiutata a girare il letto sotto la supervisione di suo figlio Awni.

Penso molto all’infortunio di mia madre. È stata più attenta di chiunque altro a starle lontana, indossare un paradenti e lavarsi le mani con l’alcol. Sì, ho avuto una dose del vaccino. Ancora molto malato.

Ibn Awni Shweikh, che non è stato vaccinato contro il COVID-19, afferma:

“Penso molto a come mia madre ha contratto la malattia, ha fatto di tutto per proteggersi”, dice il figlio di Awni Shuwaikh, che non è stato vaccinato contro il Covid-19.

Foto: Paul Hansen

Awni Shawakh ha l’opportunità di passare la notte In ospedale per sostenere sua madre. Quando gli chiediamo se è stato vaccinato lui stesso, scuote la testa: “Non ho avuto tempo”.

L’infermiera Saleem ha ascoltato la nostra conversazione e ha registrato:

– C’è stata una guerra qui a Gaza meno di due mesi fa. Bombardati aerei da guerra israeliani. Credimi, quando il problema della vita e della morte diventa così urgente, non pensi a cose come la vaccinazione.

Due giorni dopo la visita di DN all’ospedale di Gaza, Rushdia Sheikhs è deceduto. La causa della morte è stata un’improvvisa insufficienza cardiaca a seguito di COVID-19.

READ  Nazioni Unite: verranno indagati i crimini avvenuti durante i combattimenti a Gaza