TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Five Exposures: “È ora di parlare di più della nuova attrezzatura AIK”

Buono ma non abbastanza, Varnamo
All'inizio l'AIK ha avuto difficoltà a trattare con l'IFK Värnamo. Gli ospiti hanno difeso con un 4-4-2 compatto e, una volta presa la palla, hanno provato a mettere le griglie sulla testa dei padroni di casa con movimenti di posizione. Ma all'improvviso è stato invece l'1-0 per l'AIK, con una mossa improvvisa. No, non è che Värnamo abbia superato l'AIK prima del gol, ma che gli ospiti avevano molta palla e un gioco coerente nella metà campo offensiva, qualcosa di cui Gnaget non poteva vantarsi. Anche lo Smålands ha continuato ad avere molto possesso palla dopo l'1-0, ma l'AIK ha difeso bene e si è nascosto in un modo che ha punito Värnamo, che non è stato abbastanza intelligente da evitare di perdere palla in situazioni pericolose. Verso la fine del primo tempo, anche l'AIK è andato sul 2-0 dopo un calcio d'angolo. Gli uomini di Henning Berg avrebbero sicuramente voluto avere più controllo del gioco in fase di possesso palla, ma hanno avuto abbastanza qualità per ferire gli ospiti e hanno dimostrato che il possesso palla non sempre porta a un prodotto finale.

Tiedemann Hansen impressiona
È ora di iniziare a parlare di più di Benjamin Tiedemann Hansen. Non solo perché ha segnato il suo primo gol con l'AIK in questa partita. O meglio, per niente perché è un record. Dopo una stagione autunnale in cui ha giocato poco di tanto in tanto, il danese è diventato un leader naturale e un giocatore chiave per l'AIK di quest'anno. Il 30enne è già uno dei vice capitani della squadra ed è molto affidabile in partita. Tiedemann Hansen ha esperienza, forma fisica, capacità lavorativa e capacità difensiva. Un difensore centrale semplicemente facile da apprezzare. Non fa cose appariscenti ma la sensazione è che sia stato molto d'aiuto all'AIK che lo ha portato qui.

READ  Victor Hovland è stato attaccato da un uccello - ci ha fatto la cacca sopra

Evento della partita
In assenza di tifo o chiacchiere in questa partita, non poteva mancare il tifo dell'AIK dopo il fischio finale, che non è stato il più grande a cui abbia mai assistito alla Friends Arena. Invece, era un canto “grazie per aver fatto il lavoro e per non aver avuto i postumi della sbornia del derby”. Per l'AIK, che sta facendo del suo meglio per tornare ai vertici della massima serie svedese, questo tipo di vittoria è ovviamente molto importante. Che puoi allineare più linee di fila ed essere abbastanza coerente da ottenere tre punti anche quando le cose non esplodono in modo offensivo. Domenica lo attende una trasferta difficile contro il Malmö FF e, vista la vittoria nel derby di domenica, ora si sono dati buone possibilità di uscire da questa settimana difficile con un ottimo punteggio. Nella ripresa hanno giocato la partita contro il Varnamo in modo controllato e avrebbero potuto anche andare sul 3-0 in alcune occasioni in cui i contropiedi concedevano ampi spazi.

punto interrogativo
C'è molto da apprezzare nell'IFK Värnamo. Un club ha una strategia chiara e un gioco tutto suo a cui ti attieni, ma in una partita come questa, quando sei bravo tra le aree ma non riesci ancora a ottenere nulla, è facile porsi la domanda: è c'è qualcosa lì? Abbastanza qualità nella squadra? La perdita di giocatori come Oscar Johansson Schellhas, Viktor Eriksson e Albion Adeyemi – e soprattutto degli allenatori Kim Helberg e David Cellini – sarà pesante. Nessuno si aspetta una stagione strepitosa come quella dell'anno scorso, ma se il Varnamo riuscirà ancora una volta ad assicurarsi un nuovo contratto con la massima serie svedese, il club dovrebbe essere orgoglioso dei propri sforzi. Penso che lavoreranno su questo problema, ma potrebbe essere una lunga strada da percorrere.

READ  Henrik Ankarcrona sul successo ad Aquisgrana: "Fuori dalla Terra"

Miglior giocatore della partita
3: Benjamin Tiedemann Hansen. Nuovo sforzo difensivo stabile da parte del difensore centrale dell'AIK. Puntare in avanti.

2: Christopher Nordfeldt. Il portiere dell'AIK ha mantenuto la porta inviolata ed è stato responsabile di alcuni contrasti taglienti. In una partita in cui solo pochi giocatori si distinguono, merita un posto qui.

1: Ajdin Željković. L'attaccante del Varnamo è astuto ed è il più vicino a far male all'AIK. Molti traguardi sono mancati di poco.