Aspettarsi

È stato davvero emozionante fino alla fine, quando si è deciso il primo posto nel Gruppo 1. Ma nei tempi supplementari è diventato possibile determinare il risultato, poiché il sostituto tedesco ha segnato il gol più importante della partita.

La squadra tedesca, nonostante la promozione già garantita, ha scelto di non apportare alcuna modifica alla formazione titolare. La Svizzera, a sua volta, ha apportato alcune modifiche rispetto alle partite precedenti. Briel Embolo ha giocato dall'inizio al vertice mentre Dan Ndoye ha fatto un passo indietro nella posizione di centrocampo insieme a Michel Aebischer e Fabian Rieder, anch'essi al loro debutto nel Gruppo XI.

La prima metà

Anche se la Germania non ha esercitato la stessa pressione prima della partita, con molti che parlavano ancora di un percorso di qualificazione più facile se fossero arrivati ​​secondi nel girone, la squadra ha dato il massimo fin dall'inizio. Già al terzo minuto della partita è arrivato il primo calcio d'angolo che ha fornito anche la prima occasione in porta quando Kai Havertz ha indirizzato la palla direttamente nelle mani di Yann Sommer.

Entrambe le squadre hanno avuto la possibilità di attaccare, ma sono stati soprattutto i tedeschi a riuscire ad avanzare abbastanza da poter sfidare effettivamente. Al 17' della partita blocca un tiro alto che termina fuori area di rigore. Lì Florian Wirtz è riuscito a prendere la palla e passarla a Robert Andrich, che ha effettuato un tiro molto potente che è stato meravigliosamente piazzato in porta.

READ  Per la prima volta Berisha può aspettare questo fine settimana

Dopo che la nazionale svizzera ha protestato per la prima volta che la palla veniva calciata fuori dall'area di porta, quando il tedesco Jamal Musiala ha abbattuto un giocatore svizzero, il gol è stato annullato.

La prima metà del periodo ha visto una serie di incidenti in cui i giocatori si sono fumati a vicenda, senza conseguenze immediate. Ma alla fine, Dan Ndoye ha ricevuto il primo cartellino giallo dopo aver ostacolato il difensore Antonio Rudiger.

Ndoye ha partecipato anche all'evento successivo alla partita, dove è riuscito a portare avanti la nazionale svizzera con il suo primo gol con la maglia della nazionale. Solo un minuto dopo, ha colpito di nuovo la palla con un tiro pericoloso che è finito a lato della porta.

La Germania si è sentita un po' nervosa dopo essere passata in vantaggio e il suo successivo attacco si è concluso solo con un calcio d'angolo senza grande risposta. Invece, Jonathan Tah ha ricevuto un cartellino giallo dopo un salto in alto su Embolo, il che significa anche che l'alto terzino salterà gli imminenti ottavi di finale della Germania. Ho anche sentito che l'energia del pubblico era diminuita poiché il tifo era diminuito un po' rispetto a prima.

Ma negli ultimi minuti il ​​ritmo della squadra tedesca è aumentato e in breve tempo hanno segnato tre tiri in porta. Ma non c'è risultato, e così la Germania entra nel primo tempo con il primo deficit del torneo.

l'altra metà

È stata la Svizzera a sferrare il primo attacco nel primo tempo, quando è riuscita a raggiungere l'area di porta prima di perdere la palla. Solo pochi minuti dopo, il tedesco Musiala avanza e tira una palla potente al centro della porta di Sommer.

READ  L'asta dell'Avvocato Find the World Convention ha raggiunto 700.000 corone svedesi

Il tiro è stato seguito da una permanenza più lunga con partite nella zona offensiva tedesca. Toni Kroos ha tirato una palla potente dall'area di rigore, che ha colpito il muro direttamente fuori porta. La Germania ha continuato ad avanzare sempre di più nel match, ma la Svizzera ha fatto del suo meglio per impedire alla squadra di pareggiare.

Dopo poco più di un'ora di gioco, la Germania ha apportato due modifiche alla linea di fondo quando Schlotterbeek e Raum hanno dovuto sostituire Tah e Mittelstadt. Poco dopo, la Svizzera rafforza il suo attacco sostituendo Ndoye, Ryder ed Embolo. Allo stesso tempo, Pierre ha sostituito Andrich nel centrocampo tedesco.

Poi lo svizzero Xhaka ha ricevuto un cartellino giallo. Il successivo calcio di punizione si è concluso con una palla che è andata alta e oltre la porta. La Germania è andata di nuovo vicina al gol al 70', quando Joshua Kimmich ha provato a concludere la partita da distanza ravvicinata e Manuel Akanji ha tirato una palla meravigliosa. La Svizzera ha mostrato aggressività anche quando ha preso la palla nel secondo tempo.

A poco più di un quarto d'ora dalla fine, la Germania ha scelto di offrire gambe sane alla parte offensiva nella formazione di Niklas Volkrug e Leroy Sane. Sane è stato veloce in attacco e si è fatto vedere in diverse occasioni, ma la Svizzera ancora una volta ha tenuto insieme la sua forte difesa.

Un nuovo cartellino giallo per lo svizzero Sylvain Widmer dieci minuti prima della fine, il che significa che salterà la prossima partita della squadra. Il calcio di punizione è stato parato dal portiere svizzero mentre il tiro di rimbalzo di Sane è andato alto e largo.

READ  Non incolpare solo il consumatore per lo spreco di cibo

All'84' Ruben Vargas riesce a mettere la palla nella porta della Svizzera, ma come è successo alla Germania all'inizio della partita, questa volta il gol viene annullato per fuorigioco.

Poco dopo, la Germania è andata molto vicina al tanto atteso pareggio, quando un tiro da calcio d'angolo è rimbalzato sopra la traversa. Xhaka ha anche segnato un tiro potente per la Svizzera, che Neuer ha respinto brillantemente.

Sono stati aggiunti quattro minuti in più al cronometro ed ecco che arriva il secondo gol corretto della partita. Al 92', il subentrato tedesco Volkrug riesce a ricevere un cross dalla fascia sinistra e manda in rete di testa, 1-1, tra gli applausi dei tifosi tedeschi. La Germania guida quindi il Gruppo A con sette punti.

Svizzera – Germania 1-1 (1-0)

28' 1-0 Dan Ndoye
90+2′ 1-1 Niklas Volkrug

Formazioni di squadra

Svizzera (3-4-3-1): Sommer – Charr, Akanji, Rodriguez – Widmer, Freuler, Xhaka, Ibesher Ndoye (dal 65), Rieder (dal 65), Embolo (dal 65).

in esame: Doaa (65), Vargas (65), Amdouni (65).

Germania (4-2-3-1): Neuer – Kimmich, Rudiger, Tah (dal 61), Mittelstadt (dal 61) – Andrich (dal 65), Kroos – Musiala (dal 76), Gundogan, Wirtz (dal 76) – Havertz.

in esame: Schlotterbeek (61), Raum (61), Pierre (65), Sane (76), Volkrug (76).

Aggiornato il 23 giugno 2024