TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esame MRI precoce Trova di più con il cuore spezzato |

L’infarto miocardico è una delle malattie generali più comuni nel mondo occidentale ed è solitamente causato da un coagulo di sangue che blocca le arterie coronarie sulla superficie del cuore. Ma fino al dieci per cento di tutti gli attacchi di cuore, non c’è una causa apparente nelle arterie coronarie. Quindi ai pazienti viene diagnosticata la MINOCA (Infarto del miocardio con arterie coronarie non ostruiteSuccessivamente, può portare a molte diagnosi diverse.

La maggior parte dei pazienti sono donne e a gran parte di questo gruppo viene diagnosticato il takotsubo, noto anche come cuore spezzato. È una condizione con funzionalità cardiaca compromessa che può essere dovuta allo stress e che dà gli stessi sintomi di un normale infarto.

Associato a stress psicologico

Il cuore spezzato colpisce l’80-90% delle donne ed è associato allo stress. Sembra anche esserci un’associazione con una maggiore sensibilità allo stress dovuta a livelli più bassi dell’ormone estrogeno. Sfortunatamente, la ricerca viene spesso condotta sull’indagine e il trattamento di sospetti attacchi di cuore negli uomini, mentre le malattie cardiache nelle donne sono meno specifiche, afferma Per Tornfal, medico capo e professore presso il Dipartimento di educazione clinica e ricerca, presso Södersjökhuset, il Karolinska Institute che ha guidato uno studio.

L’esame con telecamera magnetica cardiaca viene spesso utilizzato nell’esame dei pazienti MINOCA. Un esame con telecamera magnetica dopo circa dieci giorni di malattia può dare a meno della metà dei pazienti una diagnosi, di solito takotsubo o miocardite, secondo uno studio precedente su 150 pazienti dell’Istituto Karolinska. Lo stesso ricercatore ha ora testato una nuova e più sensibile tecnologia della telecamera magnetica da due a quattro giorni dopo la sua malattia su un gruppo simile di 148 pazienti con un’età media di 58 anni. Di conseguenza, fino al 77% dei pazienti è stato diagnosticato (il 35% è stato diagnosticato con tacotsubo e il 17% con miocardite, rispetto al 19 e al 7%, rispettivamente, nel primo studio).

READ  Dovresti avere gli stessi valori di zucchero nel sangue di una persona sana - Ekuriren

Può far sì che più persone ricevano il trattamento giusto

Non conosciamo l’effetto della migliore tecnologia della telecamera magnetica, ma i risultati indicano che un esame precoce potrebbe significare che più pazienti ricevono la diagnosi corretta e quindi un trattamento appropriato. Il passo successivo è che svilupperemo ulteriormente l’esame con telecamera magnetica con stress farmacologico cardiaco. Quindi possiamo esaminare le navi più piccole e in questo modo speriamo di trovare una causa per il 23% di coloro che non hanno ricevuto una diagnosi, afferma Pauer Tournival.

Lo studio è stato condotto in stretta collaborazione con il Dipartimento di Risonanza Magnetica Cardiaca, Fisiologia Clinica, Ospedale Universitario Karolinska con il finanziamento del Consiglio di Ricerca Svedese, della Regione di Stoccolma e della Fondazione Heart and Lung.
I coautori Peder Sörensson, Magnus Lundin e Martin Ugander appartengono al Karolinska University Hospital, che ha un accordo di ricerca con Siemens Healthineers per quanto riguarda l’esame con telecamera magnetica.
Negli ultimi tre anni, Jonas Spaak ha ricevuto disegni personali da AstraZeneca, Vifor Pharma e Novo Nordisk, tutti esclusi dallo studio attuale.

Materiale scientifico:

Risonanza magnetica cardiaca completa precoce in pazienti con infarto miocardico con arterie coronarie non ostruitePeder Sorenson, Christina Eckenbach, Magnus Lundin, Stefan Agwal, Ellen Baxofix Brolin, Kenneth Kidal, Christine Siderlund, Olof Kulst, Maria Daniel, Jensen, Shams Yunus Hasan, Laghman Hinarah, Claes Hoffmann-Bang, Patrick Mariet, Nondita Sarkar, Jonas Plumber , Oscar Weinberg, Martin Ogander, Bear Tournival (JACC Cardiovascular Imaging), online il 14 aprile 2021

Contatto:

Per Tornvall, medico senior, professore, dipartimento di ricerca clinica e istruzione, Södersjukhuset, Karolinska Institutet, [email protected]