TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Erik Erlandsson si è piazzato quarto nella finale dell'Unione Europea nei 200 metri

Pubblicato il 2024-06-10 22.58

Zingari. Erik Erlandsson, 20 anni, ha raggiunto la finale dei 200 metri dopo un gran pasticcio.

C'è un entusiasmante quarto posto.

– Dice che si sente completamente male.

Le condizioni non erano ideali per Erlandson.

Dopo il caos della semifinale, dove si è finalmente assicurato un posto in finale dopo una protesta svedese, è dovuto partire dalla pista interna.

Da quel momento Erlandson rimase davvero sorpreso.

Alla sua prima apparizione ai Campionati Europei, è arrivato quarto nei 200 metri, a pochi decimi da una medaglia ai Campionati Europei in difficoltà. Erlandson ha corso in 20,57 secondi, cinque centesimi dal suo record personale.

– Non so davvero da che parte sto a riguardo. Sapevo di aver avuto il tempo peggiore prima di raggiungere la finale, ma allo stesso tempo so che posso dare il massimo in finale. “Sono forte in gara e non ho nulla da perdere”, dice.

Completa il sotto-obiettivo

Erlandson ha da tempo stabilito tre obiettivi finali. Ora può controllarne uno.

-Si sente molto male. Il mio obiettivo da molto tempo è raggiungere tre finali nella mia vita: gli Europei, la Coppa del Mondo e le Olimpiadi. Ora ne sono riuscito uno. In più il quarto posto a 20 anni non lo avrei mai immaginato.

Lo svizzero Timothy Mumenthaler ha vinto con il tempo di 20,28 secondi. Al secondo posto si è piazzato l'italiano Filippo Torto, mentre lo svizzero William Reyes ha vinto la medaglia di bronzo.

Commento sul caos

Erlandsson stava per andare a letto all'una di notte di lunedì quando ha ricevuto la notizia che, dopotutto, sarebbe stato autorizzato a giocare la finale. Durante le due ore caotiche, ha ricevuto messaggi sia negativi che positivi.

READ  Lindelöf è stato preso di mira in una discussione

– Certo che ci vuole energia. “Un momento ti senti molto felice e il momento dopo ti senti ansioso”, dice.

Kajsa Bergqvist si è arrabbiata ieri sera e ha detto “non è così che si tratta una persona attiva”, sei d'accordo che sia stato un po' irrispettoso lanciare avanti e indietro così tanti messaggi diversi?

– Sì, puoi dirlo. Se metti un atleta nella “sede calda” e dici che c’è abbastanza tempo, devi assicurarti che l’atleta accetti. Allo stesso tempo, il giusto deve essere giusto. Se fossi stato più lento non sarei arrivato in finale. Ma adesso abbiamo gli stessi millesimi e quindi non dovresti riuscire a distinguerci. Quindi è solo questione di metterci insieme per la finale.

Eric Erlandson