TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Emil Holm sulla vittoria contro le stelle della Serie A

Emil Holm, 22 anni, si avvicina alla Nazionale A.

Ha già preso d’assalto la Serie A e non si è fatto intimidire da artisti del calibro di Olivier Giroud, Sandro Donali o Moise Kean.

– Non mi interessa quali siano i nomi dei giocatori o se sono stelle del mondo, dice il terzino destro dello Spezia.

Martedì la nazionale prenderà il capitano John Anderson Fuori dalla nazionale per affrontare il Messico (16 novembre in Spagna) e l’Algeria (19 novembre a Malmö) in due partite internazionali di riscaldamento.

Abbastanza d’attualità Serie A– Il terzino destro svedese del Club Spezia, Emil Holm, è stato squalificato dal gioco in nazionale (a causa di un cartellino rosso con la nazionale Under 21) in quanto la Svezia ha abbandonato la B-Division nella Nations League lo scorso autunno.

– Ora, se si presenta l’occasione, sono pronto. Il sogno di tutti è giocare in nazionale. Sarà una pietra miliare nella mia carriera. “Non addebito nulla in anticipo”, ha detto Emil Holm a Sportbladet.

Ha giocato nove nazionali U21 e sette U19 con la Svezia, ma ora è troppo vecchio per le nazionali giovanili svedesi.

Decimo inizio consecutivo in Serie A

Sabato sera, l’ex giocatore dell’IFK Gothenburg, tifoso dell’Anenbergs IF, ha segnato la sua decima presenza in Serie A con lo Spezia nell’1-2 in casa del Milan.

Olivier Giroud ha segnato all’89esimo.

– Acido. Un punto contro il Milan a San Siro per noi sarebbe stata una vittoria. È stata dura, ma un’esperienza che possiamo portare con noi alla prossima partita. È importante rimanere concentrati fino in fondo, dice Holm, e non lasciare che le opportunità sfuggano.

Giroud si è tolto la maglia durante la celebrazione del gol ed è stato espulso per un secondo cartellino giallo.

Il primo giallo è stato assegnato al fuoriclasse francese dopo una lite con Emile Holm, dove lo svedese non è stato ammonito (probabilmente grazie a un abile colloquio di distrazione con l’arbitro Albin Ekdahl).

Pochi istanti dopo l’incidente, Holm è stata spinta quando è stata lanciata con Sandro Donali.

Ha sostituito Moise Kean della Juventus nelle precedenti partite e ha lasciato lo Stadio Diego Armando Maradona di Napoli in suo onore dopo una partita con Gwicha Kvaratskelia.

Per cominciare, com’è il tuo rapporto con Giroud?

– Haha, ci siamo messi l’uno nei panni dell’altro. In campo è così. Sono sentimenti. Ma come alcuni hanno detto, non celebriamo il Natale insieme.

Nel 2020, Holm non era un regolare all’IFK Gothenburg. Si è trasferito al Sönderjyske (il finanziere americano Robert Plateck con lo stesso titolare dello Spezia) e dopo una prima primavera in Danimarca è diventato titolare la scorsa stagione e quest’estate ha firmato per il club italiano da cui proveniva.

È maturato come giocatore

Quanto è facile portare il tuo approccio da nuovo giocatore in Serie A?

– Per me non c’è differenza tra affrontare il Milan o una delle squadre peggiori. Entro e faccio le mie cose. Non mi interessa quali siano i nomi dei giocatori, se sono delle star mondiali. Poi ti concentri sulle cose sbagliate.

– Ci sono buoni giocatori, ma non credo che siano migliori di me. Quindi avrebbero vinto la partita prima del calcio d’inizio, dice Holm in modo pratico.

Quindi è facile abbandonare Dhonali?

READ  Il controverso portiere dell'Inter ha firmato a febbraio

– Penso che si sia davvero imbattuto in me.

Cosa ne pensi del tuo esordio in Serie A?

– È andato velocemente. Sono stati alti e bassi per la squadra, ma per me è andata bene. È stato educativo e divertente. Sono grato per ogni minuto che riesco a giocare.

Hai ricevuto molti complimenti.

– È divertente, ma non voglio essere orgoglioso. Può muoversi rapidamente anche nell’altra direzione. Sono così grato che le cose siano andate così bene finora. È importante continuare a lavorare.

L’ala Holm è veloce, forte in corsa, fisico, ha capacità di rottura e un atteggiamento senza paura. Ora ha sviluppato anche più dettagli tecnici.

– Soprattutto, sono maturato come giocatore con l’esperienza che guadagni giocando in questi tornei. Sto giocando con grandi giocatori, portando la palla dove voglio e allo stesso modo ho imparato quando e come passare la palla.

Hai l’ambiente giusto

Lo Spezia Calcio della città portuale di La Spezia, ultimo avamposto della sponda italiana della Riviera Ligure poco prima del confine provinciale con la Toscana, è alla sua terza stagione in Serie A.

Com’è l’atmosfera allo Spezia Calcio, un club molto piccolo nell’ambiente della Serie A?

– È meraviglioso. Il club è molto adatto alle famiglie, persone simpatiche e un buon ambiente di allenamento. È una bellissima città con una grande folla di fan che vogliono fare foto e firmare autografi.

– Abbiamo risultati leggermente migliori. Abbiamo raggiunto alcuni obiettivi in ​​ritardo. Ma arriverà, siamo sulla strada giusta dal punto di vista del gioco e sappiamo per cosa stiamo combattendo. Ci sono molti giovani giocatori in salita e alcuni esperti che ne sono consapevoli.

READ  UFFICIALE: Zlatan si allunga con il Milan

Come Albin Echtal.

– Sì, Albin è un leader. Siamo una squadra giovane, viene con esperienza e conosce il campionato italiano. Quando Ecdal parla, tutti ascoltano. Come svedese è molto importante per me. Gli chiedo, il viaggio che vuoi, ha giocato ad alto livello in vari club e negli anni si è affermato in nazionale. È il giocatore che ti aspetti.

Allo Spezia c’è l’ex Hummerby Aimer Scher, 19 anni, che attende l’esordio in Serie A.

– Aimar combatte bene. Viviamo nella stessa casa e parliamo molto. Per Sher, si tratta di essere paziente e lavorarci. Ha le qualità e sono sicuro che gli andrà bene.

Com’è la vita alla Spezia?

– è davvero buono. Vivo nel centro della città, vicino al mare, ristoranti e negozi. È una zona di incredibile bellezza con Portofino verso le Cinque Terre e Genova. È una bellissima zona balneare. Il tempo è bello in autunno con 19-20 gradi durante il giorno.

La Juventus tiene il passo

Alcuni anni fa, Dejan Kulusevski ha fatto una trasferta di club alla Juventus da Atlanta e Birmania.

Ora la Gazzetta dello Sport ha recentemente affermato che il colosso torinese Emil Holm è sotto sorveglianza. Al suo primo inizio in Serie A, lo svedese ha impressionato in trasferta contro la Juve e ha sostituito Moise Kean all’inizio del secondo tempo.

– Scrivere di club come la Juventus è divertente, ma è la stessa cosa, non ci impegno molto. Mi concentro su allenamenti e gare e su come svolgo il mio lavoro. Ma ovviamente è lusinghiero e divertente essere menzionati in tali contesti, dice Emil Holm.