TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elenco degli alimenti che ti danno una vita più lunga

Elenco degli alimenti che ti danno una vita più lunga

Si può vivere più a lungo mangiando cioccolato? decisamente! Abbiamo un elenco di alimenti stilato dagli scienziati che ti faranno vivere una vita lunga e sana.

Contenuto di questo articolo

“Se vuoi vivere più a lungo, migliora ciò che mangi e inizia a muovere di più il tuo corpo”, afferma Linda Chiu, MD, direttrice della medicina culinaria e dello stile di vita presso Kaiser Permanente a San Francisco.

Ciò che dice la dottoressa Linda Shewey sembra abbastanza chiaro. Ma anche se sai più o meno cosa dovresti e non dovresti mangiare per essere in salute, può essere difficile trovare un equilibrio tra scelte salutari che ci danno maggiori possibilità di vivere più a lungo – ed è difficile trovare dolci che facciano bene. quando le voglie sono difficili.

Huffington Post Ha chiesto a tre esperti di longevità cosa gettano nel carrello quando sono fuori a fare la spesa settimanale. Abbiamo stilato una lista degli alimenti che secondo gli scienziati fanno vivere più a lungo.

Verdure crocifere

Tutte le verdure sono ricche di sostanze nutritive, ma le verdure crocifere come broccoli, cavoli, cavoletti di Bruxelles e cavoli sono potenti fonti che ti aiuteranno a vivere a lungo.

Verdure a foglia scura

È una verdura crocifera, ma alcuni esperti di longevità la considerano particolarmente importante per vivere una lunga vita. Questo perché sono ricchi di fibre e altre sostanze fitochimiche come l’acido folico, che è importante per la salute del cuore.

Pesce grasso

I pesci grassi come il salmone selvatico, le sardine, le acciughe e lo sgombro sono ricchi di proteine, omega-3 e acidi grassi benefici. Mangiando pesce grasso due volte a settimana, puoi ridurre il rischio di infarto, aritmia, ictus, ipertensione e trigliceridi alti.

Cereali integrali

I cereali integrali possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, sindrome metabolica e alcuni tipi di cancro.

Olio extravergine d'oliva

L’olio extra vergine di oliva è ricco di grassi sani monoinsaturi, antiossidanti e polifenoli come l’oleuropeina. L’oleuropeina è particolarmente benefica per chi vuole vivere più a lungo perché ha proprietà antinfiammatorie, cardioprotettive e neuroprotettive, oltre a ridurre il rischio di cancro.

orso

Le bacche contengono alti livelli di antiossidanti, che aiutano a riparare le cellule, comprese le cellule cardiache. Mangiando le bacche, inoltre, non aumenti il ​​livello di zucchero nel sangue, rendendole uno spuntino eccellente per ridurre la voglia di dolci.

Cibo fermentato

Kimchi, kombucha, tempeh, miso, crauti e altri alimenti fermentati sono una buona fonte di batteri benefici per un intestino sano. I batteri possono potenziare la risposta immunitaria, ridurre l’infiammazione e aumentare la diversità dei microbi nell’intestino, il che può aiutare a promuovere la longevità.

Noci e semi

Ricco di proteine ​​e fibre. Mandorle, noci del Brasile, semi di girasole, semi di zucca, anacardi e noci sono tutte buone opzioni che possono aiutare a ridurre il grasso viscerale e migliorare la sensibilità all'insulina.

Yogurt

È ricco di proteine, calcio, magnesio e aminoacidi gamma. È un neurotrasmettitore che riduce lo stress e migliora il sonno.

Cioccolato fondente

È associato a un ridotto rischio di infarto, ictus e diabete, perché contiene flavonoidi e polifenoli ricchi di antiossidanti. I ricercatori consigliano il cioccolato con un contenuto di cacao pari o superiore al 75%.

Legumi

Lenticchie, piselli e ceci contengono molte proteine ​​vegetali e fibre. Ti aiutano a stabilizzare lo zucchero nel sangue, a mantenere i livelli di colesterolo e a ridurre il rischio di cancro al colon.

pomodori

Contiene il licopene antiossidante, importante per prevenire le malattie cardiovascolari. Contiene anche alti livelli di vitamina C, importante per il sistema immunitario e la guarigione delle ferite.

READ  Nuove conoscenze sulla relazione tra infezione in gravidanza e autismo