TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco i paesi del vino del futuro  Tutto sul vino

Ecco i paesi del vino del futuro Tutto sul vino

Foto: shutterstock / Shutterstock

Il mondo del vino è in continua evoluzione. Cambiamenti climatici, nuovi paesi con economie forti e giovani produttori di vino ambiziosi stanno rifacendo la mappa internazionale. Parlando di alcune delle regioni vinicole in aumento.

Foto: Adobe Stock / Adobe Stock

Canada – nuovi termini

Il Canada è più associato al vino ghiacciato, all’hockey su ghiaccio e allo sciroppo d’acero piuttosto che alla produzione di vino. Ma il cambiamento climatico, che è negativo in molte parti del mondo, è stato positivo per la viticoltura del paese.

La Columbia Britannica è una delle regioni più promettenti del Canada. La regione si estende lungo una stretta striscia di 250 chilometri da nord a sud, a nord dello Stato di Washington.

Pinot nero e riesling prosperano nella parte settentrionale. Nella parte meridionale più calda si coltivano vitigni come il Merlot, il Serah e il Cabernet Sauvignon. In totale, ci sono circa ottanta diversi vitigni su una superficie di circa 3.500 ettari, e molto lavoro è stato dedicato allo studio dei terreni della zona per coltivare il giusto vitigno nel posto giusto. La temperatura diurna può raggiungere i quaranta gradi durante l’estate, ma le notti sono fresche, il che significa che gli aromi ei tannini hanno il tempo di maturare adeguatamente pur mantenendo una rinfrescante acidità. I prezzi del vino della Okanagan Valley stanno già iniziando a salire, segno che stanno diventando sempre più apprezzati.

Uruguay – Nuova tecnologia in produzione

La produzione di vino in Uruguay iniziò con la migrazione dei baschi e degli italiani alla fine del XIX secolo. Per molto tempo la quantità è stata considerata piuttosto che la qualità e il vino è stato venduto principalmente sul mercato interno senza raggiungere l’attenzione internazionale. Questo sta iniziando a cambiare oggi. La nuova tecnologia, sia nelle cantine che nei campi, oltre che grazie ai consulenti enologici internazionali, sta facendo compiere al Paese un vero passo avanti nella scala della qualità.

Investono molto in tannini d’uva scuri ricchi di tannino, originari del sud-ovest della Francia, ma anche in Albarino verde, Sauvignon Blanc e Chardonnay.

Canelones è la regione vinicola più famosa e storica, ma ora l’interesse è in aumento anche nelle regioni di Garzón e Altos de José Ignacio. Quest’ultimo si trova a un’ora e mezza dalla capitale, Montevideo, e qui l’Oceano Atlantico ha una forte influenza sul clima attraverso i suoi venti freddi. Natura ben preservata, mare bellissimo e vini pregiati fanno sì che questa potrebbe essere la destinazione più ventosa del futuro.

Foto: shutterstock / Shutterstock

Ungheria – Un’uva interessante

L’Ungheria è conosciuta come un paese del vino per i suoi dolci vini da dessert Tokaji, ma una generazione più giovane di produttori di vino sta guadagnando un crescente interesse internazionale nei loro vini secchi.

Dopo la caduta del comunismo, sono stati fatti investimenti in nuove tecnologie e la qualità del vino è stata aumentata nel paese. L’Ungheria ha una serie di vitigni locali interessanti, con nomi difficili, menta, ezerjò, hàrslevelù e kadarka, solo per citarne alcuni. I vini vanno dal leggero aromatico al corposo e conservabile.

READ  La canzone di Tusse è arrivata 14 ° all'Eurovision Song Contest - Radio Sweden in Easy Swedish

L’Ungheria gode di un clima continentale con estati calde e inverni freddi. Il clima è influenzato anche dal fiume Danubio, che scorre da nord a sud attraverso il centro del paese. Ha montagne a nord e uno dei laghi più grandi d’Europa, il Lago Balaton, a ovest. Molti dei migliori vigneti sono piantati a sud sui pendii e in molte parti c’è terreno vulcanico. Insieme, creano buone condizioni per vini secchi di qualità di cui senza dubbio vedremo di più.

Foto: stock Adobe / Stock Adobe

Ningxia, Cina – Vino di qualità premium

Che la Cina diventerà uno dei maggiori attori mondiali sulla scena enologica internazionale, molte persone probabilmente non ci avrebbero creduto un paio di anni fa. Ma oggi è una realtà. La Cina è il decimo paese produttore di vino al mondo per volume (OIV 2018). Soprattutto nella regione di Ningxia, dove investono in vini di alta qualità.

Il clima è continentale con solo 200 mm di pioggia all’anno. Alcuni vigneti raggiungono i 1.200 metri sul livello del mare e l’irrigazione dal vicino Fiume Giallo offre buone condizioni per vini di alta qualità. Vengono coltivate le uve blu Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Marcella (un incrocio tra Cabernet Sauvignon e Grenache) e Carmenier. Tra i verdi dominano il viognier e lo chardonnay.

Gli investitori stranieri, come Pernod Ricard e LVMH, un gruppo francese e uno dei più grandi al mondo nel settore del lusso, hanno già aperto gli occhi sulla regione.

Foto: Adobe Stock / Adobe Stock

OLTREPO’PAVESE, Italia – Potenziale entusiasmante

L’Oltrepo’pavese si trova in Lombardia, in Italia, non lontano dalla città di Pavia, a sud del fiume Po. Qui puoi fare alcuni degli spumanti più interessanti d’Italia in modo classico. È prodotto su Pinot Nero (85%) con Chardonnay, Pinot Bianco o Pinot Grigio.

READ  "Essere così sordo"

Per molto tempo, le cooperative della zona hanno formato grandi quantità di bassa qualità, ma ora i piccoli produttori stanno iniziando a imbottigliare a loro nome e il vino sta diventando sempre più interessante ogni anno che passa. Da provare anche il vino rosso che si fa ancora con il pinot nero. I prezzi sono spesso bassi se guardi a quello che ottieni per i tuoi soldi. Coltivano anche Barbera, Croazia e Ufa Rara che servono vini speziati. La regione ha ancora un grande potenziale e sarà interessante seguire il futuro sviluppo della regione.