TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È scomparso dopo le critiche a Corona – è tornato dopo 600 giorni

Chen Qiushi, 36 anni, ha documentato lo scoppio del virus Corona a Wuhan.

Due settimane dopo fu censurato e scomparve. Dopo 600 giorni, Chen tornò.

– Ne ho incontrate tante. Alcuni possono parlare, altri no. Penso che tu capisca, scrive su Twitter.

L’avvocato cittadino e giornalista Chen Qiushi si è recato in Cina Wuhan Il 24 gennaio 2020 ho iniziato a riferire dall’epicentro del coronavirus.

Indossando una maschera facciale e occhiali, ha filmato dall’interno di ospedali sovraffollati. In una delle scene peggiori, una donna scioccata chiama la sua famiglia mentre il suo parente deceduto è seduto su una sedia a rotelle accanto a lei.

Molti milioni hanno guardato i video di Chen sulla piattaforma WeChat, prima che il suo account fosse chiuso. Poi si è rivolto a YouTube, che è vietato in Cina.

Chen Qiushi ha riferito dalle strade di Wuhan.

Una settimana prima che Chen scomparisse nel febbraio dello scorso anno, ha annunciato tramite YouTube che le autorità stavano facendo pressioni su di lui perché si dimettesse e si è rivolto direttamente al Partito Comunista:

– Non ho nemmeno paura della morte. Credi che io abbia paura di te, Partito Comunista?

Quando Chen è scomparso, la sua famiglia ha dichiarato di ritenere che fosse stato messo in quarantena per il coronavirus, anche se non mostrava alcun sintomo della malattia.

600 giorni dopo, il mondo esterno ha ricevuto il suo primo accenno di vita da Chen Qiushi, in parte tramite un video sulla pagina Youtube di un amico, in parte tramite il suo account Twitter.

READ  I talebani occupano un altro capoluogo di provincia | GP

– Nell’ultimo anno e otto mesi, ho vissuto molto. Alcuni possono parlare, altri no. penso che tu capisca, Chen ha scritto, secondo il Wall Street Journal.

Galleria fotografica di Wuhan nell’aprile 2020

Altri due giornalisti nazionali sono scomparsi

Mentre Chen Qiushi ha taciuto nel febbraio dello scorso anno, la stessa sorte è toccata ad altri due giornalisti civili a Wuhan.

Li Zhihua è stato arrestato dopo aver affermato che l’Istituto di virologia di Wuhan ha causato l’epidemia. Per due mesi è stato taciuto su di lui prima che apparisse di nuovo su Internet.

Fang Bin è scomparso dopo aver pubblicato diversi video in cui pile di cadaveri venivano caricate su un autobus. Ancora disperso.

Quando i giornalisti patriottici sono stati allontanati dalla strada, centinaia di giornalisti dei media statali sono stati inviati a Wuhan per ristabilire il monopolio dell’informazione del Partito Comunista.

Durante la celebrazione di un anno della revoca del blocco di Wuhan nell’aprile 2021, i media statali hanno descritto come la città “è risorta dalle macerie” e ha affermato che era la prova che la leadership del Partito Comunista è straordinariamente buona, scrive il Wall Street Journal.

Inserito: