TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

E poi apparirà Mbappé.

La vittoria per 1-0 di sabato sull’Elfsburg porta la squadra maschile di Hammarby alla finale della Coppa di Svezia. È stata la stabilità e il controllo nei 90 minuti che hanno caratterizzato la tanto attesa squadra di Borås per i giocatori biancoverdi. Non si trattava del “bagen oscillante”.

A volte nel calcio si tratta di raggiungere l’1-0, chiudere la partita, vincere e tornare a casa, afferma l’attaccante Astrit Selmani e continua:

– Il modo in cui lavoriamo come una squadra ora… Sembra che ci stiamo avvicinando sempre di più (livello più alto) ad ogni allenamento e partita che finisce. Adesso è di buon umore. Guarda questa partita, abbiamo fatto 1-0 e poi possiamo anche fare la partita che la gente non si aspetta da noi, ovvero difenderci e chiudere la partita.

È bello vincere 1-0 a volte anche se ti chiami Hammarby?
– È forza. Dobbiamo dominarlo. Se vogliamo vincere titoli, dobbiamo essere bravi a farlo. Guarda le altre squadre che hanno vinto lo Svenskan, a volte segnano 1-0 vittorie. Dobbiamo fare lo stesso.

Il terzino sinistro Muhannad Gehazy crede lo stesso di Salmani.

– È uno degli obiettivi con cui abbiamo lavorato da quando è arrivato Marti (Cifuentes, allenatore). Ha guardato le nostre partite l’anno scorso e poi siamo stati alti e bassi nelle nostre prestazioni. Non c’era niente tra loro. Vogliamo inserirlo. Vogliamo essere in grado di essere in cima e anche avere qualcosa nel mezzo. Le cose finora sono andate bene anche se la partita di Norrköping ha oscillato su e giù. Ci vorrà del tempo per entrare in partita, motivo per cui penso che sia molto forte per noi arrivare in finale, dice Giheze.

READ  Gabriel Wallmark vince l'oro JVM nel salto triplo - batte il nuovo record svedese

– Abbiamo sentito che Elfsborg era più disposto a fermarsi e lasciare la palla Elfsborg. Furono un po’ presi dal panico e pensarono: “Cosa stanno facendo?” E mi sono sentito sollevato. Ovviamente è diventato serio quando hanno pubblicato su (Per) Frick, ma penso che Richard (Maguire) e (Mads) Wenger si siano presi cura di lui.

Il nuovo allenatore Marti Cifuentes inizia la sua esperienza al club andando alla finale di coppa e portando la squadra in finale quando sta anche lavorando a un nuovo modo di giocare che potrebbe significare molto per il futuro, afferma Astrit Selmani.

– E poi non abbiamo nemmeno finito di arruolarci. Sembra che appariranno alcuni Mbappe o Ronaldo. No, ma abbiamo già una buona squadra e tutti i rinforzi sono buoni. Abbiamo apportato alcune modifiche a questa partita e sono stati i migliori giocatori a partecipare. Se possiamo andare avanti così e portare più qualità, dice Salmani, può andare avanti nel corso di un’intera stagione.

Ora abbiamo fatto un buon pre-stagione e raggiungiamo di nuovo la finale di coppa. Il mio obiettivo è vincere un altro titolo con questo club. Ho detto che avrei vinto più dei ragazzi che sono stati qui prima, e se ne vincessi un altro, ne vincerò due. È più di quanto chiunque altro qui abbia fatto.

L’attaccante crede fermamente in ciò che Baggin sta costruendo e sottolinea che il feeling all’interno del gruppo è diverso rispetto a prima.

– C’è qualcosa di speciale in questa squadra che abbiamo ora, la chimica che abbiamo. Puoi già vedere dopo la partita la gioia che mostriamo. Non c’è nessuno al di sopra di chiunque altro nella squadra. Nessuno pensa che sia una cosa. Siamo una squadra e abbiamo buoni giocatori ovunque.

READ  TV: Liverpool pronto per la finale di CL

Lo scorso inverno, il club aveva bisogno di far uscire Cifuentes dall’lborg, il che significava che la squadra doveva iniziare la stagione senza un allenatore.

– Penso che solo nel periodo in cui mancava un allenatore, quando c’era incertezza, c’era solo una cosa da fare: unire le forze come squadra. Penso che nel lungo periodo abbia giovato al fatto che ci siamo allenati senza un allenatore per due settimane. Era una specie di parodia, ma da qualche parte ci siamo avvicinati l’un l’altro in quel momento. Spero che il mio asino l’abbia fatto in un certo senso perché ha fatto qualcosa di buono in situazioni come questa, dice Salmani e ride.

Jeahze ha la stessa immagine della situazione di Salmani.

– Nonostante la presenza di Emad (Khalili) che ha condotto l’allenamento, sapevamo che non era lui a portare avanti l’allenamento. Quindi potevamo semplicemente pensare: “Ah, wow, non abbiamo ancora un allenatore”. Ma abbiamo viaggiato molto duramente e poi quando è arrivato Marty eravamo davvero ben preparati. Quindi sono d’accordo con lui, ci riuniamo in gruppo e queste cose le devi fare anche fuori dal campo… cene di squadra e così via. Stiamo iniziando a farlo sempre di più quest’anno. Jeahze dice che ci si sente bene.

Anche il nuovo acquisto Naher Basara, che è tornato al club, è contento dei passi intrapresi per poter ottenere una stabilità più consistente.

– Ho parlato un po’ con (Richard) Maguar dopo la partita e ho detto: “Se fosse stato un anno o due fa avremmo fatto 1-0 ma sarebbe finito 4-1 contro l’Elfsborg”. Ora abbiamo costruito una sorta di cultura in cui lavoriamo insieme, costruiremo qualcosa lì. , dice Besara.

READ  Haris Radetinac di djurgården esorta la Svezia ad arrestare Isak Hien

Sente anche l’atmosfera speciale di cui parlano i suoi colleghi Salmani e Jayaz.

– Non è solo qualcosa da dire, mi piace molto. Ci sono grandi giocatori nella squadra. Sono molto divertenti. Ma quello che amo è che possiamo passare dallo scherzare, scherzare e scherzare a diventare quasi nemici una volta che siamo sul campo. Negli esercizi si guadagna. È clamore e tutti vogliono migliorare.