TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È necessario più grasso per il cibo |

Può sembrare paradossale che le persone abbiano bisogno di mangiare più grassi. Ma in molte aree densamente popolate del mondo, è comune avere troppo pochi grassi nella dieta. I grassi sono essenziali per una buona salute, ma gran parte del grasso che mangiamo proviene da alimenti di origine animale, che hanno un forte impatto ambientale.

I ricercatori di SLU e KI riportano il primo studio in cui i modelli di consumo globale di grassi sono stati esaminati da una prospettiva di sostenibilità e salute. L’obiettivo importante era vedere se avremmo avuto bisogno di aumentare la produzione mondiale di grasso e quale strategia sarebbe stata migliore in questo caso.

Molte persone mangiano meno grassi

Lo studio ha mostrato che il consumo di grassi è inferiore al livello raccomandato in molte aree densamente popolate del mondo. Ha un impatto negativo sullo stato nutrizionale della popolazione e contribuisce a un apporto calorico insufficiente ea una carenza nutrizionale in termini di vitamine liposolubili e acidi grassi essenziali. D’altra parte, alcune regioni consumano più grassi di quanto richiedano le attuali raccomandazioni globali, anche se non è chiaro se ciò abbia effetti negativi sulla salute.

I grassi hanno molte funzioni importanti nel corpo umano, ad esempio come unità strutturali nelle membrane, come riserve di energia e come precursori di composti metabolici coinvolti nelle risposte immunitarie. Ci sono ancora molte cose che non sappiamo sugli effetti sulla salute dei diversi tipi di grassi e c’è un urgente bisogno di chiarire questo punto. Diversi nuovi studi sembrano confermare l’ipotesi che non tutti i grassi saturi abbiano lo stesso effetto sulla salute, afferma Federica Laguzzi, ricercatrice di KI e coautrice dello studio.

READ  "I malati di carbonio non dovrebbero finire in lista d'attesa"

Servono almeno 45 milioni di tonnellate di grasso

Secondo i calcoli dei ricercatori, sono necessarie ulteriori 45 milioni di tonnellate di grasso affinché le aree carenti di grassi siano in grado di raggiungere la quantità raccomandata di grassi nella dieta. Con l’aumento della popolazione mondiale, saranno necessari più grassi (circa 110 milioni di tonnellate entro il 2050) e ancora di più se si fanno sforzi per raggiungere il consumo di grassi richiesti, ad esempio, le nuove raccomandazioni Nordic Nutrition o in mangiare lancettaRapporto.

Altri modi per ingrassare di più

Esistono diverse opzioni per aumentare l’apporto di grasso, ma non tutti i metodi sono ugualmente desiderabili. Ad esempio, l’aumento della produzione di carne di maiale e latticini – le due maggiori fonti di grasso a livello globale – avrà un impatto ambientale significativo. D’altra parte, è possibile aumentare il consumo di strutto e sego da parte delle persone, poiché gran parte di ciò che viene prodotto oggi viene utilizzato in prodotti non alimentari, o addirittura scartato, sebbene i grassi possano avere determinati benefici per la salute rispetto, ad esempio, al burro.

Anche i grassi vegetali sono un problema

Anche l’aumento della produzione di grassi vegetali pone delle sfide. Ad esempio, la produzione di semi di soia e olio di palma ha storicamente significato deforestazione.

Una forte protezione delle restanti foreste pluviali è di fondamentale importanza, afferma Bojana Bagzilig, borsista post-dottorato presso SLU e autrice principale dell’articolo. Quindi, la produzione di olio di palma può essere aumentata aumentando i raccolti nelle piantagioni esistenti. C’è ancora molto potenziale là fuori.

La colza si danneggia facilmente

Nei climi temperati, l’olio di colza sembra essere il candidato più forte per fornire grassi sani. Tuttavia, la colza non dovrebbe essere piantata più spesso di ogni cinque o sette anni in una rotazione delle colture per prevenire la diffusione di malattie e parassiti, il che limita la quantità di olio di colza che può essere prodotta.

READ  Sollievo dal dolore senza effetti collaterali con la tecnologia delle alghe morbide

Secondo i ricercatori, ciò che potrebbe dare il maggior contributo all’aumento dell’offerta di grassi alimentari è l’uso di grandi quantità di oli commestibili che sono attualmente utilizzati nei non-food.

“Sfortunatamente, è difficile persino stimare la quantità di questi oli utilizzati nei prodotti non alimentari”, afferma Elaine Ross, docente senior presso SLU. Abbiamo trovato differenze significative nelle statistiche disponibili. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, si tratta di circa 50 milioni di tonnellate, mentre si tratta di circa 90 milioni di tonnellate, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Ciò mette in evidenza quanto scarso interesse per questo argomento sia stato finora.

Olio di microrganismi

Nell’articolo, i ricercatori hanno anche affrontato gli oli microbici come un’eccitante fonte di lipidi in futuro. Alcuni microrganismi possono accumulare grandi quantità di olio – fino al 70% della biomassa – e avere una composizione in acidi grassi simile a quella degli oli vegetali.

La conversione di prodotti avanzati come paglia, trucioli di legno e segatura in olio prezioso, ad esempio con l’aiuto del lievito di conservazione dei grassi, è stata testata presso SLU, afferma Elin Röös. Tuttavia, i costi di produzione e l’accettazione da parte dei consumatori saranno di grande importanza per il futuro degli oli microbici.

Materiale scientifico:

Il ruolo dei grassi nella transizione verso diete sostenibili. Lancet Planet Health.

Chiamata:

Bojana Bagzilig, Postdoctoral Fellow, Dipartimento di Energia e Tecnologia
Università svedese di scienze agrarie, Uppsala, [email protected], Elin Ross, docente senior, Dipartimento di energia e tecnologia, Università svedese di scienze agrarie, Uppsala, [email protected]