TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

E così la bolla del secolo alla fine è scoppiata – le bolle lo fanno.

Dopo il recente crollo degli scambi di criptovaluta, è sicuro affermare che la bolla di Bitcoin è scoppiata. E questo con preavviso.

perso il 75 per cento

Al massimo, il rally è stato del 1.600 per cento e l’asset class è stata di gran lunga la migliore posizione dell’ultimo decennio. Nel frattempo, è forse la più grande bolla che si sia verificata nei tempi moderni.

Ad ogni modo, secondo l’analisi BofA della banca di investimento di seguito.

L’orgasmo è finito

Ora rimane “solo” il 400 percento per Bitcoin in aumento. Non è neanche male. Ma l’euforia per le criptovalute è finita e ci vorrà del tempo per riconquistare la fiducia.

Ma gli investitori sfregiati non dovrebbero essere sorpresi.

ARK Investi

Come mostra l’immagine qui sotto, questa è una sequenza abbastanza comune di eventi di asset gonfiati. BofA ne ha fissate 10 dal 1970. La seconda bolla più grande dopo Bitcoin, secondo la banca, ARK Invest Arca Investi | Crediamo che l’innovazione sia la chiave per la crescita (ark-invest.com).

Il fondo è gestito dall’importante direttore Catherine Wood, che investe principalmente solo in società promettenti (di alto valore).

Andava bene finché non lo era.

Fonte: BofA

Il Giappone si distingue

Ma ci sono anche altre bolle nel mercato azionario che dovrebbero essere menzionate. Bank of America ha prodotto sette segmenti aggiornati dal 1990 (vedi grafico sotto).

In particolare il Giappone alla fine degli anni ’80.

Il Giappone rappresentava la metà dell’intero mercato azionario globale

Dopo i successi nelle automobili e nella tecnologia, gli investitori hanno creduto per un po’ che il Giappone avrebbe conquistato il mondo. Il mercato azionario giapponese rappresentava quasi la metà della capitalizzazione di mercato totale mondiale nel 1989.

READ  Sony sta richiedendo un brevetto sull'intelligenza artificiale che può eseguire giochi per te

Ora la percentuale è scesa al 6 per cento.

Fonte: BofA

Peggio per il settore tecnologico

Si è scritto molto sulle cosiddette società FAANG (Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google). Ma in questa compilation, né l’ascesa né la caduta sembrano particolarmente degne di nota.

Poi è stato peggio per il settore tecnologico all’inizio del millennio.

Articoli Correlati:

Analisi: Ecco perché nelle borse europee fa freddo. PS oggi

Guadagna miliardi: PS oggi