TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È così che si può fermare il rapido attacco del virus dell’herpes –

Quattro volte più forte della pressione in una bottiglia di champagne. Questo è quanto è forte la pressione nel virus dell’herpes quando il suo DNA viene spinto nella cellula. Ma abbassando la pressione, i ricercatori sono stati in grado di disinnescare le “bombe herpes”.

È un’idea sbagliata tra il pubblico che il virus dell’herpes sia uno scherzo, porti a grandi sofferenze, afferma Alex Evilevitch, professore di biologia cellulare all’Università di Lund che ricerca i meccanismi fisici che controllano l’infezione virale.

Pericoloso se il sistema immunitario è debole

Per le persone con un sistema immunitario sano, i virus dell’herpes nella stragrande maggioranza dei casi provocano infezioni completamente innocue. Ma per il grande gruppo con un sistema immunitario indebolito, può significare una grave malattia.

– Possono essere esposti per decenni a continui attacchi del virus dell’herpes, che compromettono significativamente la qualità della vita.

Virus dell’herpes conosciuti

Ci sono nove virus dell’herpes conosciuti con cui gli esseri umani possono essere infettati. Il virus dell’herpes può causare malattie come ulcere della bocca, verruche genitali, febbre da tre giorni, varicella, fuoco di Sant’Antonio e febbre ghiandolare.

Il citomegalovirus (CMV) può causare cecità o sordità nei bambini se la madre viene infettata dal virus durante la gravidanza. I virus dell’herpes possono anche essere collegati alla SM e portare al sarcoma di Kaposi, un tipo di cancro della pelle.

Una malattia insolita ma molto pericolosa causata dal virus dell’herpes è l’encefalite, l’encefalite, dalla quale pochi sopravvivono e finiscono, nella migliore delle ipotesi, con disabilità permanenti.

I trattamenti oggi disponibili contro il virus dell’herpes attaccano le proteine ​​virali di cui il virus dell’herpes ha bisogno per riprodursi.

READ  Il numero di nuovi casi di coronavirus è diminuito settimanalmente a Halland

Ma i virus mutano costantemente e i pazienti con un sistema immunitario indebolito sviluppano resistenza al trattamento. Quindi, per coloro che sono gravemente colpiti dal virus dell’herpes, non esistono trattamenti efficaci a lungo termine.

Le molecole bloccano il virus

Alex Evilevitch pensa che la loro ricerca potrebbe cambiarlo.

– Ma dal momento che miriamo al meccanismo fisico che guida il DNA del virus dell’herpes nel nucleo della cellula infetta, non importa se le proteine ​​​​del virus mutano.

Un gruppo di ricerca multidisciplinare in cui chimici, fisici, medici e biologi lavorano insieme in laboratorio.

– Siamo riusciti a identificare gruppi di molecole che possono infiltrarsi prima nella cellula senza danneggiarla, e poi nel virus. Quindi le microparticelle inibiscono il virus deprimendo il DNA.

L’herpes labiale si manifesta rapidamente

Quasi tutti a un certo punto sono stati infettati dal virus dell’herpes più comune che causa l’herpes labiale. Il virus si diffonde rapidamente e nel giro di poche ore si possono sviluppare palpiti e bruciore in bocca.

– Infetta rapidamente molte cellule con l’aiuto dell’elevata pressione del DNA. Il DNA del virus è ben confezionato e quando viene spinto nella cellula ospite la pressione è di 20 atm, rispetto alla pressione di un pneumatico per auto che è di due atmosfere.

Speriamo in un nuovo trattamento

I trattamenti futuri, che mirano a ridurre lo stress e garantire che il DNA del virus rimanga incapsulato nell’involucro proteico del virus, funzioneranno su tutti i virus dell’herpes, poiché sono controllati dallo stesso meccanismo.

E nessuno svilupperà resistenza a un trattamento così rivoluzionario.

Questo può portare a un trattamento esteso. Ma c’è ancora molta strada da fare, finora gli esperimenti sono stati fatti in laboratorio. Il passo successivo sono gli studi sui topi e ulteriori studi clinici sull’uomo.

READ  Tutto quello che devi sapere sull'allenamento della forza

Collirio per pazienti affetti da CMV

Se il concetto ha fatto il lungo viaggio verso i prodotti farmaceutici, Alexander Ivlevich sa a cosa dare la priorità per primo.

– Per prima cosa vorrei fare dei colliri per i pazienti con CMV, ce n’è un grandissimo bisogno. Circa il trenta per cento dei bambini nati con CMV sono a rischio di cecità.

Testo: Jenny Lofttrop

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in scienza e salute