TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo l’acquisto del Newcastle FC dell’Arabia Saudita, i restanti club di PL richiedono un incontro urgente

Questa settimana è stato chiaro che l’ex proprietario del Newcastle Mike Ashley sta vendendo il club al Saudi Public Investment Fund (PIF).

La presa del potere, tuttavia, ha portato a critiche dal mondo esterno per la mancanza di diritti umani in Arabia Saudita. L’Arabia Saudita non ha elezioni democratiche, nessuna libertà religiosa e le donne non godono dei diritti umani fondamentali. Il principe ereditario Mohammed bin Salman Come affermato secondo gli Stati Uniti Sii dietro l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018

Ciò ha portato i 19 club rimanenti della Premier League a richiedere una riunione di emergenza, secondo The Guardian. I club temono che l’acquisto del club danneggi la reputazione della Premier League e vogliono sapere come potrebbe andare l’acquisto dopo che è stato precedentemente vietato.

Il Guardian ha anche scritto che l’amministratore delegato della lega, Richard Masters, e il suo presidente, Gary Hoffman, avevano ricevuto lamentele da diversi blocchi che non avevano idea che l’acquisto del Newcastle sarebbe andato a buon fine. La questione non è stata discussa nell’ultima riunione di campionato due settimane fa e un potenziale accordo è stato bloccato l’anno scorso. L’ex proprietario del Newcastle Mike Ashley ha presentato ricorso contro tale decisione e il caso dovrebbe essere esaminato dalla Corte d’appello il 3 gennaio 2021.

Inoltre, i club della Premier League non devono essere informati in anticipo dell’acquisto del Newcastle, ma devono essere informati di ciò tramite i social media prima che tutti i club ricevano un’e-mail di conferma alle 17:18 di giovedì – allo stesso tempo la lega ha annunciato che l’acquisto era andato attraverso.

Secondo il Guardian, l’ispettore della qualità della lega Adam Lewis ha detto alla corte in precedenza in appello che l’acquisto potrebbe andare a buon fine, nel caso in cui il tribunale decidesse che non ci sarebbe stato alcun rappresentante dell’Arabia Saudita nel club. Ma affinché l’acquisto avvenga così rapidamente, questo non dovrebbe essere menzionato.

READ  Stankovic ha ammonito Ibrahimovic: “Cantare è davvero brutto

Il motivo del rapido acquisto, secondo The Guardian, è che l’Arabia Saudita ha revocato il divieto alla società di trasmissione con sede in Qatar, beIN Sports, che possiede i diritti della Premier League in Arabia Saudita, promettendo di chiudere tutti i sauditi. aziende. Siti che trasmettono il campionato. Questo avrebbe dovuto dimostrare alla lega in seguito che l’Arabia Saudita non sarebbe stata coinvolta nelle operazioni quotidiane di Newcastle.