TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo la sconfitta olimpica, di nuovo il capocannoniere della vittoria con un calcio di rigore

Caroline Seeger è tornata a casa dalle Olimpiadi di Tokyo con più medaglie d’argento, dopo i secondi più pesanti della sua carriera.

A Gamla Ullevi tornano tutte queste idee.

Dopotutto, Miss Tokyo non molto tempo. Miss dove la palla è finita sopra la traversa e l’oro olimpico per il Canada è scomparso.

“La cosa peggiore che ho passato”, ha detto francamente Seger la scorsa settimana.

Il kosovaro Aslani, il secondo giocatore a tirare i rigori prima della partita contro la Georgia, è già stato sostituito.

Così quando Magdalena Ericsson è stata tirata fuori a pochi minuti dalla fine in area di rigore, lo stesso capitano ha dovuto avanzare nuovamente verso il dischetto.

E questa volta esteriormente non c’erano dubbi. Il portiere scatta sulla sinistra, Seeger spara dall’altra parte e segna il suo 30esimo gol in nazionale.

“Tanti sentimenti”

Ma dentro non era affatto calmo.

C’erano così tante sensazioni, così tanti pensieri, i ricordi sono tornati. È stata una sensazione dura, dice Caroline Seeger, ma devi attraversarla per andare avanti.

È stato bello ottenere un rigore così vicino e poterlo mettere davanti ai grandi tifosi svedesi.

Caroline Seeger afferma che dopo le Olimpiadi ha sentito un grande sostegno da fan e colleghi, non ultimo dal kosovari Aslani.

– È una leader e sappiamo che può assumersi questa responsabilità, afferma lo stesso Aslani.

– Ho provato a darle un po’ di fiducia in se stessa, ma lei sa che quindi non ci sono problemi.

Inoltre, la partita contro la Georgia era già stata decisa.

Caroline Seeger afferma che il calcio di rigore è una situazione difficile da spiegare agli estranei. Specialmente quando hai bruciato qualcuno in una posizione cruciale in una finale olimpica solo poche settimane fa.

READ  The Times: una barriera alle vendite del Chelsea

– Ho dovuto aspettare così tanto, non ha reso le cose molto più facili. Ho solo pensato, non sparare, mettilo comunque sul bersaglio, dice.

C’è un’altra pressione nella finale olimpica, ma quella pressione era quasi palpabile oggi.

“Incredibilmente forte”

Ai supplementari arriva il 31esimo gol della Nazionale, questa volta con un gol su rete da distanza ravvicinata.

Non era uno dei miei obiettivi più difficili, dice Caroline Seeger.

Trinidad e Tobago: la punizione prima di quella era invece una delle più difficili?

– Sì, potrei dire così, sì, puramente mentalmente.

Successivamente, Caroline Seeger è stata accolta sia dal pubblico che dai suoi compagni di squadra.

Abbiamo perso come squadra in quella finale olimpica, indipendentemente dal gol o dal rigore sbagliato, siamo ancora una squadra, dice Magdalena Eriksson.

– Penso che Seger fosse incredibilmente potente e chi è avanzato oggi, avresti potuto darlo a qualcun altro così facilmente.