TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Djurgarden lascia la squadra – sette giocatori vengono ringraziati e autorizzati ad andarsene

Djurgården si prepara per le partite di Hockeyallsvenskan dopo aver perso i playoff contro Timrå.
Ora la rosa è già stata ripulita e fino a sette giocatori sono stati ringraziati.

Un portiere, tre difensori e tre attaccanti lasciano il Djurgården in seguito alla retrocessione all’Olsvenskan Hockey.

I giocatori che lasciano Djurgården sono:
Alexander Salak, mv
Cameron Schilling, n
Marc-Andre Gragnani, n
Eric Glinas, n
Paul Carey, n
Emile Poirier, n
Rit Rakhshani, n

Abbiamo scelto di non introdurre nessuno dei nostri nuovi accordi di importazione. Quando ora inizieremo a costruire e formare una nuova squadra, vorremo invece seguire e dovremo seguire un altro standard, la rappresentanza del Djurgården. Direttore sportivo di KG Stoppel sito del club.

Leggi di più: I vice allenatori lasciano Djurgorden: “Grande vergogna e dolore”

In precedenza, i vice allenatori Niklas Falk e Mikael Aarrow avevano lasciato i loro doveri al Djurgården.

Linus Arnson, Ludwig Hedström, Friedrich Forsberg e Karl Lindbaum hanno un contratto con il club e rimarranno al club. Djurgarden per parlare con un certo numero di giocatori, Philip Cederqvist, Ludwig Reinsfeldt, Tim Soderlund, Tom Nelson, Rasmus Bengtsson ed Emil Berglund.

Djurgården riferisce anche di aver avuto conversazioni positive con i giovani, Jonathan Likremäki, Noah Ostlund, William O’Green e Callie Odilius.

Il direttore sportivo ad interim di Djurgården ha precedentemente parlato dell’importanza di rendere la squadra “degna di fiducia” per fare in modo che tutto, dagli sponsor ai fan, sia sul viaggio di ritorno alla SHL.

Se c’è un ambiente impegnato e siamo in grado di fornire una buona rilevanza, ci sono buone possibilità di componenti aggiuntivi. Pertanto, è importante mettere le cose nel giusto ordine e renderle credibili e buone, afferma KG Stoppel per HockeyNews.se

READ  L'Arabia Saudita è il più grande evento di Coppa del Mondo della mia vita