TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Diversi paesi si stanno preparando alla vendetta iraniana contro Israele

Francia, India, Polonia e Russia sconsigliano ai propri cittadini di viaggiare in Medio Oriente, ha riferito Reuters. Ciò è avvenuto dopo le informazioni americane sulla possibilità di un attacco iraniano contro Israele entro le prossime 24 ore Il giornale di Wall Street Riferirsi a qualcuno con trasparenza. Nel frattempo, un'altra fonte ha detto al giornale che il regime iraniano è ancora nella fase di pianificazione dell'operazione di ritorsione.

Il leader supremo iraniano, l'Ayatollah Ali Khamenei, aveva precedentemente affermato che Israele “deve e deve essere punito” per l'attacco al consolato iraniano in Siria che ha ucciso numerosi diplomatici e alti dirigenti iraniani, secondo i rapporti. Reuters.

John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale americano, ha affermato che la minaccia iraniana è “reale”. Reuters: L'esercito israeliano chiede alla gente di stare attenta.

Ma secondo l'esperto iraniano Roozbeh Parsi Difficile giudicare se la ritorsione sia imminente. Tuttavia è “altamente probabile” che prima o poi l'attacco venga portato a termine.

– L'Iran di solito non annuncia un attacco. Dicono sempre di voler vendicarsi ma lo fanno quando gli fa comodo. Dice che questo è il loro modo di prevenire l’escalation.

Secondo Roozbeh Parsi, è il modo con cui l'Iran controlla il ritmo di ciò che accade.

-Se mi colpisci e io ti colpisco una volta, mi colpirai ancora. Ma se mi batti, andiamo a casa e torniamo una settimana dopo, e la dinamica non sarà più la stessa. “Soprattutto se chiedi al mio amico di venire a picchiarti”, dice.

L'Iran lo ha fatto più volteHa consentito ad “amici” come i ribelli Houthi, Hezbollah o le forze di mobilitazione popolare in Iraq di svolgere azioni per conto dell’Iran. Questo è un altro modo per prevenire l’escalation. Allora il Paese potrebbe affermare di non aver compiuto l’attacco, dimostrando allo stesso tempo che non si può attaccare l’Iran impunemente.

READ  Una nuova ondata di robot russi contro l'Ucraina
Secondo l'esperto iraniano Roozbeh Parsi, l'Iran di solito non avvisa quando viene effettuata un'operazione di ritorsione.

Foto: Frederick Sandberg/TT

Ma secondo Roozbeh Parsi, Israele solitamente non tollera gli attacchi portati avanti da gruppi ad esso alleati.

– Storicamente, Israele ha voluto rispondere con la forza, indipendentemente dalla portata dell'attacco. Questa è una tendenza che si è intensificata dopo il 7 ottobre perché sentono il bisogno di ristabilire la credibilità delle loro capacità di deterrenza.

Già la settimana scorsa Diversi media hanno riferito che Israele e gli Stati Uniti si aspettavano un’azione di ritorsione da parte dell’Iran in relazione alla fine del Ramadan lo scorso fine settimana.

Tutti si stanno preparando per qualcosa che sanno che prima o poi accadrà, ma nessuno sa quando. Ora però gli americani sembrano un po' più preoccupati rispetto a venerdì scorso, ma non posso giudicare su cosa si basino, dice Roozbeh Parsi.

Vede due diversi scenari che potrebbero costituire la base dei dati statunitensi. Gli Stati Uniti potrebbero aver visto che l’Iran aveva adottato le misure necessarie per prepararsi all’attacco, o che gli americani avevano parlato con l’Iran e trovato una soluzione per prevenire una violenta risposta israeliana.

– Ufficialmente, gli Stati Uniti e l'Iran non parlano tra loro. Ma possiamo sperare nella stabilità e nell’aumento dei contatti informali. Per raggiungere il successo nella propria strategia politica, ciascun attore deve monitorare tutte le mosse, soprattutto se l’ambizione è prevenire la guerra. In questo caso, devi essere in grado di parlare con i tuoi nemici tanto quanto devi parlare con i tuoi amici, dice Roozbeh Parsi.