TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Differenze nella regolazione del dolore cerebrale nelle persone con comportamenti autolesionistici



I ricercatori del Karolinska Institutet potrebbero aver trovato una spiegazione del motivo per cui le persone che si comportano in modo autolesionistico generalmente sperimentano meno dolore di altre. La chiave sembra risiedere in un sistema di controllo del dolore più efficace, una scoperta che potrebbe portare a un aiuto migliore per coloro che cercano assistenza per il loro comportamento autolesionista. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Psychiatry.

La maggior parte delle persone cerca di evitare il dolore, ma alcuni, in particolare adolescenti e giovani adulti, possono occasionalmente esporsi a danni fisici. Il comportamento autolesionista è strettamente correlato ad altre malattie mentali come ansia e depressione, ma lontano da tutti coloro che soffrono di queste condizioni è autolesionistico.

Abbiamo a lungo cercato di capire cosa distingue gli individui dal comportamento autolesivo dagli altri e perché il dolore stesso non è sufficientemente deterrente per astenersi dall’autolesionismo. Studi precedenti hanno dimostrato che le persone con comportamenti autolesionistici sono generalmente meno sensibili al dolore, ma c’è stata una mancanza di conoscenza dei meccanismi alla base di ciò, afferma Karen Jensen, ricercatrice e capogruppo del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet, e corrispondente autore dello studio.

sopportare più dolore

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato questi meccanismi confrontando la regolazione del dolore in 41 donne che si sono ferite almeno cinque volte nell’ultimo anno con 40 donne identiche senza comportamenti autolesionistici. Le donne di età compresa tra 18 e 35 anni sono state sottoposte a test del dolore in vitro in due occasioni presso l’ospedale universitario di Karolinska nel periodo 2019-2020. Durante i test convalidati, le donne hanno dovuto stimare l’esperienza del dolore durante la compressione transitoria e la stimolazione termica. Anche l’attività cerebrale nel dolore è stata misurata mediante risonanza magnetica.

READ  I ricercatori hanno trovato la ricetta dell'abbraccio perfetto

I ricercatori hanno scoperto che, in media, le donne che avevano comportamenti autolesionistici sperimentavano livelli di dolore più elevati rispetto ai controlli. Allo stesso tempo, l’imaging cerebrale ha rivelato differenze nell’attivazione tra i gruppi. Rispetto ai soggetti di controllo, nelle donne con comportamenti autolesionistici, c’era connettività tra le aree del cervello responsabili dell’esperienza del dolore stesso e le aree associate alla regolazione del dolore.

Un altro risultato dello studio è stato che la differenza nella regolazione del dolore non è stata influenzata da quanto tempo, quanto spesso o in che modo i partecipanti allo studio si sono autolesionisti.

Conoscenze clinicamente utili

Il nostro studio indica che un’efficace regolazione centrale del dolore è un fattore di rischio per comportamenti autolesionistici. Contribuisce anche a una maggiore conoscenza delle differenze nel cervello delle persone con comportamenti autolesionistici, che possono essere utilizzate per sviluppare un aiuto migliore per coloro che cercano assistenza per autolesionarsi. Le nuove conoscenze possono essere utilizzate anche nelle conversazioni con i pazienti per aumentare la loro comprensione del verificarsi di autolesionismo e motivare il trattamento, afferma Maria Laloni, ricercatrice presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet, e autrice principale dello studio con Jens Fust, che ha recentemente difeso la sua tesi sul progetto.

Lo studio ha alcune limitazioni. Ad esempio, le donne con comportamenti autolesionistici hanno riportato comorbidità psichiatriche in misura maggiore rispetto al gruppo di controllo. Hanno anche preso più farmaci come antidepressivi, di cui i ricercatori hanno tenuto conto nell’analisi.

La ricerca è stata finanziata con l’aiuto del Consiglio di ricerca svedese, dell’Area di ricerca strategica per le neuroscienze (StratNeuro) presso il Karolinska Institutet e una donazione di Lundblad Famiglia di ricerca sul dolore.

READ  Gli scienziati creano un esercito di super spermatozoi

Editoria: “Aumento dell’inibizione del dolore e maggiore integrazione delle reti cerebrali che modificano il dolore nelle donne con comportamenti autolesionisticiMaria Laloni*, Jens Faust*, Johan Bjorberg, Granit Castrate, Robin Vondberg, Peter Franson, Nitya Jayaram-Lindstrom, Eva Kosik, Clara Hellner, Karin B. Jensen, Psichiatria Molecolarein linea il 13 giugno 2022, doi: 10.1038 / s41380-022-01639-y

Per maggiori informazioni si prega di contattare:
Maria Lalloni – Ricercatrice
Dipartimento di Neuroscienze Cliniche
Tel: 070-947 3148

E-mail: [email protected]

Karen Jensen, ricercatrice e capogruppo
Dipartimento di Neuroscienze Cliniche
Tel: 070-213 0811

E-mail: [email protected]



Contatta il servizio stampa: ki.se/pressrum

Istituto Karolinska È una delle principali università mediche del mondo con una visione per guidare lo sviluppo della conoscenza sulla vita e lavorare per una salute migliore per tutti. In Svezia, il Karolinska Institutet rappresenta la quota maggiore della ricerca accademica medica e ha la più ampia gamma di formazione medica. Ogni anno, l’Assemblea del Nobel del Karolinska Institutet nomina i premi Nobel per la fisiologia o la medicina.

tag: