TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dichiarato cessate il fuoco dopo la mediazione russa nel Caucaso

L’informazione è arrivata dall’Armenia, che ha indicato la mediazione del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, secondo l’AFP.

Lo stesso ministro della Difesa russo ha dichiarato di aver parlato con le due parti martedì sera, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Interfax. Ha quindi dovuto invitare entrambe le parti a sospendere immediatamente le azioni che avrebbero potuto aggravare la crisi.

Anche l’Unione europea e le Nazioni Unite hanno esercitato pressioni nel conflitto tra Armenia e Azerbaigian. Ma la Russia ha una grande influenza su entrambe le parti del conflitto.

Diversi morti

I colloqui di Shogo sono venuti in relazione alla richiesta di assistenza russa da parte dell’Armenia. I due paesi hanno sempre avuto un accordo per aiutarsi a vicenda, ma la Russia mantiene anche il suo rapporto con l’Azerbaigian e in precedenza ha cercato principalmente di svolgere il ruolo di mediatore.

Martedì sono arrivate informazioni da parte armena che 15 soldati armeni sono stati uccisi. Il Ministero della Difesa ha poi annunciato che si trattava solo di un decesso. Si dice che altri dodici soldati siano stati catturati.

L’Azerbaigian, che non ha fornito molte informazioni sui morti nei combattimenti precedenti, ha riferito che due soldati azeri sono rimasti feriti. Il ministero degli Esteri azero ha sostenuto all’inizio che l’escalation dovrebbe ricadere sull’Armenia.

Strada di campagna chiusa

Domenica sono state lanciate accuse da entrambi i paesi di aver sparato dall’altra parte del conflitto. Ci sono state anche segnalazioni della chiusura dell’unica strada rurale tra l’Armenia e il Nagorno-Karabakh. E martedì sera non era chiaro se la strada di campagna avrebbe riaperto.

READ  Boris Johnson inverte le regole sui visti quando finisce la benzina

L’anno scorso è scoppiata la guerra dentro e intorno alla regione separatista del Nagorno-Karabakh. Almeno 6.500 persone sono state uccise e l’Azerbaigian ha chiaramente vinto, con il sostegno della Turchia.