TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crescita zero per i mercati delle costruzioni in Europa

Crescita zero per i mercati delle costruzioni in Europa

Dallo scoppio della pandemia, con blocchi diffusi e restrizioni sociali, le crisi sono diventate la nuova normalità. L’andamento dell’inflazione sta causando grossi problemi ei rapidi aumenti dei tassi di interesse stanno contribuendo al calo della domanda nelle economie europee insieme al deterioramento della situazione degli investimenti. Le prospettive per i mercati europei dell’edilizia e delle costruzioni sono ora in fase di revisione al ribasso.

Secondo le previsioni autunnali di Euroconstruct, l’investimento totale nei mercati europei delle costruzioni nel 2022 è stimato a 1.897 miliardi di euro. Rispetto al 2021, ciò corrisponde a un aumento del 3,0%. La guerra di aggressione della Russia e l’incertezza generata dall’andamento generale dei prezzi, con particolare attenzione al mercato dell’energia, impongono maggiore prudenza mentre la situazione dei tassi di interesse riduce la propensione all’investimento.

Dopo un lungo periodo di tassi di interesse storicamente bassi, il mercato delle case di nuova produzione è ora in declino, così come il mercato delle ristrutturazioni, un tempo caldo. Negli ultimi sei mesi, le condizioni di mercato si sono notevolmente deteriorate a causa della guerra in Ucraina, che, insieme agli effetti in corso della pandemia, ha portato a prezzi al consumo dilaganti, tassi di interesse più elevati e un calo della fiducia delle famiglie.

La prima metà del 2022 è stata forte. La situazione del mercato del lavoro rimane generalmente stabile e non si sono verificati peggioramenti di rilievo. Al contrario, è l’inasprimento della politica monetaria che cambia rapidamente ma gradualmente la situazione percepita dagli attori economici – e mentre i tassi di interesse aumentano, la domanda e il desiderio di investire rallentano. Nel 2023 entriamo in una situazione economica più preoccupante e in un’attività edilizia stagnante a livello macro. La valutazione collettiva dei 19 paesi Euroconstruct è che i mercati delle costruzioni registreranno una crescita zero nel 2023 e nel 2024.

READ  Ripresa delle discussioni sul pacchetto di stimolo europeo - sospesa in precedenza a causa di una riunione del Comitato costituzionale | Zuccherato
PIL rispetto agli investimenti in costruzioni.

Un paese si distingue

Come singolo paese, l’Italia si distingue. Il mercato delle costruzioni del paese dovrebbe crescere del 12,1% quest’anno, un livello a cui solo l’Irlanda è vicina (+9%). Questo può essere paragonato alla media dell’Europa occidentale del 3%, mentre si stima che l’Europa orientale diminuisca al 2,9%. In modo simile, la Svezia si distingue nella costruzione di alloggi nel 2023 con la percentuale di perdita maggiore, ma poi di livelli elevati (anche se non è abbastanza alta in termini di valutazione dell’autorità per gli alloggi sul tasso di costruzione di alloggi per prendersi cura dell’esistente necessità).

Il ritmo della costruzione di alloggi varia da paese a paese. Ci siamo abituati ai rapidi aumenti dei prezzi negli ultimi dieci anni, ma soprattutto durante una pandemia i prezzi delle case sono saliti alle stelle. Ora lo sviluppo si è fermato: in alcuni paesi si osserva un forte calo dei prezzi. Ciò ha un impatto negativo sulla costruzione di alloggi, ma poiché gli aumenti dei prezzi sono stati molto forti negli ultimi anni, c’è un certo vento contrario senza che la situazione rischi di diventare simile a una crisi. In termini di popolazione, la costruzione di alloggi è forte in Finlandia, Austria e Danimarca. Ci sono circa 7 case completate ogni 1.000 abitanti rispetto a una media di 3,8. La produzione di nuove abitazioni è più bassa in Italia, Portogallo, Spagna e Ungheria.

Durante il periodo di previsione, è previsto un significativo rallentamento delle abitazioni di nuova produzione in Europa. Il tasso di crescita si ferma al -2% nel 2023. Ciò è una conseguenza del deterioramento della situazione macroeconomica con tassi di interesse più elevati, salari reali più bassi e costi di costruzione più elevati. Nel 2024 è prevista una cauta crescita dello 0,3% nel settore dell’edilizia abitativa.

READ  Prezzo della benzina: ecco perché la zuppa standard rimane

deperimento delle piante

Nel corso del 2020 è stato osservato un forte calo delle costruzioni domestiche. Secondo l’ultima valutazione di giugno di quest’anno, l’attività si riprenderà durante l’attuale periodo di previsione. L’anno prossimo, è prevista una crescita negativa delle costruzioni domestiche europee del -0,1% prima che la tendenza nel 2024 torni nuovamente al rialzo, in calo rispetto all’1,5%. La Svezia si distingue come paese con un tasso di costruzione relativamente alto negli ultimi anni, quindi anche il calo percentuale è tra i più significativi. Solo il Belgio vedrà un forte calo nel 2023 (-9,6%).

Il mercato europeo delle costruzioni ha registrato le migliori performance durante la pandemia di Corona, grazie ai grandi investimenti infrastrutturali finanziati dallo Stato e dai fondi dell’UE. Questo è ancora il caso durante la crisi inflazionistica che stiamo vivendo ora, che dopo tutto dovrebbe essere temporanea. La valutazione di Euroconstruct mostra che i settori delle costruzioni cresceranno del 2,9% nel 2023. Si tratta di un downgrade rispetto alla precedente previsione del 3,9%. Nel corso del 2024, questo settore crescerà dell’1,8%.

Il più alto tasso di inflazione degli ultimi decenni ha avuto un effetto notevole. L’inasprimento della politica monetaria da parte delle banche centrali ci porta in una recessione che il settore delle costruzioni non può evitare. Dopo un decennio di crescita del credito, la situazione finanziaria diventa più difficile poiché i valori delle attività diminuiscono e la redditività si erode. Con l’inflazione che scende a livelli più normali, c’è ancora spazio per stimolare l’economia a tornare a una modalità di costruzione più favorevole.

Ludovico il gufoE il
Analista di mercato Prognoscentret

READ  Commissario europeo per l'Economia: ci aspettano alcuni mesi difficili