TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crescenti preoccupazioni nel settore dei media italiani riguardo all’influenza

Crescenti preoccupazioni nel settore dei media italiani riguardo all’influenza

Il 13 maggio, i giornalisti dell’agenzia di stampa italiana Dire hanno scioperato per un giorno per protestare contro quelli che consideravano ingiusti tagli alle redazioni. Contro di loro, scrive Repubblica di La.

Protesta all'agenzia di stampa È molto diverso dalle proteste in corso nelle redazioni italiane negli ultimi mesi, dirette principalmente contro quello che molti staff vedono come un tentativo di aumentare l'influenza politica sul lavoro editoriale da parte del governo di destra del paese. Presieduto da Georgia Meloney, ha prestato giuramento nel 2022.

All'inizio di maggio, secondo i membri, i membri della società di servizio pubblico italiana Rai Uzigrai hanno scioperato per un giorno, mentre aumentavano le pressioni sui giornalisti e sugli altri dipendenti affinché seguissero gli ordini del governo dopo essere entrati in carica.

Tra gli esempi presentati dai membri figurano le accuse contro il management di Roy per aver rescisso il contratto con il noto autore Antonio Scorati in aprile. Custode. Scurati avrebbe dovuto leggere un discorso critico nei confronti di Mussolini in un popolare talk show in occasione della Festa della Liberazione italiana il 25 aprile, ma giorni prima gli era stato detto che la sua partecipazione era stata cancellata. Anche le spiegazioni per l'incidente differivano. Scurati ritiene che si sia trattato di una censura da parte della compagnia televisiva, mentre la Rai afferma che dietro la decisione ci sono “motivi economici” – e l'incidente ha attirato l'attenzione dei media italiani.

Sciopero ferroviario Tuttavia l'Unirai, sindacato vicino al governo italiano, ha invitato i suoi iscritti a sostituire i giornalisti in sciopero, con scarso impatto sulle trasmissioni dell'emittente.

READ  La nascita del fascismo italiano - Expo

Anche all'Agi (Agenzia Giornalistica Italiana), la seconda agenzia di stampa del Paese, l'emozione è alta da quando in primavera il noto magnate dei media Antonio Angelucci ha mostrato interesse all'acquisto dell'azienda.

Angelucci, proprietario di tre quotidiani nazionali italiani, Il Tempo, Il Giornale e Libero, è anche membro del parlamento per il partito populista di destra Lega, che fa parte dell'attuale coalizione di governo italiana. La situazione politica del magnate dei media ha suscitato grande ansia tra i lavoratori dell'Aki, che a marzo hanno scioperato due volte. Repubblica di La.

È anche importante che le trattative in corso non siano aperte, il che significa che nessun altro partito probabilmente farà offerte per l'agenzia di stampa.

Dibattito ovunque Non è una novità che i media italiani siano esposti all'influenza politica, poiché i vertici della società di servizi pubblici Roy sono nominati direttamente dal governo. Tuttavia, il dibattito si è intensificato da quando il governo di Georgia Meloni è entrato in carica – e ha ricevuto nuovo carburante dall’azienda. Reporter senza frontiere Nell’ultimo indice sulla libertà di stampa, l’Italia è scesa di cinque posizioni nell’ultimo anno e ora si colloca al 46° posto.

Il rapporto cita anche la potenziale vendita di Aki come esempio di “gruppi politici dietro l'acquisizione dell'ecosistema dei media… dove un membro della coalizione parlamentare al potere sta tentando di acquisire la seconda più grande agenzia di stampa”. .