TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Correremo ancora qualche anno”

La scorsa stagione, Stephanie Öhrström non ha avuto molto tempo da giocare ed è stata spesso mandata in panchina nella Fiorentina dalla rivale Katza Shroffenecker. In autunno, il portiere avrà probabilmente più minuti in campo visto che ha lasciato Firenze in vista della prima del campionato di agosto per trasferirsi alla Roma e alla Lazio, l’ultima squadra di Serie A.

– È tempo di novità e la Lazio è una delle squadre più interessate. So che avevano come coach Carolina Moraes e la seguo da tempo, che è un grande nome del calcio femminile italiano. È un allenatore che non si accontenta, ma vuole sempre ottenere i migliori risultati. Era sempre bello averla come garanzia per uno sforzo per fare meglio.

Scrivere è una scelta facile?
– Semplice e facile. Sono alla Fiorentina da cinque anni e la decisione di partire non è facile. Allo stesso tempo, sembrava molto eccitante e potevo ottenere un ruolo chiave tra alcuni dei giocatori più esperti di una squadra giovane. Avevo molto da fare durante le partite ed è stato emozionante.

Qual è la tua immagine del club e della squadra finora?
– È una buona associazione con donne che vogliono investire e hanno le giuste intenzioni, come ho detto, il gruppo è molto giovane. Ciò richiede molto lavoro, ma le donne che vogliono davvero capire meglio, le donne che vogliono imparare, hanno bisogno di ascoltare e assorbire. Questo è divertente.

Partito una settimana fa contro lo Zamboria, il portiere di Trailborg è entrato nella Top League italiana per la sua dodicesima stagione. Non avrebbe potuto prevedere che avrebbe lasciato Gidex nel 2010 e sarebbe andata all’estero per diventare una professionista, anche se è rimasta nella penisola Pennine.

READ  Salvini è processato da un avvocato italiano con l'accusa di sequestro di persona

Quando dici 12 stagioni, suona così, tutto qui. Quando ho firmato un contratto di sei mesi con il Verona, non pensavo che sarei rimasto in Italia undici anni dopo. Sono cresciuto bene in Italia, e ogni anno sentivo un miglioramento, e tutto andava sempre avanti. È stato fantastico far parte di questo viaggio e sono successe molte cose nel calcio femminile italiano.

Lei continua:

– L’associazione ha sempre lavorato duramente per mantenere un punto d’appoggio per il calcio femminile e negli ultimi tre o quattro anni sono successe una quantità incredibile. Ho sempre sentito di poter essere parte di un viaggio e ho sperimentato che questo livello è aumentato incredibilmente nel corso degli anni.

Per quanto tempo vuoi che possa continuare?
– Stai dicendo che sono vecchio? Dice scherzando e sorride un po’ prima di continuare. Mi sento come se mi restassero ancora qualche anno, sono in buona forma e ho ricominciato da capo nella Lazio. I leader sono bravi e andare alla formazione è divertente; Ho incontrato un grande preparatore dei portieri che mi ispira. Prendi più legno, ma il corpo si sente ancora bene, lo terrò finché sarà.

Ma non ci saranno altre 12 stagioni?
– Dodici stagioni in più da giocatore potrebbero essere un po’ più lunghe. Guideremo ancora per qualche anno.