TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Coppia italiana liberata dopo aver pilotato droni in addestramento NATO |  Svezia

Coppia italiana liberata dopo aver pilotato droni in addestramento NATO | Svezia

Due cittadini stranieri sono stati arrestati con l'accusa di aver violato le leggi sulla sicurezza.

Gli arresti avvengono durante un'operazione militare in corso nel nord della Svezia.

La coppia però può tirare un sospiro di sollievo.

– L'indagine è chiusa, dice il procuratore distrettuale Mo Grahn.

Ultime notizie da Expressen.

Veicoli statunitensi a Boden durante un'esercitazione di risposta immediata in cui le truppe furono trasferite in Finlandia via Norvik e la Svezia.

Foto: Simon Eliasson

Il maggiore generale Fredrik Ståhlberg, vice capo delle operazioni delle forze armate.

Foto: Simon Eliasson

Sia il Servizio di intelligence militare che la Polizia di difesa stanno seguendo da vicino le esercitazioni NATO in corso in Svezia e l’operazione Immediate Response 24 in corso – parte della più ampia esercitazione NATO Steadfast Defender 2024 – in cui le truppe statunitensi si spostano da Norvik alla Finlandia via Norrbotten. Lì si addestreranno con l'esercito finlandese e le forze di difesa norvegesi.

Non è chiaro cosa abbia spinto la polizia a intervenire contro i due sospettati. Ma secondo Expressen erano sospettati di aver fatto volare droni sopra o nei pressi dell'area protetta. Entrambi i sospettati sarebbero una coppia italiana.

– C'è qualcosa nel loro comportamento che ci fa reagire, dice una fonte, che non vuole approfondire.

La sicurezza è stata avvisata

La polizia di sicurezza è stata chiamata perché si sospettavano attività investigative illegali. Quel sospetto fu successivamente respinto, il caso fu consegnato alla polizia di Norrbotten e il procuratore distrettuale Moa Gran decise che avrebbero dovuto essere rilasciati.

Giovedì la polizia ha concluso le indagini. E le coppie possono espirare.

READ  La proposta dell'UE per i lavoratori delle piattaforme divide i politici svedesi

– L'indagine è chiusa. Non è un crimine, dice il procuratore distrettuale Moa Gran.

Fatti Risposta immediata 24

L'obiettivo della Svezia con Immediate Response 24 è quello di formare la capacità di implementare il sostegno della nazione ospitante. Ciò significa ricevere sostegno militare, in questo caso sotto forma di unità dagli Stati Uniti, e facilitare il loro movimento in Finlandia attraverso Norrbotten per partecipare alle esercitazioni nella foresta settentrionale insieme ai soldati finlandesi e norvegesi.

Durante la risposta immediata, le unità americane, sotto la guida delle forze armate svedesi, si sarebbero spostate dal confine norvegese attraverso Norrbotten fino alla città di Boden. Quindi il viaggio continua verso la Finlandia via Haparanda e Bello.

Fonte: Forze armate svedesi

La polizia tace sull'incidente finché Expressen non inizia a fare domande. È stato riferito che 2 persone sono state arrestate.

Tutte le operazioni militari in corso a Norland hanno messo in allerta la polizia e la sicurezza. Insieme alla polizia, l'operazione della NATO per il trasporto di soldati e veicoli americani su strada e ferrovia da Norvik in Norvegia a Norrbotten e in Finlandia viene descritta come un evento speciale. Ulteriori fonti sono sotto sorveglianza. Ciò vale sia per i poliziotti in uniforme che per quelli in borghese che partecipano al Comando Speciale. La sicurezza è stata rafforzata con la polizia militare e le guardie di sicurezza.

Fredrik Ståhlberg, vice capo della direzione operativa delle forze armate, ha seguito l'operazione Immediate Response 24 di mercoledì.

Diverse centinaia di soldati americani furono inclusi nel convoglio da Norvik alla Finlandia via Norrbotten.

Foto: Simon Eliasson

Oltre ai movimenti delle truppe, le forze armate svedesi monitorano da vicino anche i movimenti relativi al movimento delle truppe statunitensi. L'obiettivo è, tra le altre cose, cercare di trovare spie.

READ  Buono ma privo di potere nel "Messia" di Handel.

– Ciò che non si vede, ma che seguiamo con molta attenzione, è l'osservazione di eventuali droni. Ci assicuriamo di tenere traccia delle persone che trasportano vari prodotti di sicurezza. Siamo molto attenti a monitorare se ci sono contatti. Perché allo stesso tempo, appena sotto la superficie, c'è molto di più da fare. Quindi, dice, qui ci sono molti servizi di intelligence e di sicurezza.

Noti qualcosa di strano?

– Quando fai parti più grandi, è necessario notare più cose perché l'interesse aumenta. Abbiamo menzionato molte cose. Puoi sorvegliare i droni, le persone che si muovono attorno a oggetti protetti e qualcuno che cerca di comunicare. Succede tutto il tempo.

– È molto chiaro che notiamo queste cose e agiamo contro di esse.

Sono solo curiosi o hanno collegamenti con l'intelligence?

– Quando riconosci le persone che fanno questo, dovresti indagare. Difficile determinarlo sul posto. Dovresti sapere che dalla parte russa stai utilizzando altre parti di altri paesi e altre aziende che vengono qui e visitano. Non si tratta necessariamente di personale russo. Molte cose accadono attraverso i proxy. Ce ne occupiamo nell'analisi e nel follow-up delle osservazioni e dei rapporti che riceviamo, afferma Fredrik Ståhlberg.