TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Condanna di Ola Beni in Ecuador – Thomas Bodström chiede al governo di agire

Aggiornato il 05.53 | Pubblicato il 04.04

Olà Benny.

Un tribunale dell'Ecuador ha annullato l'assoluzione del programmatore svedese Ola Benny e lo ha condannato a un anno di prigione.

Il rappresentante legale di Ola Penny in Svezia, Thomas Bodström, chiede ora al governo svedese di agire.

Al-Suwaidi è stato assolto più di un anno fa dalle accuse di violazione dei dati, ma la sentenza è stata impugnata. Il suo portavoce giornalista svedese ha detto al TT che la corte ha ora annullato l'assoluzione. .

Il rappresentante legale di Ola Penny in Svezia, Thomas Bodström, ha detto a TT poco dopo l'annuncio della sentenza che il governo svedese deve agire ora.

“Regolamento politico”

– La ritengo una sentenza motivata politicamente. Il governo non può restare a guardare. Devono agire adesso.

Dice che si trattava di aiutare un cittadino svedese che era stato trattato molto male dal sistema legale di un altro paese.

Anche Thomas Bodstrom è preoccupato per la vita e la salute del suo cliente.

-Se la pena detentiva verrà eseguita, mi chiedo se sopravviverà, dice Bodstrom.

Gli avvocati di Ola Bini in Ecuador stanno ora valutando la possibilità di ricorrere in appello contro la sentenza.

Il programmatore svedese Ola Benny è stato assolto lo scorso anno dalle accuse di violazione di dati in Ecuador.  Ma la sentenza è stata impugnata e ora è condannato a un anno di prigione.  Foto d'archivio.
READ  I prezzi delle case stanno diminuendo, ma sono ancora lontani dal toccare il fondo

È stato arrestato nel 2019

L'esperto di sicurezza dei dati Ola Bini è stato arrestato all'aeroporto della capitale, Quito, nell'aprile 2019, lo stesso giorno in cui il fondatore di WikiLeaks Julian Assange è stato arrestato a Londra.

Al-Suwaidi, che conosce Assange, nonostante le sue smentite, è stato accusato di pirateria informatica e di appartenenza a un “centro di spionaggio” guidato da Assange. Nessun'altra prova è stata ancora presentata.

Benny è stato rilasciato dopo un periodo di detenzione ma gli è stato vietato di lasciare il Paese. I suoi beni sono stati congelati ed è stato costretto a comparire ogni settimana davanti alla procura.

Il 31 gennaio dello scorso anno, dopo quasi quattro anni, è stato assolto, ma la sentenza è stata impugnata.