TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Compressa in Västernorrland: un mese in modalità boost

Il 22 giugno, la regione del Västernorrland è entrata nel suo secondo stato di prontezza più alto, la modalità boost. Dopo di che, rimane solo la situazione del disastro.

La causa era principalmente la situazione pericolosa al Sundsvall Hospital, che era gravemente sovraffollato e il personale difficile da mettere al sicuro.

Il direttore regionale Åsa Bellander ha descritto l’intervento chirurgico come rientrante nelle sue capacità e ha affermato che l’ospedale aveva davvero bisogno di 180 posti di cura a Sundsvall durante l’estate. Ma il 22 giugno c’erano solo 141 case di cura.

– È una situazione difficile che stiamo affrontando quest’estate e dobbiamo combinare la nostra pianificazione e la nostra forza combinata nel processo decisionale nel migliore dei modi. La modalità boost significa che possiamo controllare e garantire personale e altre risorse più rapidamente e in un modo migliore, ha affermato in un comunicato stampa.

Ora, poco più di un mese dopo, l’area è ancora in modalità boost. Nel mese di luglio, anche la situazione è peggiorata e c’è stata molta pressione su tutti gli ospedali della zona (Sundsvall, Örnsköldsvik e Sollefteå).

Molte persone con cui ho parlato l’hanno descritta come la peggiore estate che hanno avuto. La situazione del personale è fragile e l’afflusso di pazienti allo stesso tempo è stato maggiore del previsto. Abbiamo incontri giornalieri sulla collocazione del sito di cura e stiamo cercando di risolverlo nel miglior modo possibile”, afferma il direttore medico e sanitario ad interim Kjell Norman.

Il Sundsvall Hospital ha il maggior sovraffollamento. Il triste picco di luglio è stato di 58 scorte eccessive. Le ultime settimane sono state particolarmente difficili. I dipendenti fanno gli straordinari e i turni di lavoro straordinario per farlo funzionare. Anche il pronto soccorso di Sundsvall è stato aperto più a lungo la sera.

READ  Alcune diete giocano un ruolo minore del previsto nella sindrome dell'intestino irritabile

“Vediamo che ha un impatto e rende più facile per il pronto soccorso”, afferma Kjell Norman.

Finora, tuttavia, la regione del Västernorrland non ha chiesto ai dipendenti le ferie.

– Hanno lavorato sodo e hanno davvero bisogno di fermarsi. Ma ovviamente sarà molto faticoso per chi lavora.

Come altrove in Svezia, infermieri e infermieri per lo più si stanno perdendo. Dal punto di vista medico, le cose sembrano migliori.

– I migliori medici hanno svolto il loro servizio di guardia al pronto soccorso, quindi abbiamo evitato di prendere staffette. È stato così molto più semplice che sono stati in grado di fornire supporto durante le ore di chiamata”, afferma Kjell Norman.

Finora, questa estate non ci sono state distrazioni associate alla mancanza di posti di cura, dice.

– Ma verrà sicuramente. Ovviamente, il rischio di sbagliare aumenta quando ci si trova in una situazione così stressante come quella attuale.

Tuttavia, questa settimana la situazione della struttura di cura è leggermente migliorata, secondo Kegel Norman.

– Quando ho chiamato ieri, martedì, mattina, Sollefteå aveva due posti vacanti. Örnsköldsvik aveva quattro posti sovraffollati, che erano ancora tranquilli rispetto a quello che erano. Il Sundsvall Hospital 34 era sovraffollato. È molto, ma era peggio.

Quanto è preoccupato per il resto dell’estate considerando che l’Autorità sanitaria pubblica ha avvertito che la diffusione del COVID-19 è destinata ad aumentare?

– Stiamo già vedendo che qui il Covid sta aumentando. Ci sono pazienti che vengono al pronto soccorso e in reparto che hanno un altro problema e si scopre che anche loro sono infetti e questo sta causando problemi perché bisogna isolarli. Inoltre, la già fragile situazione occupazionale peggiorerà ovviamente se ci saranno molte malattie tra i dipendenti.

READ  La sclerosi multipla è causata dal virus herpes comune

Il consiglio di amministrazione del distretto ha subito divisioni durante l’anno, sia in termini di consiglio politico che di massima amministrazione del servizio civile. Ad aprile, il direttore della sanità e dell’assistenza medica di Västernorrland, Kurt Peterson, si è dimesso.

Kjell Norman ha iniziato come direttore ad interim della salute e dell’assistenza medica il 1 luglio. Di recente è passato dalla posizione di Senior Advisor del Direttore Regionale nella regione di Gavleburg.

ispettorato per la cura e la cura ifo, Richiedi più posti di cura – Almeno 219 posti di cura disponibili – al Sundsvall Hospital al più tardi entro il 30 settembre. In caso contrario, la regione del Västernorrland è soggetta a una sanzione di 15 milioni di corone svedesi. Lo sfondo della decisione sono i gravi problemi dell’ospedale, che ha registrato un sovraffollamento fino al 200% in alcuni reparti.

Durante la sua indagine, Evo ha raccolto sia gli avvisi che le aberrazioni della lex Maria e ha osservato un totale di 310 deviazioni associate al sovraffollamento.

– Rileviamo che la situazione ha portato al verificarsi di lesioni gravi ea rischio di assistenza sanitaria. Anche questo è andato avanti per diversi anni senza che l’area intraprendesse azioni che hanno portato a miglioramenti duraturi, ha affermato all’inizio di questa primavera Marie Oberg, capo del dipartimento settentrionale dell’Ifo.

La regione del Västernorrland ha affermato di condividere il quadro del problema con Evo.

Lakartidningen.se