TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come i fumatori hanno un attacco di cuore – Segnali di pericolo nel sangue molti anni fa |

Un gran numero di campioni di plasma sanguigno viene conservato a temperature inferiori a 80 gradi in congelatori nella parte settentrionale della Svezia. Dalla metà degli anni ’80, migliaia di campioni di sangue e dati sono stati raccolti da volontari a Norrbotten e Västerbotten.

Da allora è diventato possibile seguire le persone nel tempo per vedere se soffrono di diversi tipi di malattie, soprattutto con un focus sulle malattie cardiovascolari. Il congelamento significa che i campioni rimangono sani per molto tempo.

I ricercatori dell’Università di Örebro hanno ora studiato un piccolo componente nei loro campioni di sangue, il marker infiammatorio Interleukin-6 (IL-6), in un modo diverso rispetto a prima.

È apparso sette anni prima della malattia

Nel nuovo studio, i campioni di circa 300 persone che successivamente hanno avuto un infarto sono stati confrontati con un gruppo di controllo altrettanto ampio. Si scopre che i livelli del nuovo biomarcatore erano elevati, già diversi anni prima dell’attacco cardiaco. In alcune persone, un livello elevato di biomarcatore è visto già sette anni prima della malattia.

Abbiamo scoperto che questo biomarcatore potrebbe prevedere cosa accadrà, afferma Mologita Zighy, ricercatrice presso l’Università di Orebro.

Ma IL-6 influisce anche su altre funzioni del corpo e ha sia un lato positivo che uno negativo, e studi precedenti hanno dimostrato che può prevenire e causare infiammazioni.

La cosa unica di questo studio è che abbiamo studiato solo gli aspetti infiammatori di IL-6. Abbiamo misurato la quantità di interleuchina-6 nel sangue, dice Mologita Zighi.

Concentrandosi solo sulla funzione infiammatoria, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che IL-6 gioca spesso un ruolo importante per due grandi gruppi di persone a rischio di infarto. Per i fumatori e le persone con pressione alta, un attacco di cuore non sempre avviene direttamente dal loro stile di vita. Invece, a volte si verifica quando il corpo reagisce in modi diversi al fumo o all’ipertensione.

Lo studio ha mostrato che i livelli infiammatori di interleuchina-6 erano elevati quando si fumava o si aveva la pressione alta. Così la parte infiammatoria di IL-6 funge da ponte che porta ad un attacco di cuore.

È una scoperta completamente nuova, dice Mogeta Zighy.

Vantaggio per i pazienti

Il nuovo segno vitale potrebbe consentire di rimisurare i pazienti che cambiano stile di vita riducendo il rischio di infarto. Seguendo pazienti che abbassano la pressione sanguigna o smettono di fumare, è possibile scoprire se i livelli infiammatori di interleuchina-6 stanno diminuendo.

Lo studio fornisce anche nuove conoscenze sui meccanismi di come fattori di rischio comuni, come il fumo e l’ipertensione, causano un attacco di cuore. La conoscenza è importante per essere in grado di trattare e prevenire le malattie in futuro.

Alti livelli di interleuchina infiammatoria-6 sono solo una parte della causa della malattia nei soggetti esaminati. Diverse altre comunicazioni devono essere esaminate per ottenere un quadro completo. Ma il nuovo biomarcatore rappresenta tra il 15 e il 30 percento del rischio che i fumatori o le persone con pressione alta abbiano un attacco di cuore.

È molto, considerando che abbiamo esaminato solo un marker biologico. Quindi, in futuro, prevediamo di includere altri biomarcatori, in modo da poter vedere la relazione tra altri fattori di rischio e attacchi di cuore, afferma Mogeta Zighy.

S

READ  I pipistrelli rimbombano come bambini umani GP

La causa di morte più comune nel mondo

Oggi, le malattie cardiovascolari sono la causa di morte più comune nel mondo e provocano una morte ogni tre volte circa.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, 17,9 milioni di persone muoiono ogni anno per malattie cardiovascolari. Soprattutto, ictus e attacchi di cuore portano alla maggior parte delle morti. Esistono numerosi fattori di rischio noti che aumentano il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, come sesso, età, obesità, diabete, ipertensione e fumo. In molti casi, questi fattori non influenzano direttamente il cuore, ma influenzano indirettamente diversi fattori

Ad oggi, non ci sono farmaci approvati che prevengano specificamente gli effetti infiammatori dell’IL-6, ma sono in corso studi clinici per molte malattie diverse.

Se l’obiettivo è ridurre solo le proprietà infiammatorie dell’IL-6, può ridurre l’infiammazione senza danneggiare altre importanti funzioni del corpo. Ciò significa che i pericolosi effetti collaterali del farmaco possono essere evitati, afferma Lisa Ljungberg.

Materiale scientifico:

Interleuchina-6 come mediatore per l’associazione tra fattori di rischio convenzionali e futuro infarto miocardico: uno studio caso-controllo sovrapposto. Arteriosclerosi, trombosi e biologia vascolare

L’articolo è stato scritto da Mulugeta Zighy, University of Orebro, Jonas Anderson, Skelleftea Hospital, Patrick Weinberg, Umeå University, Dirk Reeselber, University of Orebro, Alan Searshaw University Örebro e Lisa Ljungberg, University of Orebro.