TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Comandante: Una grande guerra in Europa sembrava impensabile, anche nel 1914

“In quel momento, eravamo seduti in un caffè con due amici belgi… Quando un gruppo di soldati è passato di nuovo con un mitra puntato da un cane, uno di noi si è alzato e ha accarezzato il cane, con grande dispiacere del comandante che temevo che una vicinanza così ravvicinata potesse danneggiare la dignità militare.” “A che serve camminare così?” mormorò uno di noi, “sembrava ridicolo”.

La scena può essere trovata in The World of Yesterday dello scrittore austriaco Stefan Zweig, il suo racconto della discesa dell’Europa agli inferi con lo scoppio della prima guerra mondiale.

Tardi Nel luglio 1914 – dopo la sparatoria di Sarajevo – la guerra era qualcosa di impensabile per i turisti europei in una località balneare belga. Pochi giorni dopo, Zweig è tornato a Vienna passando per la Germania, dove il suo treno si è fermato per far posto a un altro treno diretto al confine. Nel buio si intravedono cannoni sui carri.

La pace e la libertà hanno segnato i tempi, almeno per la media borghesia. Era possibile viaggiare ovunque e non era richiesto alcun visto, sottolinea Zweig. A differenza dei regimi di terrore nati nei decenni successivi allo scoppio della guerra, lo Stato rispettava la sacralità della vita privata.

Lo stesso quadro dell’Europa sull’orlo della guerra mondiale è dipinto dallo storico britannico Eric Hobsbawm in The Age of Empire, parte finale di una trilogia sul lungo Ottocento. Dopo decenni di globalizzazione, oltre che di progresso scientifico, economico e morale, una grande guerra in Europa è emersa come qualcosa che appartiene alla storia.

READ  Il Real Madrid vuole allungare con Ceballos - chi esita?

Anche quando le forze sono state riunite e sono stati lanciati gli avvertimenti, era difficile capire cosa stesse per accadere.

Abbiamo notato noi. Sia sotto forma di vivere in un’epoca in cui le peggiori atrocità sono state riportate nella storia, o almeno in altre parti del mondo. E nel non riuscire a comprendere che tutto sta per cambiare davanti ai nostri occhi.

L’invasione russa dell’Ucraina non dovrebbe sorprenderci. Vladimir Putin ci ha detto subito cosa voleva. Ha annesso la Crimea nel 2014. E nel 2021 ha ammassato forze al confine.

Non possiamo presumere che il peggio non possa ripetersi. Al contrario, dobbiamo guardare chiaramente ai nostri contemporanei e al mondo che ci circonda. Agire in accordo con.

Tuttavia, alla fine un’invasione a tutto campo sembrava irrealistica. I crimini colossali di cui si è reso responsabile Putin – in Botca, Irpin e attraverso gli attentati terroristici attualmente in corso – sono inimmaginabili.

Questo non era possibile nella nostra Europa e nel nostro tempo. Questa crudeltà appartiene alla storia.

Ma non è così che funziona la storia. La pace, la libertà e il progresso non sono mai garantiti.

non è possibile Per chiudere un occhio sul fatto che le delusioni e le ideologie accecanti che pensavamo appartenessero al passato potrebbero tornare in una forma o nell’altra. Non quando un autocrate russo cerca di ristabilire un impero. E la sua controparte cinese sogna di fare lo stesso.

O quando un ex presidente degli Stati Uniti e candidato alla presidenza pranza con i negazionisti dell’Olocausto. O quando l’Italia è governata da un partito nato dalle ceneri del fascismo.

Non possiamo presumere che il peggio non possa ripetersi. Al contrario, dobbiamo guardare chiaramente ai nostri contemporanei e al mondo che ci circonda. Agire in accordo con.

READ  All'estero: la situazione è molto tesa tra Francia e Italia - "insostenibile".

L’Ucraina ha Ha cambiato il corso della storia mostrando un’enorme resilienza. L’Occidente ha sorpreso Putin – e noi stessi – inviando armi a Kiev e isolando Mosca.

Immaginate se l’Europa e gli Stati Uniti avessero agito con decisione quando Putin ha inviato i primi segnali di ciò che stava combinando.

La storia non è finita. Ma non siamo destinati a farlo di nuovo, né nel 2023 né in qualsiasi altro anno. C’è anche una certa fiducia in lui.