TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Che fine ha fatto la begonia di Sarah Lidman?  - il lavoro

Che fine ha fatto la begonia di Sarah Lidman? – il lavoro

Ho sentito per molto tempo voci al riguardo, angelo delle ali Sarah Lidman.

In altre parole, un tipo di begonia che prende il nome dalla forma delle sue foglie. Secondo alcune indiscrezioni, un autore della classe operaia di Mycentrask doveva averne portato uno con sé begonia maculata la sua casa da uno dei suoi viaggi in Vietnam.

Nelle versioni più ricche, la pianta è tratta da un viaggio di reportage che fece durante una guerra fumante nel 1966. La storia mi ossessionava dall’origine della pianta in vaso, ma potrebbe essere proprio vero?

Indipendentemente dal retroscena, i ritagli di Liedman sembrano essersi diffusi in tutto il paese tanto quanto i giovani svedesi negli anni ’60 e ’70 si unirono al movimento svedese del Vietnam, che durante gli anni della guerra era il più grande movimento di sinistra svedese.

Solo nella mia cerchia di amici ci sono molti ritagli del leggendario fiore, ma le tracce finiscono sempre su un tavolo con ritagli nel laboratorio collettivo di artisti nel sobborgo di Stoccolma di Varsta.

Nell’estate del 2021, ho continuato a cercare la begonia di Sarah online e ho ricevuto un lecca-lecca quando un vecchio articolo di Dala Democrat si è avvicinato.

Il poeta e autore Göran Greder ha pubblicato una sua foto come Lidman Begonia. Ho ricevuto gli scarti molti anni fa, in riconoscimento della tua partecipazione a un discorso su un libro al Kiruna Book Festival.

– Ricordo che quella sera c’era l’aurora boreale, dice Goran Greder, che per caso ha ricevuto il Premio Sarah Liedman all’inizio di quest’anno.

READ  Viaggi: cinque fantastici hotel in tutto il mondo

begonia;

La falciatrice, ora una pianta a grandezza naturale, la mette all’aperto ogni estate. Non appena parliamo, Goran Greider cura il cancro e dovrebbe evitare i batteri del suolo.

Quell’estate non poté piantare nessuno dei fiori estivi di cui scrive nel suo meraviglioso libro sul giardino Altri echi possono essere ascoltati nel giardino. Ma la begonia fiorisce copiosamente.

– Spero che Begonia avrà una sorta di risveglio. Non so perché così tante persone hanno problemi con le begonie, se è legato alle case di cura e a questo tipo di ambiente. È probabile che gli steli carnosi siano quelli più difficili da affrontare per le persone.

Goran Greider sa per certo che la sua pianta proveniva dalla casa di Liedmann, ma dubita che provenisse originariamente dal Vietnam.

– No, non credo, non ho mai sentito una cosa del genere, dice.

Ancora una volta, la pista si sta raffreddando. Trovo un commento su begonia vietnam lidman sui social media e pubblico un messaggio di profitti e perdite. La vita di tutti i giorni va avanti e c’è tempo per una nuova estate quando all’improvviso ricevo una chiamata inaspettata.

– Sì, era Margherita. Ho trovato il tuo messaggio nel cestino.

Forse ciò che rende speciale la pianta è il rapporto del proprietario con questo tempo e questo movimento. È diventata una specie di commissione onoraria per prendersi cura di lui.

Kristel Lund

Margarita Holgersson, una giornalista in pensione strettamente legata agli scritti di Liedman, vive un po’ fuori Tranas.

– Era un modello, certo. Quando si trattava del movimento del Vietnam, era anche un’importante opinion leader prima che la Svezia si trasformasse e la maggioranza si rivolgesse alla guerra, afferma Margarita Holgersson.

È stata coinvolta nel movimento del Vietnam da giovane, ma il taglio di Begonia Liedman è stato dato a Margarita Holgersson solo da un’amica negli anni ’20.

– Lo sto guardando adesso.

Ha rintracciato la ragazza di Margarita, Kristel Lund, che si diceva avesse una begonia. Subito dopo il liceo, nel 1968, Christel Lund visse per un anno a Parigi. Lì, la vita è caratterizzata dalla sensazione che tutto sia in movimento. Scioperi e rivolte si alternano.

– È stato drammatico e probabilmente ha influenzato tutta la mia vita. Quando sono tornato in Svezia nel 1969, dice Kristel, l’atmosfera era la stessa qui.

begonia

Ai suoi vecchi tempi, è stata presentata alla persona solitamente identificata come il fondatore del movimento svedese in Vietnam, Sköld Peter Mattthis, a una cena con amici comuni. Una volta, quando veniva a cena con lei, aveva un taglio con lui.

– L’ha chiamato il fiore di Sarah Lidman. La pianta madre era enorme e la metteva sul balcone dove fioriva con cascate di fiori rosa, dice Christel Lund.

Con il taglio, Kristel ha avuto una risposta alla domanda a cui stavo pensando da molto tempo: si dice che Sarah Lidman abbia portato la pianta dal Vietnam e l’abbia data al fondatore dello Swedish Vietnam Movement, che, a sua volta, l’ha postata alla sua cerchia di amici.

Oltre a ciò, la Begonia non può essere fatta risalire indietro, quando Sarah Liedman morì nel 2004 e Skold Peter Matthys morì in un incidente stradale nella primavera del 2021.

I due sono noti per essere stati vicini durante gli anni della guerra e alla sua morte nel 2004 ha parlato con Matisse nelle memorie all’Ekot di P1.

– La begonia cresce a piacere, leggermente irregolare ed esotica. Penso che tutti quelli che Childe Peter conosce abbiano una copia di quel fiore, se non si stancano mai. Forse ciò che rende speciale la pianta è il rapporto del proprietario con questo tempo e questo movimento. È diventato una sorta di mandato onorario prendersi cura di lui, afferma Kristel Lund.

moltiplicazione della mente

Quando prendi una talea, la pianta madre e la prole hanno lo stesso DNA. Si dice spesso che siano la stessa pianta. Pertanto, una pianta così divisa può vivere per diversi secoli.

Il giardiniere e autore Andrei Stromqvist lo descrive giustamente nel suo nuovo libro Brochure del vecchio giardino Di cosa si tratta:

“Tutte le nuove piante saranno originali, proprio come mettere un osso di Hauptbyrå nel terreno e prendere un’altra scrivania, o mettere un metro di tela di Josef Frank in un secchio d’acqua e ottenere venti metri in più”.