TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cattive condizioni di lavoro nei vigneti italiani

Eric Paulson Ronback/TT

I lavoratori raccolgono l'uva in un vigneto in Italia.  L'immagine non ha nulla a che fare con l'articolo.

L'organizzazione umanitaria Oxfam lancia l'allarme sui bassi salari, sulle condizioni di lavoro dannose e sul rischio del lavoro forzato nei vigneti italiani.

Systembolaget lancerà una nuova etichetta etica per fare pressione sui produttori.

Secondo un rapporto commissionato da Oxfam, molti lavoratori del settore vitivinicolo in Italia non ricevono la retribuzione per gli straordinari, ricevono salari così bassi da non poter coprire i loro bisogni primari, non dispongono di dispositivi di protezione contro i fumi tossici e non osano presentare denunce per paura di essere licenziati. Di Systembolaget.

La mancanza di dispositivi di protezione è particolarmente diffusa tra i lavoratori del settore vitivinicolo in Toscana e Puglia, mentre molti lavoratori in Piemonte attestano straordinari non retribuiti. I lavoratori del vino in Sicilia hanno riferito di essere stati costretti a pagare qualcuno per ottenere il lavoro, aumentando il rischio di lavoro forzato una volta ripagato il debito.

– Si è detto che questo non accade in Europa, ma nei paesi poveri dove si produce vino. Ma questo rapporto dimostra che ciò accade anche in Italia. “Sapevamo delle violazioni dei diritti umani nella produzione vinicola italiana, ma non erano così gravi”, afferma Hannah Nelson, responsabile delle politiche di Oxfam.

Grande produttore di vino

L'Italia è uno dei paesi da cui Systembolaget acquista il maggior volume di vino. Ci sono circa 600 produttori, coltivatori e cooperative in filiere spesso complesse che si estendono dai vigneti ai negozi Systembolaget.

READ  Una vaccinazione più rapida sta spingendo l'Unione Europea a scrivere le sue previsioni economiche - l'economia finlandese cresce del 2,7% quest'anno | Economie

– Questo è molto pericoloso. Dietro tutti i problemi e le sfide di cui parliamo, ci sono persone. In definitiva è nostra responsabilità agire di più su questi temi”, afferma Hanna Helgesdottir, Responsabile della sostenibilità presso Systembolaget.

Non smettere di comprare

Systembolaget non smetterà di acquistare vino italiano alla luce delle conclusioni del rapporto, ma prevede di lanciare una nuova etichetta di sostenibilità dopo la fine dell'anno per aiutare i consumatori ad acquistare vino che, tra le altre cose, è stato prodotto in buone condizioni di lavoro.

-Siamo un grande acquirente e abbiamo una grande influenza. Il nostro punto di partenza è sempre quello di restare e cercare di risolvere i problemi piuttosto che smettere di acquistare”, afferma Helgesdottir.

TT: Come spingerai per il cambiamento?

-Riguarda molte cose diverse. Una parte è garantire che i nostri accordi siano sufficientemente chiari per poter avanzare questo tipo di richieste. Abbiamo la possibilità di licenziare i produttori che non aderiscono al nostro codice di condotta, ma si tratta anche di educare i fornitori, in modo che conoscano i pericoli delle cattive condizioni di lavoro.