TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Catherine Marsal: Johnson riprenderà la penna

Ovviamente Boris Johnson non vuole lasciare Downing Street 10. Il suo partito ha dovuto ricorrere a tattiche estreme (50 ministri si sono dimessi per protesta) per farlo uscire dalla porta. Boris Johnson ha annunciato le sue dimissioni, ma lui e sua moglie, Carrie Johnson, stanno pianificando un grande matrimonio solo alla fine di luglio.

La coppia si è sposata l’anno scorso. Tuttavia, la limitazione comune significa che possono organizzare solo una piccola festa in Downing Street 10 e da allora, ovviamente, l’idea di “mini feste in Downing Street 10” è diventata controversa. Gli scandali dei partiti illegali durante la pandemia hanno inquinato l’intero concetto.

Soprattutto per Boris Johnson.

Il matrimonio di quest’anno (perfettamente legale) Si terrà a dama. È la residenza del Primo Ministro britannico fuori Londra. Serve come una casa per l’intrattenimento e la recitazione, come Harpsund per il Primo Ministro svedese.

Ma la dama è molto più bella.

C’è un aranceto, una piscina e solo 1.500 acri di prato.

Boris Johnson e l'allora cancelliera tedesca Angela Merkel nella residenza del primo ministro britannico Dama nel luglio 2021.

Boris Johnson e l’allora cancelliera tedesca Angela Merkel nella residenza del primo ministro britannico Dama nel luglio 2021.

Foto: T.T

Qui Boris Johnson ha organizzato un matrimonio. Ma ora la coppia ha spostato la celebrazione in un altro luogo. Non vogliono che il popolo britannico creda (come hanno subito affermato i giornali) che il disperato tentativo di Boris Johnson di rimanere al potere almeno fino a settembre fosse collegato al fatto che non voleva dover spostare il suo matrimonio. Quindi devi pagare per gli edifici stessi.

Johnson ha molto meno Hanno avuto problemi con i soldi, cosa che è stata ampiamente riportata dai media. Si lamentava del fatto che come primo ministro veniva pagato solo £ 164.000 all’anno (poco più di due milioni di corone), il che non gli bastava. Quando Johnson era un impiegato di giornali, guadagnava relativamente più di 3,3 milioni di corone svedesi all’anno solo scrivendo una rubrica settimanale per The Telegraph.

Naturalmente, gli ha dato tutto il tempo per svolgere anche altri compiti.

Carrie Johnson conforta il marito dopo aver annunciato le sue dimissioni da Primo Ministro del Regno Unito.

Carrie Johnson conforta il marito dopo aver annunciato le sue dimissioni da Primo Ministro del Regno Unito.

Foto: Andrew Parsons/TT

Ora Boris Johnson riprenderà la penna. Ci si aspetta che scriva le sue memorie, qualcosa per cui gli editori britannici stanno pagando ingenti somme. L’ex primo ministro David Cameron ha ricevuto un anticipo di £ 800.000 da HarperCollins per la sua firma. È esattamente dieci volte di più di quello che Boris Johnson ha ottenuto da un libro su Shakespeare nel 2015 che non ha ancora finito di scrivere.

La sua carriera politica è arrivata, per così dire, nel mezzo.

Ora ha tempo per finire di scrivere questo libro. Ma soprattutto, gli osservatori del Regno Unito sembrano credere che Boris Johnson entrerà nel redditizio mercato degli altoparlanti internazionali.

Johnson guadagnava tra i 25.000 e £ 40.000 (tra £ 300.000 e £ 500.000) per un discorso che ha tenuto prima di diventare primo ministro, ha detto al Financial Times un ex portavoce della LALA. Ma ora che Johnson è primo ministro, potrà chiedere di più.

Potrebbero non essere molte le aziende britanniche che lo prenoteranno, credo chi conosce questo mercato, ma molte negli Stati Uniti e in Asia.

Questo non è un diritto esclusivo di Boris Johnson. Secondo quanto riferito, era quasi impossibile vendere sia Margaret Thatcher che Tony Blair come relatori a casa nel Regno Unito dopo aver lasciato la politica. Tuttavia, era applicabile a livello internazionale.

Gli inglesi sembrano stanchi di sentire parlare i loro primi ministri.

O almeno non vuoi pagare per divertirti.

Leggi altri articoli di Caterina Marsale Per esempio Sembra che Johnson pensasse di essere presidente

READ  Il piano di Putin per la prossima guerra: se la Russia vince