TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Birmancevic sul futuro di MFF e interesse in major league: ‘Certo che c’è’

Nove gol in Allsvenskan rendono l’ala Malmö FF il capocannoniere dopo Antonio Colak, e ovviamente fa eco. Veljko Birmancevic è stato acquistato per dieci milioni di corone dal serbo Cukaricki a marzo, ma potrebbe essere già in partenza dal club. In un’intervista a Aftonbladet Birmancevic ha raccontato l’interesse di diversi club, e anche prima del breakout di questa estate era chiaro che MFF fosse un passo verso qualcosa di più grande.

Fondamentalmente, sono un giocatore del Malmö e pronto a rimanere qui la prossima stagione – e ovviamente sono anche mentalmente pronto a fare un altro passo. Sono pronto per entrambe le opzioni. C’è molto interesse in questo momento, ma prima finiremo la stagione e poi dovremo semplicemente verificare la situazione. Ora, naturalmente, sono qui mentalmente e davvero presente in ogni modo – non ci penso nemmeno. Insomma, sarebbe una bella ricompensa, ovviamente, per il proprio gioco in questa stagione, perché hai giocato benissimo e segnato tanti gol, anche gol importanti. Certo, non sarei sorpreso se andassi, ma sostanzialmente sono qui, dice Veliko Permanshevic.

Stiamo parlando di interesse da parte dei Big Five?
– Non voglio parlarne ora, ma c’è, ovviamente. Ovviamente sarà un sogno per tutti i giocatori giocare nei migliori campionati e provarli, spero di farlo un giorno. In questa stagione il Malmo mi ha aiutato molto ad arrivare a quel livello e ho aiutato il club a raggiungere grandi risultati e raggiungere la Champions League dopo tanti anni. Stiamo giocando bene in campionato perché tutti sanno che è difficile giocare su due fronti. Da entrambi i punti di vista, andava bene, per me e per Malmo.

Il pareggio di Permanšević nella gara di ritorno contro il Ludogorets è stato il gol che ha indirettamente assicurato il posto in Champions League e una pioggia di contanti di almeno 200 milioni di corone svedesi per il Malmo FF. Dopo il picco estivo, Permanšević è rimasto per due mesi senza segnare, prima di trovare il livello e segnare gol a MFF contro Varbergs Bois e AIK un mese prima. Quando Soren Rex ha segnato il primo gol della squadra in Champions League contro lo Zenit St Petersburg questa settimana, è arrivato dopo un’interazione con il fratello di legno Permanshevic.

READ  Tampa Bay pareggia contro gli isolani

Come dici tu, hai mostrato una grande altezza, ma ti senti come se stessi dominando il campionato?
La vedo un po’ diversamente. Non credo di aver ancora mostrato il cento per cento e non sono nemmeno vicino a loro. Chi mi conosce davvero da molto tempo, il mio agente e chi mi ha seguito in Serbia, sa quanto posso. Ora sono al 50-60 per cento delle mie capacità e c’è molto da mostrare. Dribbling come facevo prima, diverse decisioni che ho preso sotto porta… Sono arrivato poco prima della stagione e non c’era molto tempo per la preparazione ma sono finito in mezzo a tutto. Permancevic dice che la qualificazione per la Champions League è andata bene, ma ancora una volta penso che avrei potuto dimostrare molto, molto di più.

Sono consapevole delle mie qualità e Malmö, ovviamente, le conosceva quando mi hanno portato qui. Si scopre che avevano ragione, e c’è già interesse da parte di altri club, il che significa che hanno visto la qualità. Non credo di aver mostrato il cento per cento di me e non mi sento nemmeno di godermi il gioco al cento per cento, come posso. Non posso mentire a me stesso, ma mi aspetto sempre di più e di meglio da me stesso. Se rimango la prossima stagione, posso mostrare di più.

Il successo di quest’estate ha visto Permanjevic premiato con una convocazione nella nazionale serba a settembre. Ha dovuto giocare poco meno di un’ora in una partita internazionale di solo allenamento, in una posizione sconosciuta come ala, e non è stato lasciato fuori di nuovo dopo un calo di livello questo autunno.

Da allora, la Serbia si è qualificata per la Coppa del Mondo dopo aver vinto il girone di qualificazione, davanti al Portogallo, tra gli altri paesi.

Guardi il Qatar in generale?
– Non ci ho ancora pensato. Spiegato semplicemente, l’invito in Nazionale è arrivato perché ho segnato il gol decisivo che ha regalato al club la Champions League, e ho ottenuto grandi risultati con gol importanti. Il capitano l’ha vista e mi ha chiamato. Ma penso che la Serbia sia una squadra eccellente con grandi giocatori, dato che di solito guardi le persone dei primi cinque campionati. Non includo Tadic (Dusan) di un grande club come l’Ajax – allora ero l’unico giocatore al di fuori dei campionati più importanti, un grande onore, ovviamente. Penso che il club stia attirando l’attenzione della nazionale, e se forse l’anno prossimo giocherò in uno dei primi cinque campionati, penso che sarò più vicino a invitare la nazionale. Ma è ovvio, non si sa mai. A Dio piacendo, potremmo raggiungere lo stesso risultato la prossima stagione e raggiungere la Champions League – e arriverà un nuovo invito – ma è un percorso più difficile. Vedremo cosa succederà nel prossimo periodo, dice Permanshevic.

Com’è giocare quelle partite cruciali, perché sei stato in club leggermente peggiori prima?
– Mi piace giocare partite come questa, e questo è molto importante. Ad esempio, quest’anno hai dato la tua migliore prestazione durante le partite più importanti, segnando gol e facendo assist. In precedenza, avevo il problema che gli allenatori dicevano che non mi piacevano le cosiddette partite minori e che volevo giocare solo in quelle grandi. Penso che domani andrà tutto bene (leggi oggi) perché la partita è importante e mi motiverà sempre, proprio come il derby o la partita di Champions League. Dopodiché gioco con un entusiasmo particolare e penso che domani giocherò alla grande e darò molto alla squadra, dice Permanshevic.

Quindi gli allenatori hanno detto che non ti piacciono le partite più piccole?
– Sì, due anni fa. Un allenatore mi ha detto: “Felco, non scegliere tra le partite. Non limitarti a giocare contro le grandi e non insultare le piccole”. Amavo giocare nelle partite decisive. Non volevo abbattere qualcuno, avevo una motivazione in più per le partite importanti, dice Permanshevic.

Il suo messaggio prima della fine della stagione è chiaro:

– Tutto si riduce a queste ultime due partite di campionato, il che significa grosso modo NS molto. In Champions League ci resta solo una partita da giocare per il nostro onore, la più importante saranno le prossime due. Non importa come appare, vinciamo e basta. Bel gioco e chi segna e aiuta – non importa più. Vinceremo, risolveremo il problema e porteremo a casa il campionato.

Veliko Permanshevic ha anche rappresentato i club serbi FK Rad e Teleoptik Zemun e ha giocato tre partite nazionali nel suo curriculum.