TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Biathlon: Dorothea Wierer: prendo sonniferi

ÖSTERSUND. Dorothy, la stella fissa del mondo del biathlon, non ha ricevuto una buona quota o l’inizio della stagione.

L’italiano soffre da diversi mesi di cattive condizioni di salute.

– Mi sono svegliato più volte di notte quest’estate e ora va molto meglio, ma a volte devo ancora prendere dei sonniferi, dice il giocatore.

Quando negli atolli italiani si è deciso nel 2020 il Mondiale di Biathlon, la vita dei giocatori della Dorothea è esplosa e il 31enne ha vinto due ori e due argenti. Ma l’anno scorso, il giocatore non è stato davvero identificato e, prima di questa stagione, la star italiana si è aperta sul suo umore e sui problemi di sonno che stava avendo.

– Mi sono svegliato diverse volte questa notte quest’estate. Adesso va bene, ma a volte devo prendere dei sonniferi, dice il giocatore.

“Ero così scosso”

Dorothea ha guidato la seconda tappa in Italia e Svezia e Norvegia sono entrate nella diga allo stesso tempo davanti al cecchino in piedi. Ma proprio come la svedese Mona Brozan e la Norvegia Tiril Eckhoff Il giocatore è poi passato al girone di rigore.

– Ero in piedi e sparare era così brutto. Alla fine della stagione ho iniziato a pensare a cosa stava succedendo qui (Dio non voglia che sono rimasto bloccato nella diga per diversi minuti) e ho pensato “Oh mio Dio, non farlo più, per favore, per favore”. Ero così scosso, non mi sentivo a mio agio, purtroppo, dice Weir.

“Ho così freddo a Östersund”

La stella del biathlon non ha offerto i migliori spot individuali (37, 23, 16, 13,) nei due weekend competitivi di Östersund, ma come testimoniano i luoghi, la forma degli italiani sembra andare avanti.

READ  Matthias Swanberg Scouting con i grandi club di Manchester

– Il giro sulla staffetta è stato molto interessante. Ma ieri non avevamo sci così buoni, quindi è difficile fare un confronto. Ma il giocatore dice che desidera ardentemente il prossimo fine settimana all’austriaco Hochfilson che sento davvero che il mio corpo risponde bene e la mia forma sta arrivando.

– Spero che faccia caldo, l’italiano dice che fa troppo freddo per me a Oystercund e sorride a meno 14 gradi.

Pubblicato: