TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Batteri dell’intestino tenue resistenti agli antibiotici con antibiotici dimenticati

L’antibiotico dimenticato, la temocillina, ha causato una minore selezione di batteri intestinali resistenti rispetto al trattamento standard per le infezioni delle vie urinarie con febbre, in uno studio pubblicato su Malattie infettive della lancetta. Pertanto, la temocillina può essere una buona opzione di trattamento per le infezioni acute del tratto urinario e contribuire a ridurre la diffusione dei batteri resistenti negli ospedali.

tipi di batteri Escherichia coli (Escherichia coli) costituisce una grande proporzione della normale microflora nell’intestino. Ma se finiscono nel posto sbagliato del corpo, come il sangue o il tratto urinario, questi batteri possono farci ammalare gravemente. Escherichia coli è la causa più comune di infezione del tratto urinario. Spesso è possibile trattare con compresse antibiotiche, ma alcune persone si ammalano così tanto da dover essere ricoverate in ospedale e trattate con antibiotici direttamente nel sangue.

Il trattamento standard per tale trattamento con antibiotici per via endovenosa è il cefotaxime a lunga durata d’azione. Ma nel tempo, una percentuale crescente di batteri è diventata insensibile a questo antibiotico, sia in Svezia che nel resto del mondo, e quindi è necessaria un’alternativa al cefotaxime, afferma Häkan Hanberger, professore all’Università di Linköping e direttore medico del clinica delle infezioni presso l’ospedale universitario di Linköping, responsabile dal punto di vista medico dello studio.

L’attuale studio è il risultato dell’incarico da parte del governo dell’Agenzia svedese per la sanità pubblica di studiare come utilizzare al meglio gli antibiotici esistenti. I ricercatori hanno esaminato la timocillina, un antibiotico che esiste da decenni e appartiene al gruppo delle penicilline. È utilizzato in alcuni altri paesi europei, ma non è commercializzato in Svezia. La temocillina è efficace contro l’Escherichia coli e altri batteri intestinali che possono causare infezioni delle vie urinarie. Il fatto che la temocillina non si scontri con un’ampia gamma di diversi tipi di batteri è positivo, poiché riduce il rischio che il trattamento uccida la normale flora intestinale. Quindi i ricercatori hanno voluto indagare se la temocillina porta a una minore resistenza ai batteri intestinali rispetto al trattamento standard cefotaxime.

Lo studio è stato condotto su 152 pazienti con infezione del tratto urinario con febbre, nota anche come malattia infiammatoria pelvica, che hanno richiesto un trattamento con antibiotici per via endovenosa.

– Nel gruppo trattato con tymocilin, vediamo chiaramente meno disturbo della flora intestinale. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la temocillina si traduce in una minore selezione di batteri intestinali resistenti, afferma Charlotte Edlund, professoressa di microbiologia e ricercatrice esperta presso l’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

L’effetto clinico è stato buono per la temocillina come per il trattamento standard con cefotaxime e anche gli effetti collaterali sono stati equivalenti. Il fatto che la timocillina abbia dimostrato di essere più gentile con la flora batterica dell’intestino significa che ci possono essere benefici sia per i pazienti che per la società in generale nell’iniziare a usare questo antibiotico dimenticato per il trattamento di gravi infezioni del tratto urinario.

Il risultato è che si ottengono meno batteri resistenti nell’ambiente ospedaliero, il che può aiutare a ridurre le infezioni ospedaliere con batteri resistenti, afferma Håkan Hanberger.

Lo studio è stato finanziato dall’Agenzia svedese per la sanità pubblica nell’ambito di una missione del governo.

Articolo:Efficacia clinica e microbiologica della temocillina rispetto al cefotaxime negli adulti con infezione del tratto urinario febbrile e suoi effetti sul microbiota intestinale: uno studio clinico randomizzato multicentrico in Svezia., Charlotte Edlund, Anders Turnhag, Gunilla Skoog Stolgren, Petra Edquist, Ossie Ostholm Belched, Simon Athleen, Emily Manson, Maria Tempe, Jacob Bergstrom, Christian Geske Ochs Hakan Hanberger, (2021), Lancet colpisce dis, pubblicato online il 28 ottobre 2021, doi: https://doi.org/10.1016/S1473-3099(21)00407-2

Per maggiori informazioni contattare:
Ricercatore principale: Håkan Hanberger, Professore, Università di Linköping, [email protected], 013-28 10 41. 070-579 71 02
Domande metodologiche e statistiche: Charlotte Edlund, Professore, Agenzia svedese per la sanità pubblica [email protected], 010-205 20 11, 072-385 13 11

Comunicato stampa inviato da:
Karen Soderlund Leffler
Editor di scienze presso l’Università di Linköping
www.liu.se
013-281395 o 073-4170159
[email protected]

Vuoi altre notizie dall’Università di Linköping? Attraverso la newsletter “Ricerca e società – Notizie dall’Università di Linköping” è possibile partecipare alle ultime ricerche e collaborazioni dell’Università di Linköping. Iscriviti qui

tag:

READ  L'esperto: fino a quando non avrai più allenamento sul pepe - Con ...