TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Axel Englund vede "Venus & Adonis" e "Dido & Aeneas" in Confidencen.

Axel Englund vede “Venus & Adonis” e “Dido & Aeneas” in Confidencen.

riconsiderare. Oprah? Preferibilmente, se il tempo di recupero è consentito in inglese. Il teatro di parola con la musica è valutato più in alto dell’invenzione italiana con le tracce completamente cantate. Le opere inglesi degli anni 1880 che sono considerate oggi particolarmente capolavori furono mostrate e non ebbero influenza sui loro contemporanei: giovanni soffia “Venere e Adone” del 1683 e Henry Purcells “Dido & Enea” del 1689. Ora entrambi possono essere visti a Confidencen, dove sono la figura principale del festival estivo di quest’anno.

Ora metterli insieme per la prima volta in Svezia è di per sé piuttosto interessante. Il set è presentato in diversi modi: Blow era l’insegnante di Purcell, ed entrambe le opere sono brevi commedie in tre atti basate sul mito romano e ognuna ha una coppia tragica al centro. Olof Baumann Una squadra raffinata si svolge con un’isola sana. Ida Ranzloff, al centro come sia Venere che Didone, non ha suono di luce, il tipo dritto che normalmente si sente nei contesti barocchi, ma con il suo nucleo rigonfio, è meravigliosamente immerso nello spazio intimo di Confidence. Invece è bellissimo Christina Larsson Malmbergs Soprano chiaro tipo più tipico (la signora Belinda con gli zoccoli dritti), più coraggio بالإضافة Robert Entechnaps Contenor corposo impressionante (Cupido e Strega rispettivamente).

La regia di William Relton è incentrata sulla commedia, mentre il gioco è piuttosto stilizzato, come se fosse nato da tanti numeri di ballo.

“Venus & Adonis” inizia in un pastore pastorale mentre la dea dell’amore si accumula con il suo amante. Al suo incoraggiamento, esce con riluttanza a cacciare, e un cinghiale lo ha punto ed è morto. Non c’è molta azione, ma la musica di Blow è liricamente semplice e squisitamente sofisticata, piena di esecuzioni sottili. Come quando Venere pensa che Adone dovrebbe andarsene perché lei’Non avrà una cornice caraLe parole sono seguite da una linea di base discendente che indica chiaramente l’impotenza. o quando si classifica la tenerezza reciproca del primo verbo (“Venere! Adone!”) si riflette nel terzo dove canta il suo nome allo stesso modo ma tace in risposta.

READ  Steve Thompson, 43 anni, pazzo - la star dona il suo cervello

William Realtons Regia, il focus è sulla commedia, mentre il gioco è piuttosto stilizzato, come se fosse nato da molti numeri di danza. Diventa un po’ rigido, l’erotismo pastorale non si scalda molto e l’improvvisa tragedia del terzo atto è difficile da convincere. Una scena di ispirazione barocca con molte trasformazioni fa da sfondo a costumi dai colori terribilmente vivaci (vestito di Venere rosso, pantaloncini blu di cupido, abiti bianchi di grazia).

Nell’ambiente ristretto di Dido e Anya, dove regna la tragedia, la scala cromatica diventa ancora più drammatica, con drappi di grilllina, parrucche grigio acciaio e completi neri. storia da Virgilio Enea: la regina Didone si innamora di Enea, appena tornato dalla guerra di Troia. Quando lui la abbandona per fondare Roma, lei uccide la sua vita nella disperazione. Nahum Tate Il testo, tuttavia, aggiunge un gruppo di streghe ispirate a Macbeth che lo inducono a tirare sciocchezze.

Rubert Enticknap e il gruppo in “Dido & Aeneas” di Purcell in Confidencen al castello di Ulriksdal.

Foto: Martin Haglund

In Purcell, il coro deve fare di più dei suoi due ruoli principali messi insieme. I quattro cantanti che sono ritenuti responsabili hanno una pesante responsabilità come servitori e maghi allo stesso modo: Lisa Carliothe Matilda Seden Argentoe Michael Steinbeck e Arsh Azerbai. La duplicazione, ovviamente, avviene per motivi di risorse, ma dà l’impressione che orchestrano deliberatamente il destino di Didone: come servi, incoraggiano il contatto con Enea, come streghe, lo tagliano per distruggerlo.

baritono Bengt prima FULONGOLINA, che canta i ruoli principali maschili, ha i suoi momenti più forti come Ennis alla fine del secondo atto, dove scorre una forte disperazione (“Devi obbedire al comando del SignoreEnea è spesso citato come un personaggio innocuo: non solo si è lasciato subito ingannare dalle azioni di finte streghe (che Selfvers. pagina Canta decisamente con una bella voce di miso scura che è difficile da battere.) Di fronte all’ira di un Didone ferito, fa quindi un timido tentativo di cambiare di nuovo, ma alla fine se ne va senza salutare.

READ  L'Austria calcolata vuole scrivere la storia

Ma anche l’opera di Didone: fu il suo destino a ispirare il cupo orecchino passato alla storia come lamento di Didone (“Quando sono a terraLa sua morte è una sfida teatrale.La sceneggiatura non racconta come stanno le cose e Arius è così tranquillo nel suo dolore che esclude atti drammatici (nel lanciarsi la spada, come in Virgilio).Relton lo risolve elegantemente permettendo a Didone tranquillamente per togliersi i suoi gioielli, per poi scivolare verso l’orizzonte Quando il cielo passa da un grigio tempestoso a un tramonto incandescente, ti tuffi in mare e affondi con le braccia alzate.

Opera barocca inglese? Per quanto possibile, se posso decidere.


musica lirica

Venere e Adone

Didone ed Enea

di John Bleu e Henry Purcell

Reggie William Relton

Coreografia di Sarah Ekman

Scenografia di Krister Nelson

Sophie Anderson Lighting Design

Costume di Anna Kjelsdotter

Maschera di Ellen Graden e Katha Lundin اع

Con Ida Ränzlöv, Bernt Ola Volungholen, Christina Larsson Malmberg Belinda, Rupert Enticknap, Lisa Carlioth, Mathilda Sidén Silfver, Mikael Stenbaek, Arash Azarbad

Capitano Olof Baumann

Konsertmästare Peter Spisky

Confidensen Opera e Orchestra Musicale

Teatro del castello di Ulriksdal, Stoccolma

Durata: 2,30 ore.

Gioca fino al 21/8


di Axel Englund

Axel Englund è un critico dell’aspetto culturale di Expressen e professore di studi letterari. dei suoi libri più recenti.corridoi bui. Poesia e musica all’ombra del Novecento tedesco (2020).



Leggi di più: Nello spazio, nessuno può discutere il diritto del lavoro
Leggi di più: La mano più dura vince ogni battaglia per la parità di diritti


Sull’odio contro Annie Love – nel podcast di Post media

https://embed.radioplay.io?id=87028&country_iso=se”

READ  L'errore di calcolo di Hammarby - punti persi contro Östersund: "È brutto"

L’episodio di questa settimana è condotto da Anna Björklund, celebrità di Della Q. La famosa storia “I Hate Annie Love” è stata scritta su Focus.
Inoltre: il documentario Utøya di SVT, Why So Few Crime Victims are menzionate in Media Reports and Visits di Majda Jad, una giornalista di Kabul.
Podcast multimediale per Expressen con Karin Olsson e Magnus Alselind