TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Assistenza elettrica rapida tramite test preliminari con commissione

“La commissione è ben consapevole delle difficoltà della situazione attuale. Siamo pronti a valutare rapidamente se le misure di emergenza sono compatibili con le norme sugli aiuti di Stato”, ha detto giovedì sera a Nyhetsbyrån Direkt Arianna Podesta, portavoce della commissione per le questioni di concorrenza.

L’esame da parte della Commissione delle varie sovvenzioni energetiche dei paesi dell’UE a seguito della guerra in Ucraina richiede solitamente da due a quattro settimane. I pluriennali – riportati dai media svedesi – si applicano ad altri casi di aiuti di Stato, come il controverso sostegno alla compagnia aerea italiana Alitalia.

Il sostegno all’elettricità della Svezia non è solo. Dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia il 24 febbraio dello scorso anno, la commissione ha approvato 180 pacchetti di aiuti di Stato da 27 paesi dell’UE, la maggior parte dei quali aiuti energetici.

Un processo più rapido consiste nel riesaminare gli aiuti ai paesi per colloqui informali dettagliati con la Commissione prima della notifica formale.

I funzionari della Commissione sono disponibili per discutere la progettazione e risolvere i problemi in anticipo.

“In generale, il tempo impiegato dipende da una serie di fattori, tra cui il tempo e la qualità delle informazioni fornite dallo Stato membro e la complessità dell’azione”, ha affermato Arianna Podesta.

Una volta effettuata la notifica formale, il processo diventa più burocratico.

Mercoledì, il ministro dell’Energia Ebba Bush ha twittato che il governo avrebbe “presto” presentato una notifica alla commissione in merito all’approvazione dei sussidi per l’elettricità alle aziende. L’annuncio è arrivato dopo che l’Ispettorato del mercato dell’energia ha approvato la domanda di sostegno elettrico.

READ  Con il 20enne al centro, la Roma ha salvato la stagione

D’altro canto, le sovvenzioni energetiche per le famiglie non sono necessariamente soggette all’esame degli aiuti di Stato da parte della Commissione, poiché tali sovvenzioni non incidono sulla concorrenza tra imprese in Svezia o tra paesi dell’UE.

Le regole sugli aiuti di Stato sono state ammorbidite durante la pandemia di coronavirus e ora la guerra in Ucraina, in modo che i paesi dell’UE possano fornire maggiore sostegno alle loro imprese durante queste crisi.

I 180 aiuti nazionali approvati corrispondono a 672 miliardi di euro. Di questi, il 53% è costituito da aiuti tedeschi (9,2% del PIL tedesco nel 2022), il 24% da aiuti francesi (6,1% del PIL francese) e il 7,6% da aiuti italiani (2,7% del PIL italiano).

Gli aiuti della Danimarca rappresentano il 6,5% del PIL del paese e il 6,5% della Finlandia.

Il sostegno non include solo sovvenzioni e prestiti, ma spesso garanzie che non sono necessariamente utilizzate.

Finora sono stati approvati aiuti del governo svedese per l’agricoltura di 1,6 miliardi di corone svedesi e 469 milioni di euro per la cooperazione nell’intera regione del Mar Baltico.

Su richiesta dei paesi dell’UE, la Commissione sta ora preparando una proposta per rivedere le norme sugli aiuti di Stato. Alcuni sono allentamenti temporanei delle regole durante la guerra in Ucraina.

Un’altra area sono le esenzioni permanenti per le tecnologie rispettose del clima per far fronte ai massicci aiuti per il clima di 369 miliardi di dollari americani previsti dall’IRA, l’Inflationary Reduction Act.

I paesi del sud dell’UE vogliono un nuovo fondo UE per gli investimenti verdi, mentre i paesi del nord sono più interessati alla rivalutazione delle risorse esistenti.

READ  Napoli - Roma, 18/4: Suggerimenti di gioco e streaming

Il vertice UE del 9-10 febbraio dovrebbe discutere di nuovi aiuti di Stato e dell’IRA.