TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Armand Duplantis ha perso il clima perfetto di Parigi

Mundo Duplantis è saltato sotto una pioggia torrenziale a Oslo domenica scorsa.

Dopo due giorni a Parigi?

Tempo perfetto per il salto con l’asta, poco più di 30 gradi e vento in coda alla buca.

– Può saltare 6,21 in quelle condizioni. Ne sono assolutamente convinto, afferma il suo manager, Daniel Weisfeldt.

Stava per diventare la Paris Diamond Leagiue invece di Oslo, quando Mundo e Wessfeldt si sono seduti e hanno presentato il programma della competizione di questa estate.

– Sì, abbiamo appena parlato del tempo prima di questa decisione, perché è sempre incerto in Scandinavia ma di solito a Parigi va bene. Ma Mondo ama gareggiare qui e la Norvegia si sente quasi come a casa per lui. Ecco perché ha scelto Oslo. Alla fine decide sempre da solo.

Ora il tempo è sbagliato.

secondo.

Proprio come nelle precedenti tre gare all’aperto, gli dei del tempo si sono rifiutati di schierarsi con Mundo.

La pioggia è caduta su Bislet giovedì e ha quasi annegato i convogli di salto con l’asta.

Ci sono stati alcuni momenti di pausa e il bagnato Mondo è riuscito a scavalcare alla fine il miglior 6.02 di Capodanno del mondo.

– Penso che pochissime persone capiscano quanto sia buono. Quello che fa in queste circostanze è assolutamente incomparabile. E mi consola il fatto che si tratta di tornei uomo contro uomo. Poi non c’è nessuno che lo batta se è sano.

“Saggio di esso”

Ma non può gareggiare anche a Parigi?

No, vuole competere con parsimonia fino alla Coppa del Mondo e questa è la sua saggezza. Gli dà il tempo di allenarsi e fare terapia tra le competizioni.

READ  La ricetta di Medvedev per la vittoria: pensa come Djokovic

Mundo ha saltato 6,15 come il migliore all’aperto, cinque centimetri in meno dell’ultimo record mondiale di 6,20 che ha stabilito alle finali indoor di Belgrado a marzo.

Le condizioni perfette all’aperto sono molto rare, ma questa sera a Parigi lo era.

Ora il belga Ben Broders ha vinto la competizione con il tempo di 5.80, mentre il saltatore di testa Rino Lavillenie è arrivato secondo alla stessa altezza.

Entrambi hanno gareggiato anche a Oslo, rimanendo a 5,60 – venti centimetri.

Questo dice tutto sul significato del tempo.

– Sì, lo offro ora a una gara con il bel tempo. Spero che lo riceva al Gala del Bauhaus.