TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Annamariga Lambique scioccata al suo debutto: “Emozionante performance!”

Annamariga Lambek, come i suoi predecessori Dennis Hermann Wieck e Stina Nilsson, è passata dallo sci di fondo al biathlon prima di questa stagione.

All’esordio in volata a Hochfilzen, lo sloveno è uscito forte e ha preso il comando a poco meno di 13 secondi dalla fine del primo tiro orizzontale. Una volta lì, sorprende tutti sparando a una casa pulita.

– Ma guarda, cosa sta succedendo? Mette tutti e cinque. È uno sforzo entusiasmante! ha esclamato il commentatore di SVT Niklas Nord.

superiore nel tempo di percorrenza totale

Lambeck ha continuato a guadagnare forza in pista, ma in un servizio fotografico, la realtà ha preso il sopravvento sul nuovo arrivato dello sport: tre battute in totale.

Ma grazie a un tempo di guida nettamente più veloce, ben 27 secondi davanti alla seconda Elvira Oberg, lo sforzo è stato sufficiente per il quinto posto. Rispetto a Stina Nilsson, Lampic è stata più veloce di 1 minuto e 23 secondi nel tempo totale di guida.

– È assolutamente incredibile. Tanto di cappello a me, è davvero impressionante. Sapevo che avrebbe cavalcato bene dopo quello che aveva fatto a Idre. Io stesso so quanto sia difficile. Stina Nilsson, che oggi ha commesso due errori ed era 35esima, dice di aver gestito la cosa come meglio poteva.

Due oggetti di scena ciascuno per Elvira e Hanna Öberg

Elvira Oberg è stata la migliore svedese al quarto posto. Lei e Hannah Oberg avevano una trave nello stare sdraiati e una trave nello stare in piedi. Per Hanna Öberg, che è arrivata sesta, la barra è arrivata in piedi sull’ultimo colpo ed è stato un bordo innevato.

READ  Ike è caduto a casa sua davanti a Linköping: "Fa schifo".

– È un po’ una schifezza in quell’ultimo scatto al cavalletto, mi sembrava di aver capito davvero. Ma penso di essere stato troppo fermo e spinto prima di entrare nel punto. Era come se pensassi che avrei avuto più movimento nel mio corpo, dice Hannah Oberg.