TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Andreas taglia il collo a Bengt: “Vedo la sua maglia ogni giorno”

Il tragico incidente è avvenuto durante una partita di allenamento tra Moura e Brinas nell’ottobre 1995. Nel terzo periodo Andreas Olsson ha subito un fallo e ha perso l’equilibrio. In questo caso, è salito sulla slitta e ha colpito Bengt Okkerblom al collo.

Andreas è arrivato subito e ha cercato di fermare l’emorragia, ma l’arteria carotide è stata recisa e la vita di Bengt non ha potuto essere salvata.

Quasi 30 anni dopo, ha raccontato le parole dei genitori di Bengt e della sua ex compagna Helena che lo hanno aiutato a superare la tragedia.

– I genitori di Bengt e Helena mi hanno detto che non dovevo sentirmi in colpa e questo mi ha aiutato molto, dice Andreas Olsson.

– È stato molto importante sentirlo dire da coloro che erano così colpiti.

Helena Thorslund Gallacher conviveva con Bengt Okerblom quando morì.  Dopo il recente incidente mortale avvenuto in Inghilterra a novembre, ho chiesto per la prima volta ad Andreas come sia avvenuto l'incidente di Bengt.

Foto: Jonas Lindqvist

Oggi è un allenatore Per la squadra Mora J18. C’è un “non proprio un problema” se i giocatori devono usare la protezione del collo.

Ogni anno, metà della squadra sale al livello J20 e c’è un nuovo gruppo dal basso che inizia alla Mora Hockey Gym. Prima di ogni stagione Andreas spiega ai giocatori perché per lui la protezione del collo è una questione centrale.

– Ti dirò cosa è successo e come è successo. Mi emoziono molto quando ne parlo e penso che sia un modo per dimostrare quanto sia importante per me e in parte che anche questo allenatore ha dei sentimenti.

Nel suo lavoro di allenatore, gli viene costantemente ricordato l’incidente di Bengt. Diverse volte alla settimana vede sequenze che potrebbero finire allo stesso modo, ma non lo fanno.

-Vivo in un ambiente in cui devo affrontare le stesse situazioni senza lo stesso tragico esito. Vedo la maglietta di Bengt ogni giorno. Forse non ho mai lasciato questo mondo, in un modo o nell’altro.

Immagine 1 di 2

Foto: Jonas Lindqvist

Immagine 2 di 2

Foto: Jonas Lindqvist

Nel frattempo non è mai esistito Alcuni dubitano che Andreas continuerà a giocare a hockey.

– No, sono nato per questo. Sono stato sul ghiaccio per tutta la vita.

Ha combattuto a lungo affinché i suoi giocatori non dimenticassero mai quanto sia importante indossare la protezione per il collo. Dopo il tragico e mortale incidente nella Premier League britannica, ora spera che nessuno lo dimentichi.

Per Andreas è una questione di leadership e di connessione: ai giocatori non dovrebbe essere permesso di uscire sul ghiaccio senza protezione per il collo.

– È molto importante che in questa pista di pattinaggio e in questa associazione venga gestita in modo elegante, con rispetto per Bengt. E in una certa misura anche io, dice Andreas Olsson.

Per saperne di più:

La morte del suo compagno di pista di pattinaggio ha cambiato tutto per Helena

“È apparso in modo tragico, ma allo stesso tempo non è meno importante.”

Richiesta di protezione del collo post mortem – ma la NHL sta aspettando

READ  La benda arcobaleno sconvolge la UEFA - La Germania potrebbe essere punita