TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Analisi: Delta può causare mutazioni più pericolose

Quando i ricercatori affermano che i rischi sono raddoppiati e l’incidenza della malattia è aumentata del 70 percento, arrivano direttamente alle prime pagine delle notizie. Questo è anche il caso dello studio scozzese sulla nuova variante delta, recentemente pubblicato. Ma se guardi i numeri nello studio, si tratta ancora di numeri piccoli e di un multiplo di livello molto basso.

I ricercatori responsabili dello studio hanno esaminato più di 19.000 nuovi casi di corona registrati nella regione nei mesi di aprile e maggio di quest’anno. Di questi, 377 persone hanno dovuto essere ricoverate in ospedale per cure. Meno della metà dei ricoverati, 134 persone, portavano la nuova versione Delta. Sulla base di questo numero, 134 persone, è stato calcolato che la necessità di cure ospedaliere è doppia per chi ha il delta.

Ha guadagnato un punto d’appoggio tra i giovani

Quindi è una base piccola e quindi l’incertezza che circonda le conclusioni è ancora grande.

Lo studio mostra anche che solo i non vaccinati hanno la variante delta. Sebbene il vaccino sia un po’ meno efficace, offre comunque una protezione del 60-79% contro la variante delta, a condizione che vengano effettuate due iniezioni.

La variante delta ha ormai preso piede soprattutto tra i giovani, proprio perché questi gruppi non sono ancora immuni nemmeno nel Regno Unito. Anche gli adulti sono stati colpiti dalla variante delta, ma questo perché c’è ancora un ampio gruppo di persone in Scozia che non sono ancora completamente vaccinate. A giugno, poco meno del 40% della popolazione adulta aveva ricevuto due iniezioni.

Mutazioni più pericolose

Ma c’è un altro fattore di preoccupazione con la rapida diffusione della variante delta: una mutazione che prende piede può a sua volta portare a più mutazioni che portano a più mutazioni. A poco a poco si possono sviluppare nuove varianti virali che ci portano sempre più lontano dalle varianti originali da cui è stato sviluppato il vaccino che abbiamo oggi per proteggerci.

READ  Lo studio conferma: un buon vaccino protegge contro Delta

Ho chiamato il virologo Niklas Arenberg dell’Università di Umeå e l’ho contattato nel bel mezzo del suo lavoro per sviluppare farmaci per il coronavirus. Pensa che ci sia motivo di preoccuparsi per la variante delta: se non riusciamo a rallentare la diffusione del delta, c’è il rischio che alla fine ci saranno nuove varianti che il vaccino di oggi non morderà. Poi torneremo di nuovo al quadrato zero, dice Arnberg.

“I vaccini sono ancora efficaci”

Il virologo Ali Mirazimi, che sta lavorando allo sviluppo di nuovi vaccini contro il coronavirus, concorda sul fatto che il pericolo di Delta è che apre la strada a nuove mutazioni. Tuttavia, crede che il virus non riuscirà a mutare in modo così aggressivo da rendere i vaccini completamente inefficaci, anche se l’effetto si deteriora un po’.

Domani l’Agenzia svedese per la sanità pubblica fornirà nuove informazioni su come si sta diffondendo la variante delta in Svezia. Nel Regno Unito, dove Delta ha preso il pieno controllo, le autorità hanno deciso di sospendere l’allentamento delle restrizioni. La domanda che dovremmo essere in grado di decidere ora è se sia davvero un buon momento per allentare molte restrizioni qui a casa in Svezia quando sappiamo che la variabile delta sta salendo anche qui.

È necessario fermare la diffusione della variabile delta. Per avere successo, le vaccinazioni devono essere continuate e completate. Fino a quando non saremo completamente vaccinati, dobbiamo fare ciò che sappiamo di dover fare. Mantieni le distanze e lavati le mani.

Nella clip: Emma France sulla formula delta

JavaScript deve essere abilitato per riprodurre il video

SVT non supporta la riproduzione nel browser. Quindi ti consigliamo di passare a un altro browser.

“Si può vedere che questa variabile sta diventando dominante molto rapidamente”, afferma Emma France al Morgonstudio di SVT. immagine: SVT