TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amat Levine: la politica dell’UE trasforma il Mediterraneo in una fossa comune

È passato solo sei mesi Il bilancio delle vittime ha già superato i 700. Il Mediterraneo è stato descritto come la peggiore rotta migratoria al mondo, soprattutto tra Libia e Italia e Malta. Sebbene il numero di migranti che attraversano il Mediterraneo sia diminuito negli ultimi anni, il tasso di mortalità è aumentato.

Martedì, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha incontrato l’UNHCR Una dichiarazione Ciò ribadisce ciò che molti hanno avvertito; Nonostante l’elevato numero di morti non si verifica, ma a causa della politica di immigrazione dell’UE.

Il rapporto “Ignora la morte – ricerca, salvataggio e salvataggio dei migranti nel Mediterraneo” è molto critico nei confronti del sindacato. Nel 2017 è stato riferito che gli immigrati neri africani erano stati venduti Mercati di schiavi libici Il paese frammentato e dilaniato dalla guerra continua a ricevere denaro dell’UE in un programma senza fine per impedire agli immigrati di raggiungere l’Europa.

Ufficialmente, l’UE è stata incolpata Supportare la Guardia costiera libica per migliorare la sua capacità di effettuare operazioni di soccorso e prevenire il traffico illegale.

In pratica, il sostegno ha dato più mandato alla Guardia Costiera nota per i suoi interventi imprudenti. Molti dei casi mostrano come hanno sparato su barche di migranti, ribaltando o distruggendo i loro motori per costringerli a tornare in Libia minacciati.

I fortunati finiscono in centri di stoccaggio antigienici maltrattati e viene servito cibo scadente. Il resto è a rischio di tortura, sequestro di persona, estorsione, lavoro forzato e violenza sessuale. L’asta degli schiavi del 2017 non è un evento, Gli immigrati testimoniano ancora sul marchio, sulle donne vendute alla prostituzione e sugli uomini costretti alla schiavitù nelle fattorie e nei cantieri, o che agiscono da protagonisti nei conflitti armati.

Si dice che Malta, ad esempio, abbia noleggiato navi private per scacciare le barche dei migranti, e in Grecia è stata accusata dei cosiddetti “respingimenti”, costringendo i migranti ad attraversare il confine.

Come I paesi europei del Mediterraneo hanno ridotto il numero delle operazioni di soccorso, mentre sono aumentate le operazioni della Guardia costiera libica. Entro il 2020, avevano deportato un totale di 10.350 migranti, che sono stati poi costretti a rientrare in Libia, con un aumento di quasi 2.000 rispetto all’anno precedente. Alla luce dei problemi che dovranno affrontare quando finiranno in custodia libica, l’ONU ritiene che l’espulsione viola il principio di “non rimborso”, il che significa che gli immigrati non dovrebbero essere deportati in luoghi dove le loro vite sono in pericolo o dove si trovano. a rischio di essere trattati in modo disumano.

READ  Ecco come le aziende italiane possono vaccinare i propri dipendenti contro il virus corona

Allo stesso tempo, le agenzie umanitarie europee che rispondono alle chiamate di emergenza sono state opposte o accusate. Quattro membri del gruppo di volontari italiani Iuventa10 sono attualmente a rischio 20 anni di reclusione Per le loro operazioni di salvataggio.

Il rapporto delle Nazioni Unite critica i paesi mediterranei europei per non aver risposto agli allarmi di emergenza marittima o per le loro stesse pratiche dannose. Si dice che Malta, ad esempio, abbia noleggiato navi private Scaccia le barche degli espatriati “Cosiddetto” grecoBush è tornato“- Spingere con la forza i migranti oltre il confine. I paesi devono anche aver sabotato i motori dei traghetti. Ha lasciato la nave Galleggia senza meta per diversi giorni con le razioni che finiscono rapidamente.

UN Lunga lista Le richieste di riforme includono che l’UE deve accettare una responsabilità comune per prevenire le morti, interrompere la consegna delle operazioni di ricerca e soccorso alla Libia e sospendere il sostegno economico e logistico alla guardia costiera libica fino a quando il paese non dimostrerà che è stata intrapresa un’azione umanitaria.

Resta da vedere se la condanna apporterà cambiamenti concreti. UN Il rapporto viene pubblicato contemporaneamente L’Unione europea è attivamente alla ricerca di nuovi accordi, Non solo con la Libia, ma anche in Tunisia e Marocco.

“Non possiamo accettare rifugiati da tutto il mondo”, ripetiamo magicamente, chiudendo gli occhi davanti alla politica di trasformare il Mediterraneo in una fossa comune in continua crescita.

leggi di più:

Amat Levine: il sogno di chat gratis di Rose Logicim è di nuovo minacciato

Amat Levine: Ora c’è una crescente pressione da parte dell’Occidente per restituire i manufatti africani rubati

READ  Il libro di scuola italiano prende in giro la ragazza cinese